Utente
Buonasera vorrei porre questa domanda in modo specifico al dottor Quartaro in base a queste sue dichiarazioni: L'endoscopista (le parlo proprio in quanto endoscopista) può, in base alla sua esperienza ed alle difficoltà tecniche legate all'esame, intuire di trovarsi di fronte ad un dolicocolon. Cosa vuol dire? In che senso intuire, se non è dolicolon cosa è? Scusi per la domanda specifica, ma questa cosa, considerando la mia ignoranza, mi ha lasciata un po' perplessa... Grazie buonasera...

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L'evidenza del dolicocolon (colon più lungo della norma),
è dimostrabile in maniera oggettiva
essenzialmente con diagnostica per immagini di tipo radiologico (ad es. RX-clisma, clima TC).

L'endoscopista, esplorando il colon dall'interno, seguendo quindi il lume del viscere,
può rendersi conto di quanto il colon sia convoluto e difficile da esplorare,
potendo però solo ipotizzare un dolicocolon.

Questo perchè, comprensibilmente, fa leva su un giudizio molto soggettivo,
parecchio influenzato dalle capacità e dall'esperienza dell'operatore.

Le faccio un esempio usando dei numeri:
... l'esplorazione di un colon che presenta per un operatore un grado di difficoltà 10,
per un altro può esserlo di 7 o 5, etc.

Pertanto il giudizio endoscopico sulla conformazione del colon, come avrà potuto notare, risente di soggettività.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua risposta, ma un colon difficile da esplorare da cosa può provenire, nel mio caso in particolare, alla prima colonscopia mi dissero: ci metteremo tempo hai l'intestino a montagna, nella seconda dolicolon, questa difficoltà di esplorazione è un limite? E una patologia? La ringrazio nuovamente..

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
No,
non è una patologia,
è una conformazione possibile del colon,
che però può giocare un ruolo nel favorire dei disturbi evacuativi (es. stipsi).
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Gentile dott. Quartaro volevo ringraziarla per la sua disponibilità e professionalità, e comunicarle che per adesso siamo giunti alla diagnosi di les anche he se ancora ora nessuno mi sa spiegare cosa c'entrano i dolori addominali, grazie anche ora tante per l'attenzione...

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
I dolori potrebbero essere svincolati dal LES e legati al meteorismo,
spesso presente nei casi di dolicocolia.

Saluti Cordiali
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Dottore Quartaro non volevo chiederle dei dolori volevo solo ringraziarla, per la sua professionalità e per l'attenzione che mi ha rivolto, anche a quesiti spesso ripetitivi... Grazie...

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Grazie dell'attestazione.

Saluti cordiali
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente
Dottore mi rivolgo nuovamente a lei per chiederle un parere, nell'ultimo periodo la situazione è peggiorata, sono hiusa in casa da settimane, sono stanca, affannato, e ho una costante tachicardia tutti i giorni, tutto il giorno, e non riesco o più a mangiare, non appena mangio faccio scariche di diarrea, qualunque cosa mangio, comincio ad eruttare e sono dimagrita tanto... Mi hanno detto che è ansia, ma allo stesso tempo ho fatto l'esame delle catecolamine nell'urina e i tempi di attesa sono lunghi, quindi devo prendere: plaquenil per il lupus, xanax per l'ansia, e xeristar antidepressivo, il mio dubbio è questo: se io avessi un livello alto di catecolamine, e prendo questo xeristar che inibisce la ringrazio ricaptazione ella serotonina e noradrenalina, non mi peggiora la tachicardia? A cosa vado incontro... Nell'attesa di una sua risposta la saluto cordialmente... Buongiorno...

[#9]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Si,
il prodotto ha, fra gli eventi indesiderati, la possibilità di aumentare il ritmo cardiaco.

La valutazione su coa fare sul piano squisitamente terapeutico deve condividerla con il suo prescrittore.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#10] dopo  
Utente
Dottore mi scusi ancora volevo chiederle che osa significa accentuazione della trama polmonare in regione perilare e paracardiaca risultante da una radiografia del torace? Poi un'altra cosa che io non capisco se sospettano un funzione eccessiva della ghiandola surrenali, perché prescrivere antidepressivo per la noradrenalina, ho chiesto ma nessuno sembra darmi risposte concrete... Mi scusi ancora... Grazie...

[#11]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Per la prima domanda posso risponderle che la definizione lascia trasparire una broncopatia cronica,
per la seconda l'unico che può risponderle è il suo prescrittore,
in quanto depositario della valutazione diretta del paziente.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12] dopo  
Utente
Gentile dottore Quartaro mi rivolgo a lei pur sapendo di andare introduzione le linea guide, in quanto potrebbe sembrare una comunicazione a due, ma ho bisogno di un suo parere, in seguito ai miei dolori addominali, peggiorati nell'ultimo periodo, fino a perdere in una settimana due kg, la tachicardia,dolori alla s hiena stanchezza, nausea e tutto il resto mi sono rivolta ad un endocrinologo, il quale mi ha prescritto i maker tumorali, cromogranina, un altro he non so scrivere per vedere la serotonina, e calcitonina, per adesso ho solo i risultati della tac addome superiore con metodo di contrasto, le riporto il risultato:

Fegato regolare per volume e contorni, con rilievo nel IV segmento, in sede centrale, di formazione rotondeggiante di circa 13 mm di diametro che nel corso dell'esame dimostra caratteristiche di segnale compatibili con quelle dell'antimafia e di cui tuttavia si consiglia prudenziale valutazione ecografica a distanza. Vie bilari intra epatiche ed epatocoledoco non dilatati, colecisti a pareti regolari, senza apprezzabili calcoli endoluminali.
Non si rivelano significative alterazioni della morfologia e delle caratteristiche tomodensitometriche a carico di milza, pancreas, surreni e reni, che in particolare dimostrano spessore del parecchia conservato e cavità escetrici regolarmente canalizzato. Non sono apprezzabili linfonodi addominali (intra e/o retroperitoneali) significatimente aumentati di volume.

Le mie domande sono: ciò esclude un tumore al pancreas? O un tumore neuroendocrino?
Dato che io ho una connettivite indifferenziata, non si sa se lupus o sindrome di sjogren, questi miei problemi potrebbe derivare da un attacco del sistema immunitario ad un organo digestivo? In questo caso mi devo rivolgere ad un gasteoenterologo? La mia reumatologa ha semplicemente passato la palla all'endocrinologo... Cosa ne pensa? Grazie per l'attenzione...

[#13] dopo  
Utente
Mi scusi ma invece di angioma ho inserito antimafia...

[#14]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ha avanzato ipotesi non realistiche,
la TC ha rilevato solo un angioma,
.,, formazione del tutto benigna!
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#15] dopo  
Utente
Dottore mi scusi se insisto ma per quanto riguarda il tumore neuroendocrino? La tac non lo esclude? L'endocrinologo alla visita mia ha parlato di una sindrome da carcinoide, che potrebbe portare i sintomi da me riferiti, e per questo io chiedevo se i maker tumorali sono positivi, cosa si fa? Per capire dov'è?

[#16]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Come le ho scritto la TC non evidenzia neoplasie,
nè mi sembra di poter parlare in prima ipotesi di tumori neuroendocrini, assai numerosi ed eterogenei,la cui diagnosi è molto complessa.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it