Utente
Buongiorno, volevo condividere con voi alcuni problemi la cui natura risulta sconosciuta anche al mio medico, per ricevere degli ulteriori pareri.
Qualche settimana fa, in seguito a una scarica di diarrea con muco, ho iniziato a riscontrare alternanza tra feci molle e nastriformi (con meteorismo, flatulenza e tenesmo) per alcuni giorni.
Avendo familiarità per tumore al colon, mi sono preoccupato e sono subito andato dal medico, il quale mi ha prescritto del fermenti lattici codex che Hanno risolto il problema in pochi giorni.
Dopo due settimane regolari però, il problema si è ripresentato nella stessa forma, con scarica diarroica iniziale (era un periodo di forte stress universitario) e alterazioni dell'alvo.
Unica differenza è comparsa una febbricola serale a 37.3 circa che ha escluso la possibilità di colon irritabile.
Inoltre i fermenti lattici non hanno avuto effetto come la scorsa volta e l'ansia mi ha portato ad avere scarso appetito con relativa perdita di qualche kg (circa 3).
In preda al panico mi sono recato di nuovo dal medico, il quale mi ha prescritto esami del sangue approfonditi (lipasi, amilasi, proteina C reattiva, VES, gamma glutamil transferasi, glicemia, bilirubina totale e diretta, Alanina aminotransferasi, tireotropina, aspartato aminotransferasi, e creatinina), esami delle feci per parassiti e batteri ed esami delle urine.
Ieri dopo due settimane ho avuto una defecazione regolare, con feci formate del giusto spessore e consistenza, nonché un abbassamento della temperatura a 36.9, e stamattina idem.
Inoltre stamattina ho ritirato le analisi e le ho portate dal medico: a parte le amilasi a 125, tutti gli altri valori sono nella norma (le lipasi nella norma dovrebbero escludere problemi al pancreas), compresa formula leucocitaria e emocromocitometrico (il quale dovrebbe escludere anemia e quindi sanguinamento cronico non visibile).
analisi delle feci negative.
Il medico visto il miglioramento dei sintomi e le analisi buone ha escluso una colonscopia e mi ha prescritto solo una ecografia addominale senza urgenza solo per sicurezza, tuttavia tornato a casa mi sono nuovamente misurato la temperatura, riscontrando febbricola a 37.1. dunque sono ormai due settimane che la febbricola persiste (nonostante spesso non me ne accorga neanche, cosa strana considerato che quando avevo l'influenza già a 37.2 stavo molto male): a cosa può essere dovuta?
In caso di una infezione o altre patologie, non dovrebbe essere accompagnata da variazioni nella formula leucocitaria?
E come mai solo il termometro al galinstan mi segna la febbricola, mentre quello digitale no?

PS.
Ho 21 anni e la febbricola non si presenta mai al mattino, momento della giornata in cui la mia temperatura varia da 36.3 a 36.6.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Direi solo intestino irritabile.
Per la temperatura dovrei visitarla ma a volte anche l'ansia può alzare la temperatura e lei mi sembra assai ansioso!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta dottore, lei cosa mi consiglia di fare? Aspettare continuando a misurare la temperatura o richiedere subito al medico una visita specialistica?

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Farei subito una visita così da ritrovare la serenità!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia