Utente 571XXX
Buonasera, richiedo consulto relativamente quanto mi sta accadendo dall'ultima settimana.
Tutto è iniziato lunedì scorso con un pezzo di chewingum che inavvertitamente è entrato in faringe.
Da allora continuo a percepire una sensazione di nodo alla gola persistente che non si attenua in alcun modo.
Inoltre presento frequenti eruttazioni e scialorrea nonché una lieve una disfagia per i cibi solidi.
Inoltre segnalo spasmi al collo anteriori e centrali e colpi di tosse frequenti.
Venerdì dopo essermi recato in pronto soccorso mi sono sottoposto a visita ORL con relativa laringoscopia/tracheoscopia con mezzo rigido svolta in ambulatorio di reparto.
Il medico ha notato la presenza di succhi gastrici nei seni piriformi e ha prescritto terapia per reflusso laringo faringeo a base di pantoprazolo 40 mg e piloryal.
La cosa che più mi preoccupa è che in tutto ciò non ho mai avuto bruciore di stomaco e il fatto che questa sensazione ha origine dall'ingestione del frammento di chewingum.
E se questo fosse blocato realmente da qualche parte e non visibile date le piccole dimensioni nonostante la visita ORL?
Ringrazio per eventuali chiarimenti e spero in una risposta

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Se fosse nelle vie aeree inferiori avrebbe tosse ed, ormai, una polmonite.
Per il resto direi solo ansia.
Comunque, per tranquillizzarla, faccia una visita gastroenterologica.
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 571XXX

Grazie mille per la risposta. È proprio il caso di dire che l'ansia gioca spesso brutti scherzi. Per quanto riguarda la visita gastroenterologica sicuramente dopo qualche settimana di terapia provvederò a farla. Spero di risolvere presto il tutto, in particolare la difficoltà a deglutire.
Cordiali saluti e ancora grazie

[#3] dopo  
Utente 571XXX

Buonasera dottore, mi scusi se la ricontatto
Negli ultimi giorni la sintomatologia relativa al reflusso (nodo in gola, eruttazioni) è nettamente migliorata. Ciò che continua a preoccuparmi è la difficoltà nel deglutire il cibo. Infatti dopo una lunga masticazione, mi risulta quasi impossibile deglutire con la conseguenza che il cibo resta bloccato infondo alla bocca e per ingerire devo compiere un notevole sforzo. Sembra che ho dimenticato come fare per quanto assurdo.

[#4]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Faccia una visita diretta (via web è impossibile)!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#5] dopo  
Utente 571XXX

Buonasera dottore, mi scusi se la ricontatto. Ho parlato con il medico gastroenterologo e mi ha detto di continuare la terapia a base di esoxx one, motilex 30 minuti prima dei pasti e pantoprazolo 40 mg la mattina. Nel caso non si risolva la sintomatologia, di procedere con gastroscopia. Il problema è che negli ultimi giorni non riesco proprio a mangiare quasi nulla. Ormai sembra che non sia più possibile per me deglutire in sicurezza. Quello che provo è una dispersione del bolo in bocca mentre mastico e mi sento la gola stringere quando deglutisco. Alcune volte provo anche dolore. Ha qualche consiglio per riuscire a mangiare limitando il rischio di soffocamento. Mi dispiace di assillarla con domande anche un po' strane. Però non so più cosa fare. O consigli su quali esami posso fare o quali specialisti consultare. Grazie mille

[#6]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Se le cose stanno così, farei una gastroscopia urgente visto che non riesce a mangiare!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia