Utente
Egr. Dr. utente 75703. Vi scrivo per conto di un intimo amico mio.
Anamesi oncologica
- 9/12/2015: il paziente esegue RSCS che mostra nel sigma, a 35 cm dal margine anale, neoformazione che si estende longitudinalmente per 4cm sulla quale si eseguono multiple biopsie. L’esame istologico delle biopsie depone per adenocarcinoma infiltrante.
- 12/02/2015: la TC total body non mostra presenza di malattia a distanza.
- 26/02/2015: il paziente si sottopone a intervento di emicolectomia sinistra video-assistita. L’esame istologico depone per adenocarcinoma G2 del grosso intestino, infiltrante il tessuto adiposo sottosieroso, con metastasi in 2/5 linfonodi regionali.
- pT3 pN 1b RO STADIO IIIB.

In considerazione dello stadio di malattia si pone indicazione a trattamento chemioterapico adiuvante secondo lo schema XELOX: Cicli ripetuti ogni 21 giorni per un totale di 8 cicli.

Vorrei chiedervi, in considerazione a questo tipo di carcinoma, se tutti i pazienti hanno la stessa possibilità di guarigione, cioè del 50% o può variare da soggetto a soggetto?

Cordialmente

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Ovviamente c'è sempre una variabilità fra paziente e paziente e ciò dipende da tanti fattori e fra questi anche la reazione al trattamento chemioterapico.


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dr Cosentino per la sua disponibilità. Utente 75703 Approfitto nel ringraziarla per chiederle dove viene eseguito l'esame gluten sensitivity, perchè, forse è uno dei pochi esami che non ho mai fatto per i miei problemi intestinali che mi affliggono da moltissimo tempo. Da circa quattro/cinque anni a tutt'oggi la sintomatologia è fortemente invalidante, da creare imbarazzo nel lavoro (insegnante) e nei rapporti sociali. Diagnosi colon irritabile.
I disturbi intestinali si manifestano:
- o con defecazione laboriosa con fortissimi dolori addominali che si attenuano quando le feci diventano molto polpacee. Sono costretto a stare in bagno minimo una o due ore.Dopo queste crisi dolorosissime mi resta il mal di pancia.
-o con più evaquazioni giornaliere 7/8 con feci formate, più di rado polpacee con mal di pancia che mi accompagna per tutta la giornata. Resistente a qualsiasi trattamento/ antispastici, ansiolitici, antidepressivi ecc...
Per aver tolto un piccolo adenoma villoso del sigma con displasia diffusa di grado lieve, eseguo ogni 5 anni una colonscopia. Il 5/11/2012 ho eseguito colonscopia e gastroscopia. Referto: Esplorazione fino alla valvola ileo-cecale.La presenza di feci nei segmenti esaminati consente di escludere solo grossolane lesioni.Gastroscopia: ernia iatale.Per una iperferritinemia dal 1988 con valori di labotatorio che oscillano da 700 a 1300 eseguo esame del sangue ogni anno.
Transferrina e ferro nella norma. Esclusa l'emocromatosi. Non eseguo salasso terapia e non prendo medicine.
Non ricordo bene da quanto ho iniziato a dimagrire, 6/7mesi un anno fa. Sono dimagrito di 14 kg. Sono seguito da un endocrinologo per noduli tiroidei. Al momento non sono in terapia. visita di controllo fra qualche giorno. Esami recentissimi : TSH 0.207, FT3 2.91, FT4 1.27. Leggermente più basso il TSH rispetto anno precedente. Ecografia addome negativa(recentissima)
Vorrei chiederle:
- visto il dimagrimento e la pulizia incompleta dell'intestino se anticipare la colonscopia e rifare una gastroscopia.

Cordialmente


[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Non ci sono esami per la diagnosi della Gluten Sensitivity. La diagnosi e nel miglioramento dei sintomi con l'esclusione del glutine dalla dieta.

Non vedo motivi per ripetere la colon ogni 5 anni.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora Dr. Cosentino per la sua disponibilità. Per quanto riguarda il mio dimagrimento, come spiegato nel post precedente, ieri sono stato in visita dall'endocrinologo che mi segue da anni per dei noduli tiroidei. L’endocrinologo mi ha consigliato di ripeter la scintigrafia, e se quest'ultima uscisse negativa, e nonostante il tsh sia ancora nella norma nei limiti bassi, provare a prendere una mezza compressa di Eutirox. Chiaramente mi ha consigliato di eseguire altri accertamenti per questo calo ponderale eccessivo, verificatosi all’incirca nell’arco di un anno, se il curante lo ritenesse utile. Il curante mi ha fatto fare solo esami ematochimici più eco addome: emocromo completo, ves, PCR, glicemia, creatinemia, colesterolo, transaminasi, transferrina e ferritina, esame urine, TSH, FT3, FT4 e PSA. Presa visione degli esami eseguiti, non ha ritenuto opportuno continuare le indagini, dicendo che il mio dimagrimento, dipende da uno stato di preoccupazioni eccessive e dallo stress. Valori tutti nella norma, eccetto ferritina=715, PSA =6,16 – rapporto 0,27. Colesterolo=224 – HDL=66. Per il valore alto del PSA sono seguito dal mio urologo, che comunque ritiene di stare tranquillo, in quanto altre volte il PSA era uscito alto e poi si è abbassato con gli antibiotici. Inoltre mi ha assicurato di stare tranquillo, anche perché, il rapporto libero/totale è buono.
Oltre ai disturbi intestinali, di n.n.d. come spiegato nel post precedente e nonostante il continuo mal di testa, non ho astenia e mancanza di appetito.

