Utente
Buongiorno,
a luglio sono stato ricoverato per un'infezione da Clostridium, presa dopo un ciclo intensivo di antibiotici, per curare un otturazione andata a male (ascesso e infiammazione della ghiandola sottomandibolare).
Personalmente ho un Crohn in terapia con Remicade (ormai sospeso dopo quanto successo).

Dopo aver eseguito il ciclo con Vancomicina, il test del batterio è risultato negativo, anche se, a mio avviso clinicamente era rimasto tutto uguale se non peggio (perdita ponderale di 24 kg).
Si è pensato che fosse la mia patologia, così si è deciso di cambiare terapia con Humira, che ho effettuato la prima dose qualche settimana fa.

Ad un mese di distanza circa e in concomitanza della nuova terapia, ho voluto rifare il test del Clostridium, perché i dolori addominali si sono intensificati, perdendo ancora peso. Il risultato è stato positivo. Di conseguenza, ho iniziato da qualche giorno la cura con un antibiotico specifico Dificlir, per 10gg. Ho avuto alcuni episodi di febbre alta (38-38.5), anche il giorno che dovevo fare la seconda dose di Humira (che mi è stata posticipata).

Mi chiedo, se è il caso di fare terapia di Humira in questa fase o aspettare che il batterio sia debellato del tutto?
Grazie

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Considerata la sovrapposizione di patologie la sua situazione è particolare e credo quindi sia opportuno decida chi la segue regolarmente e conosce tutto il suo contesto clinico. Prego
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie comunque per la sua risposta.