Utente 263XXX
Gentili dottori, premettendo di essere un tantino ipocondriaco, mi sono allarmato in quanto ieri sera, con un gruppo di amici siamo andati a prendere un caffè. Il risultato della serata è stato che su 6 persone, 5 (compreso io) abbiamo avuto diarrea. Nel mio specifico caso, ho avuto due scariche, entrambe acquose (la seconda estremamente acquosa) con un colore tendente al giallastro. Tra la prima e la seconda scarica ho assunto una pillola e mezza di Imodium sperando di far cessare la cosa e di fatto è successo.

Il mio allarme nasce dalla problematica riscontrata in 5 persone su 6 oltre che per la loro colorazione e composizione. Cosa dovrei fare? Attendere la fine dell'effetto dell'Imodium e vedere come proseguono le successive evaquazioni o contattare già da adesso il mio medico curante?

Preciso, anche se credo sia irrilevante, sono da 9 giorni sotto la cura di fermenti lattici per via dell'estrema rumorosità intestinale dettato, secondo il mio nutrizionista, dal cambio di stagione e soprattutto dal cambio di dieta (ora equilibrata e povera di grassi).

Grazie mille per l'attenzione che mi vorrete accordare e mi scuso se la mia domanda risulti banale o inutilmente allarmante.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
In caso di diarrea acuta MAI ASSUMERE LOPERAMIDE !! !! !!
La diarrea potrebbe peggiorare!
Probabilmente la causa è il caffè (vista l'epidemia)!
Sospenda i latticini per 10 giorni
continui con i fermenti lattici per almeno altri 10 giorni.
se la diarrea si dovesse ripresentare, si faccia visitare !
Resto a sua disposizione!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 263XXX

La ringrazio Dr. Bacosi per la sua gentile risposta.

Mi sono sempre astenuto dall'assumere questa tipologia di farmaci ma ieri sera, trovandomi in giro, dopo la prima evaquazione ho assunto il medicinale credendo che fosse un semplice colpo d'aria (sia io che mio padre ne soffriamo). Ma solo dopo la seconda evaquazione (e per il momento ultima) e solo dopo che anche gli altri amici hanno avuto lo stesso problema, mi sono reso conto di aver sbagliato e che non si era trattato di un semplice colpo d'aria.

A tal proposito vorrei porLe tre domande:

- Ho compromesso o danneggiato qualcosa in questo modo? La funzionalità ri prenderà regolarmente al termine dell'effetto del medicinale?
- Con le successive evaquazione eventuali scarti (come batteri, ecc.) verranno normalmente espulsi?
- Mi perdoni l'ignoranza ma a cosa si riferisce con l'epidemia correlata al caffè?

La ringrazio nuovamente.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) no visto che ha preso poco farmaco
2) si
3) si

intendevo dire (con epidemia) che aveva colpito quasi tutti!

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 263XXX

La ringrazio dottore.
Attenderò qualche giorno per vedere come si evolverà la cosa e in caso di problemi o recidive provvederò ad informare il mio medico curante della cosa o a rivolgermi ad uno specialista.

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
bene!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente 263XXX

Dr. Bacosi volevo aggiornarla con riguardo al consulto.

Avendo assunto l'Imodium nella serata di lunedì, solo mercoledì sono riuscito ad andare al bagno anche se leggermente lento. Ieri ed oggi invece sono andato al bagno in modo perfettamente in regolare.

Nonostante questo una cosa mi preoccupa particolarmente: da martedì sto accusando dei fastidi/dolori (non eccessivi ma ricorrenti) alla bocca dello stomaco come ci fosse un piccolo peso e spesso sensazioni simili a quando si ha lo stomaco vuoto e fame (cosa che non può essere avendo un'alimentazione più che discreto ed equilibrata, grazie al nutrizionista). Inoltre questi fastidi negli ultimi due giorni si sono spostati sia nella parte sinistra che nella parte destra dell'addome. I fastidi sono ad intermittenza perché nell'arco della giornata spesso passano per poi ritornare.

Segnalo che il tutto è accompagnato da parecchia aria nello stomaco che rimuovo tramite rutti. Aria che preciso è comparsa da quando ho inziato a fare la dieta e per la quale il nutrizionista mi ha consigliato fermenti lattici (assunti per 14 giorni, oggi l'ultimo giorno).

Mi dovrei preoccupare di questa caso? Sono un poco spaventato. Lunedì, ad ogni modo, informerò il mio medico curante.

La ringrazio di nuovo per la Sua gentile disponibilità.

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Si faccia visitare dal curante.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente 263XXX

Provvederò lunedì. Mi devo preoccupare?

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
No
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente 263XXX

Gentile Dr. Bacosi, ho effettuato la visita dal gastroenterologo il quale ha provveduto ad elaborare una prima diagnosi sulla base della storia clinica, sintomatologia e palpazione dell'addome. Secondo lo specialista sarei affetto dalla malattia del reflusso gastroesofageo e dalla sindrome del colon irritabile i cui effetti sono da considerarsi anche alla luce della mia ansia, del mio nervosismo e della mia ipocondria.

I dolori addominali, allo stomaco e alle parti esterne dell'addome sono da ricondurre in primo luogo alla presenza di molta aria, il cui cambio di alimentazione dovuta alla dieta ha contribuito significativamente. La terapia è basata su Motilium per 15 giorni e Relaxcol per 30.

Qualora i problemi dovessero persistere, valuterà la possibilità di sottopormi a esami specifici, cosa che credo sia opportuna visto che dopo 12 giorni di cura, pur i dolori essendo scomparsi, si sono manifestati acidità e dolori simili a quelli descritti dalla malattia del reflusso.

Sia il gastroenterologo che il medico curante concordano sul fatto che l'episodio spiacevole della diarrea acuta fosse una coincidenza con le mie problematiche intestinali e che potrebbero al massimo aver risvegliato i sintomi.

Ho voluto riportare l'esito della visita per correttezza nei suoi confronti e per rendere ancor più utile la discussione nei confronti degli altri utenti.

La ringrazio nuovamente.

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Bene!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#12] dopo  
Utente 263XXX

Dottore ma secondo lei c'è la possibilità che il reflusso c'era ma veniva bloccato dalla forte presenza di aria? Perché non comprendo come, essendo scomparsa l'aria grazie alla terapia, sono comparsi i sintomi del reflusso. E inoltre, essendo obeso in via di dimagrimento, potrebbe essere correlata la cosa?

[#13]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
no con l'aria
si con il dimagrimento
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#14] dopo  
Utente 263XXX

Aggiorno il quesito chiudendolo definitivamente.

Dopo la terapia prescritta dal dottore, tutti i sintomi si sono risolti, compresi gli episodi frequenti di gastrite, reflusso e dolore addominale divenendo, il primo, soltanto saltuario. Mi ha riproposto la stessa terapia pro futuro, suggerendomi di continuare a prendere Relaxcol per il futuro senza una particolare determinazione temporale, non avendo effetti collaterali e non essendo un farmaco. Mi ha prescritto poi un antiacido qualora in determinati periodi dovesse riacutizzarsi il disturbo.

La ringrazio ancora una volta, e questa volta definitivamente, per la sua gentile disponibilità nel rispondermi.

La saluto cordialmente.
L.

[#15]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Molto bene!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia