Utente 960XXX
buongiorno gent.li dottori , sono una ragazza di 24 anni e vi scrivo per avere qualche parere/consiglio da parte vostra. E' da qualche anno che avverto uno strano dolore sotto il seno sinistro proprio nelle costole un dolore che solitamente si può pensare intercostale. Devo dire che non ho mai fatto nessun controllo in merito fino a quando quest'anno si è presentato anche un dolore/peso al centro del costato alto proprio nella stessa altezza della costola a sinx però è al centro. E' una strana sensazione è come se avessi qualcosa che mi pressasse proprio li al centro ,un peso talmente presente che alle volte mi da l'impressione di non poter nemmeno riuscire a respirare liberamente . Tutte le volte che faccio un respiro profondo io avverto al centro questo peso. Mentre se faccio pressione con le dita sia a sinx che al centro avverto dolore.
Quest'anno ho allora deciso di fare tutte una serie di controlli. a parte le analisi del sangue semplici e della tiroide ho anche fatto eco alla tiroide, rx torace, visita pneumologica con spirometria , ecocardiografia, ecg, eco all'addome superiore e nn mi ricordo nemmeno cosa più fra poco.. per ultima ho fatto anche una gastroscopia e da li è emerso cardias breve e piccola ernia da scivolamento. di un eventuale reflusso gastroesofageo nn vi è alcun riferimento. Quindi presumo non sia presente il medico me l'avrebbe fatto presente no?
Io vi chiedo soltanto può dipendere tutto ciò da questa ernia? non so più cosa pensare nè che controlli fare. potete darmi voi un consiglio? o un vostro parere? tante grazie. attendo risposta

[#1] dopo  
23297

Cancellato nel 2008
Gentile amica sicuramente la sintomatologia riferita depone per presenza di ernia da scivolamento che in relazione al cibo ingerito ed alla posizione del corpo puo' aumentarne le manifestazioni.
Le consiglio oltre agli esami effettuati un eso-gastroduodenoscopia subito e faccia uso di fibre aggiuntive nella dieta per formare di piu' le feci correggendo l'alvo e soprattutto accellerando la peristalsi, poiche' in alcuni casi la stasi dei fecalomi che si formano nelle aree circostanti ernie o cedimenti tessutali possono peggiorare la sintomatologia.


DOTT.VIRGINIA A.CIROLLA

[#2] dopo  
Utente 960XXX

la ringrazio gent.le dottoressa per la sua risposta. devo dirle che sono un pò spaventata adesso poichè lei mi ha scritto di fare SUBITO quell'esame. ho paura per qualcosa di grave.posso chiederle cortesemente se può spiegarmi in cosa consiste tale controllo? la ringrazio molto

[#3] dopo  
23297

Cancellato nel 2008
Gentile amica

l'esame strumentale che le ho suggerito consiste nello studio dell'esofago duodeno e colon ed esaminando la maggior parte del gastroenterico ci aiuta a fare diagnosi piu' accurata:questo per controllare se ci sono altri punti di ernia nei vari tratti studiati.

DOTT.VIRGINIA A. CIROLLA