Utente 567XXX
Buonasera.
Lavoro in un paesino di mare dai miei zii ultimamente e sono lontano da casa. Mi hanno dato un appartamento dietro la loro villa e spesso mi cucino da solo.
Sono molto fobico di virus, batteri etc.. insomma sono un preciso quando si tratta d'igiene. Oggi per la serata volevo farmi un insalata di riso con tonno, formaggio e mais. Mia madre ha l'usanza di prepararla verso le 17. 30 del pomeriggio lasciarlo freddare fino alle 18. 30 e poi prepararlo e lasciarlo a temperatura ambiente fino alle 20. 30 che lo mangiamo. In 100aia di occasioni mai avuto problemi intestinali dopo quindi suppongo che il rischio di intossicazione sia inesistente. Ho fatto lo stesso passaggio l'ho cotto alle 17. 15 e alle 19 l'ho messo in frigo cosa mai fatta da mia madre, da quando vivo qui ho letto che i cibi cotti non possono stare più di mezz'ora un ora a temperatura ambiente.. . . rischio qualche intossicazione e come mai in passato pur sbagliando non abbiamo avuto conseguenze?
Come funziona la conservazione dei cibi cotti?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non ha commesso errori in passato e a temperatura ambiente i cibi cotti li può tenere anche per 12 ore


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 567XXX

Buongiorno dottore e grazie mille della risposta.
Se un esperto e credo con anni d'esperienza dice che possono stare 12 ore, come mai su Internet oppure sui file quelli emanati dalla sanità ci sono scritte massimo 2 ore? Perchè scrivono cose errate mettendo fretta anche a giovani e inesperte persone che cucinano?

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Due ore è un periodo di sicurezza, mentre per periodi più lunghi bisogna prestare maggiore attenzione all'ambiente in cui in cibo viene mantenuto (temperatura, ecc.)
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 567XXX

Ma se le temperature in casa mia, ultimamente il termostato porta 24-25 si possono lasciare? anche in un piatto con un fazzoletto sopra?
Grazie del consulto e arrivederci.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Meglio ad una temperatura più bassa..
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente 567XXX

Perfetto dottore provvedero.
Un ultima cosa per il futuro, l insalata di riso il processo fatto ieri va bene? l'ho fatta stare dalle 17:15 fino alle 18:50 a raffreddare a temp ambiente e alle 19 l'ho messa in frigo.
Poi presa dal frigo è mangiata verso le 20. I miei cugini non hanno voluto metterla nel firgo ma sono mesi che pur facendola stare a 23-24 gradi di temperatura ambiente non hanno conseguenze.
Detto cio la smetto di "disturbarla", lei mi è stato molto utile...vivere e cucinarsi da solo è sempre dura.
Care cose

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Si sta preoccupando inutilmente.....
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it