Attivo dal 2013 al 2015
Salve Dottore!

da oltre 2 anni, soffro di singhiozzi ed eruttazioni frequenti. . anche a stomaco vuoto. . a volte capita che avvengano simultaneamente o l’uno precede l’altro di pochissimo. . i singhiozzi nella maggior parte dei casi sono interni, cioè non sembrano arrivare a esofago e bocca ma rimangono interni allo sterno e sono come delle piccole-medie contrazioni. dell’addome. ho anche dei gorgoglii in gola quando deglutisco. . da quando ho il disturbo, noto che ho un rallentato svuotamento gastrico. . . questo problema iniziò (oltre che per un pò di stress ), per via di un pasto consumato molto, ripeto, molto frettolosamente. . non ho altri sintomi: nessun dolore, bruciore, rigurgito acido, nausea, vomito ecc. . . mi scusi se insisto su questo punto. se fosse cattiva digestione come mai mi dà i disturbi anche a stomaco vuoto? li ho anche al mattino, pur non aver ingerito cibo e liquidi dalla sera precedente. spesso mi basta un semplice bicchier d’acqua per emettere 1-2 eruttazioni.
Cosa ne pensa?



Volevo andare ancora più nello specifico, Dottore, poi lei mi dirà… credo si tratti (anzi, sono abbastanza certo) di aerofagia…

le spiego… ho fatto tutte le cure possibili e il problema non si è risolto.
il vero e unico problema è che respiro a bocca aperta e non dal naso, questo mi induce ad ingoiare aria, evidentemente, per cui ecco il problema. La cosa che non mi spiego è perché ne soffro da un paio d’anni, quando anche prima respiravo a bocca aperta, ma non avevo di questi problemi…

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Ne abbiamo già discusso del problema. Potrebbe essere un problema di respirazione, a bocca aperta, per cui ne parli con uno specialista gnatologo.


Cordialmente


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Attivo dal 2013 al 2015
Purtroppo, mi risulta sia di difficile individuazione uno gnatologo nella mia zona, ma in ogni caso vorrei che rispondesse a delle domande

1) da sempre respiro con la bocca aperta, ma non da sempre soffro di questo problema, indi per cui, vorrei capire perché ne soffro da un paio d'anni, mentre prima stavo bene...

2) possiamo escludere, visto quello che le ho spiegato della mia situazione, possa trattarsi di ernia iatale piuttosto che di intollerazne alimentari? Inizialmente si pensava potesse essere questo e non aerofagia

3) esisterà una soluzione, non posso pensare che l'aerofagia sia un problema IRRISOLVIBILE, mi pare assurda come ipotesi, mi scusi

4) la risoluzione passa da qualche farmaco?

[#3] dopo  
Attivo dal 2013 al 2015
5 e ultima) a volte le eruttazioni nascono in gola, più che nello stomaco (specialmente dopo che ingerisco un liquido ad esempio), questo significa che - provo ad ipotizzare - essendoci aria in gola, viene naturale lo stimolo di espellerla immediatamente col passaggio di liquidi?

[#4] dopo  
Attivo dal 2013 al 2015
La prego, sia gentile di rispondere alle mie domande

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Si tratta di una incoordinazione del cardias, di aerofagia e di ansia (tanta). Il tutto é risolvibile con l'aiuto di un gastroenterolgo, ma non é possibile farlo via web.



Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Attivo dal 2013 al 2015
Va bene, ma è curabile o non recede la cosa?

la terapia da usare -in questi casi- qual è in genere?

saluti

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
É curabile con procinetici, antimeteorici e ansiolitici.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Attivo dal 2013 al 2015
Mi scusi dottore se replico l'ultima volta, ma con la sua risposta mi aveva fatto venire un dubbio.
le mi aveva se non erro consigliato il simeticone, simeticone che due anni fa mi ordinò il mio medico, il quale però mi diede il Mylicon gas che – mi corregga se sbaglio – esiste solo sottoforma della dose da 40 mg.

Ora però, ho scoperto casualmente che esiste un altro tipo di farmaco (ma sempre simeticone) con dose molto più alta, 120 mg. E' questa la dose consigliata? Ora forse si spiegherebbe il perché potrebbe non avermi dato nessun beneficio. La dose era forse troppo bassa, quindi difficilmente poteva darne?

grazie ancora

saluti

[#9]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ovviamente la dose più alta di simeticone è più efficace per cui é consigliabile assumerla nel suo caso.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it