Egr. Dr. vorrei chiederle :
- per il dimagrimento(non dovuto alla mancanza di appetito), per quanto riguarda l'apparato digerente, devo ripetere la colonscopia e la gastroscopia fatta circa tre anni (per i motivi spiegati nel post precedente)
- ogni quanto tempo devo ripetere la colonscopia, in considerazione del consiglio che Lei mi ha dato nel post precedente in rapporto a quello che ho scritto.
- se eseguire i markers tumorali
- poiché non sono d’accordo con il medico curante , per quanto riguarda il dimagrimento(secondo me lo stress, le preoccupazioni, la depressione e via dicendo, fanno dimagrire solo se ti fanno ridurre l’appetito, quindi l'apporto calorico). Ma se l’appetito rimane conservato, non credo che le preoccupazioni, ecc… facciano dimagrire in modo significativo). Visto la decisione del curante, ho fissato di mia iniziativa un appuntamento dal neurologo, perché da circa un mese il mio mal di testa, che ho da anni, ha modificato la sintomatologia e ho fissato anche un appuntamento dall’otorino, sempre per il mio mal di testa. Vorrei chiederle cosa ne pensa a riguardo.

Cordialmente

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
1) Non ritengo necessario ripetere la Gastro e Colonscopia

2) la Colonscopia ogni 5 anni mi sembra sufficiente, ma bisogna sapere le dimensioni del polipo tolto.

3) Concordo sulla visita neurologica.


Cordialità


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente
Grazie Dr. Cosentino per i consigli che mi sta dando.
La formazione polipoide sessile è di circa 4mm di diametro.Mio padre all'età di 93/94 anni è stato operato di carcinoma colon ascendente. Mi è stato consigliato dall'ospedale dove si è operato di far eseguire la colonscopia anche ai miei figli all'età di 30 anni, in quanto ci sono casi in famiglia di: carcinoma mio padre e adenoma villoso (utente 75703). A mia figlia all'età di 28 anni, per dolori addominali ha eseguito colonscopia con esito negativo. Mio figlio per altri problemi(febbre di n.n.d. all'età di 30 anni ha eseguito diverse colonscopie.(all'esame ensoscopico: lieve eritema a livello rettale. Il primo esame istologico conferma RCU colon ascendente trasverso, discendente e retto. Secondo esame istologico : RCU quiescente solo a livello rettale, negativo al colon ascendente, trasverso e discendente. Idem come il secondo il terzo esame istologico. Inizialmente fatta cura con mesalazina e del gel rettale per pochi mesi e del cortisone preso per una decina di giorni per una sospetta vasculite a tutt'oggi non ha più preso farmaci. Clinicamente, prima della cura, qualche scarica diarroica con tracce di sangue, soffre anche di emorroidi. Da 10 anni a tutt'oggi mai avuto problemi intestinali riferiti ad una RCU

Vorrei chiederle:
- dopo quanto tempo, in considerazione di quanto ho scritto, i miei figli devono ripetere la colonscopia
- in base alle dimensioni del polipo, conferma che io devo ripetere la colonscopia dopo 5 anni.
- è possibile che una cura fatta per poco tempo abbia fatta rimanere quiescente per 10/11 anni una RCU
- è sicuro che sia RCU, anchè perchè, all'esame endoscopico, eccetto una lieve iperemia del retto non ci sono mai stati segni importanti all'esplorazione.
- se è RCU potrebbe rimanere quiescente, senza segni clinici per tutta la vita

Cordialmente.

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
I suoi figli non devono seguire una stretta sorveglianza. Devono seguire le regole dello screening dell'ASL di riferimento.

Per lei ok per i 5 anni.

Per suo figlio siamo certi che sia RCU ?


Cordialmente



Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Utente
Grazie ancora Dr. Cosentino. Per le mie conoscenze e quelle del medico curante non esiste uno screening di riferimento della nostra ASL. Per cui non so a chi chiedere.
Le vorrei chiedere, in riferimento, al primo post, per quanto riguardo il carcinoma infiltrante, se vero che un minore numero di linfonodi esaminati si associa ad una minore sopravvivenza e , quindi, il numero di linfonodi esaminati è un importante parametro prognostico. In questo caso specifico : metastasi in 2/5 linfonodi regionali. Linee guida minimo 12 linfonodi da esaminare.
Cordialmente

[#9]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Bisogna chiedere al chirurgo perché non sono stati rimossi altri linfonodi.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#10] dopo  
Utente
Grazie Dr. Cosentino per il tempo che dedicate. Lo so che bisognerebbe chiedere al chirurgo, purtroppo il mio amico è stato operato a Roma e lui vive nel Gargano. Da oltre 15 giorni che prova a mettersi in contatto con l'ospedale per poter parlare col chirurgo, (il dubbio lo fa star male) ma a tutt'oggi non riesce a mettersi in contatto. Il mio amico è una persona decisa, ha sempre reagito e reagisce con coraggio a qualsiasi evento negativo. Aveva deciso di andare personalmente a Roma, ma io glielo sconsigliato sia perchè andare a Roma senza un appuntamento si rischia di fare un viaggio a vuoto sia perchè sta poco bene per la chemio che sta facendo.
Egr. Dr. Cosentino, sicuramente, dare un parere on line su un caso specifico risulterebbe difficile, ma in generale, nella sua esperienza, rimuovere più linfonodi è un parametro prognostico più ottimistico.

Cordialmente

[#11]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Non credo che il trattamento chemioterapico sarebbe diverso in caso di una completa valutazione dei linfonodi. Ma ugualmente non é possibile e corretto dare delle percentuali di guarigione della malattia.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#12] dopo  
Utente
Dr Cosentino la ringrazio di cuore per la sua disponibilità e chiarezza nelle risposte
Cordialmente

[#13]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Di nulla. É stato un piacere essere di utilità.



Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it