Utente 492XXX
Salve a tutti, vorrei descrivere brevemente la mia esperienza dei recenti mesi per arrivare a capire questo fastidio che ho al fianco destro (all'altezza delle costole più basse).
Circa 5 mesi fa, un paio di giorni dopo aver fatto una cena con amici a base di pesce (abbiamo mangiato anche diversi crudi), ho accusato per un paio di giorni febbre ad oltre 38 gradi, vomito e dolori generalizzati all'addome, con conseguente diarrea; tutti i presenti alla cena hanno accusato grossomodo gli stessi sintomi, quindi ci siamo convinti di aver avuto una intossicazione alimentare.
Dopo una decina di giorni, precisamente la mattina di Pasqua, ho avuto dei fortissimi dolori simili a coliche generalizzati al ventre nella zona destra, tanto che ero in procinto di andare al pronto soccorso, ma fortunatamente si sono gradualmente affievoliti dopo aver defecato per poi scomparire praticamente del tutto nel giro di 10-15 minuti.
Due giorni dopo ho deciso di farmi segnare dal medico curante una lista completa di analisi del sangue, per poter capire bene se era presente un qualsivoglia problema; dalle analisi è emerso che gli unici valori spostati erano quelli delle transaminasi che erano molto più alti dei limiti (109 e 259, circa 4-5 volte oltre i limiti).
Il passo successivo è stato quello di fare una ecografia completa all'addome qualche giorno dopo, dove è risultato molto meteorismo ed il fegato ingrossato "lievemente debordante dall'arcata costale" e niente di più; sia l'ecografo sia il medico mi hanno quindi consigliato di fare una dieta adatta alla situazione (quindi senza alcolici, caffè, grassi, dolci, cibi pesanti o speziati ecc.) per almeno un mese e poi di ripetere le analisi.
Dopo circa 30 giorni vado a rifare le analisi e fortunatamente i valori delle transaminasi erano in via di miglioramento (50 e 136, ancora fuori scala ma praticamente dimezzati rispetto alle precedenti analisi) in più precauzionalmente ho fatto anche le analisi per stabilire la presenza di una eventuale epatite, ma sono risultate tutte negative.
Il responso finale del medico è stato quindi quello di ricominciare pian piano a mangiare normalmente, di stare tranquillo e rifare le analisi dopo circa 6 mesi.
Fin qui tutto ok, la mia domanda sorge dal fatto che ormai da 4-5 mesi continuo ad avere un fastidio simile a delle piccole fitte proprio tra le ultime costole del fianco dx e subito sotto (ignorantemente dovrebbe essere proprio la posizione del fegato) dipendente anche dai tipi di movimenti che faccio o dalla posizione che assumo, si tratta di un fastidio che non mi limita in nessun modo ma che oggettivamente dopo tutto questo tempo comincia a darmi noia; ovviamente l'ho fatto presente in un paio di occasioni al medico che mi ha sempre detto di ignorare questo piccolo fastidio e di non pensarci perchè non c'è nulla di cui preoccuparsi.
Resto quindi in attesa di una vs. gentile risposta per capirci qualcosina in più.
Grazie della collaborazione.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il fegato non duole, quindi non è il fegato!
Potrebbe essere un accumulo di gas nel colon.
Occorre una visita gastroenterologica per confermare.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 492XXX

Salve Dottore, mi scuso se le rispondo solo ora dopo qualche mese, ma quel fastidio di cui riferivo mesi fa non è mai passato e gradirei informarla di altro.
La scorsa settimana ho rifatto un ecografia addome superiore, con tutti gli organi perfettamente regolari, milza, reni, pancreas, anche il fegato è tornato di dimensioni ideali perciò sono certamente soddisfatto. Il problemino del fastidio sotto le costole/fianco destro però ancora non mi abbandona, inoltre vorrei dirle che recentemente avverto anche un piccolo fastidio che arriva fino alla zona lombare sopra il rene destro esattamente sotto la gabbia toracica, solo a destra.
Noto anche che dormendo sul fianco destro provo un senso di fastidio, cosa che non succede se dormo sul fianco sinistro.
Vado regolarmente di corpo (tendente ad essere appena leggermente stitico), sono attivo fisicamente, appetito perfetto, niente nausea ecc.
Parliamo di fastidi, quindi nulla di invalidante, niente che non mi permetta di vivere una vita normale, ma vorrei capire di cosa si tratta, se possibile.
Grazie del consulto e della sua risposta, le auguro una buona serata.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Rilegga la mia prima risposta: non ho cambiato parere! !!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 492XXX

Salve dottore buongiorno. Gradirei informarla dopo diversi mesi, e dopo diverse visite dal Gastroenterologo che ancora il dolore al fianco dx non mi ha lasciato.
La Gastroenterologa mi ha fatto rifare di nuovo analisi del sangue mirate (compresi diversi test per le feci tra cui la ricerca di sangue occulto ed esami parassitologi) tutte nella norma e una nuova eco addominale eseguita da lei, nuovamente tutto nella norma.
A detta sua potrebbe essere un fastidio legato ad una non corretta postura, effettivamente la mia spalla dx è un po’ più bassa della sx, ma questo è un particolare che avevo notato autonomamente ormai da diversi anni e a cui sinceramente non avevo mai dato peso.
Pensa che possa essere verosimile? Consideri che ormai è da un anno e mezzo che mi porto dietro questo fastidio continuo e comincio ad essere stanco di non capirne le cause.
Mangio bene e con gusto, vado in bagno piuttosto regolare, no febbre, no dolori particolari.. questo maledetto dolore tra le ultime costole destre potrebbe davvero essere un dolore causato da un difetto posturale? Secondo lei sono necessari altri esami specifici come tac, radiografie o altro?
La ringrazio infinitamente.

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non vedendola non posso esprimere pareri.
In linea del tutto teorica è possibile.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente 492XXX

Certo capisco. Lei pensa che sia il caso di fare ulteriori esami oppure no? In ogni caso è un disturbo che vorrei risolvere, se si riesce...
Grazie!

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Come faccio a dirle se e QUALI esami fare se non l'ho mai vista?????
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente 492XXX

Capisco. La ringrazio per il tempo dedicatomi. Buona giornata

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Di nulla!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia