Utente
Buongiorno,
Sono un ragazzo di 31 anni, 175cm.
A settembre 2019 ero circa 110kg e d'improvviso tornando dalle vacanze ho iniziato ad osservare sintomi di pesantezza nella fascia addominale superiore (inizialmente a sinistra, altezza stomaco, estesi a destra dopo qualche settimana).

Verso metá ottobre dopo una cena con amici (in cui ho bevuto circa 0.5L di birra, cosa che bevo forse una volta ogni 6 mesi) ho avvertito un forte senso di bruciore in petto che si é esteso al braccio.
Preso dalla paura sono andato in ospedale dove mi hanno fatto delle analisi per escludere problemi circolatori.

Successivamente a metá dicembre ho eseguito analisi del sangue ed ecografia addome superiore, dove mi é stato diagnosticato un fegato grasso ed i seguenti valori non a norma:
- GammaGT 97
- GPT/ALT 93
- GOT/AST 42
- Trigliceridi 189
- LDL 217
- HDL 34
- Bilirubina totale 0.7

Facendo un po' di dieta, rimuovendo carni rosse, fritti, grassi e zuccheri e camminando un po' dopo lavoro ho perso circa 7kg, rieseguito le analisi a fine Febbraio 2020 con i seguenti risultati:
- GammaGT 70
- GPT/ALT 83
- GOT/AST 38
- LDL 183
- HDL 34
- Bilirubina totale 0.9

Ho poi eseguito un test Helicobacter per escludere ulcere.
Successivamente ad Aprile ho effettuato un'altra ecografia addome ed altre analisi per verificare presenza di calcoli biliari.
Qui alcuni valori sono di nuovo aumentati (forse per il poco movimento dovuto alla quarantena?) :
- GammaGT 77
- GPT/ALT 103
- GOT/AST 42
- Fosfatasi alcalina 114
- GLDH 15.2
- Bilirubina totale 0.7

Ora il medico mi ha detto che se i valori non scendono entro tre mesi di sottopormi a biopsia epatica.
Sono i valori riportati cosi preoccupanti?
Il dolore é giustificabile da questi valori?
Con il movimento e regolarizzando la dieta (sono 6 mesi che non mangio fritti/dolci) riesco a rimuovere il dolore?


Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il dolore non ha alcun nesso con i valori e con il fegato.
Una biopsia? Scherziamo?
Deve solo dimagrire di molti kg.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
La ringrazio per la risposta concisa. Volevo inoltre aggiungere che da quando il dolore é iniziato 6 mesi fa, ho anche notato un aumento di feci molli o a volte pastose (direi tra valori 5-6 della scala bristol).
Premetto che il dolore appare principalmente se sono a lungo a digiuno o con alcuni tipi di cibi (a volte anche una mela puó accentuare il dolore).
Il dolore ora é esclusivamente al lato destro (sotto l'ultima costola o meno spesso tra il petto destro e l'ascella). Infatti tra le tante diagnosi ho anche controllato la presenza di calcoli biliari (che a quanto pare non sono visibili nelle ecografie).
Seguiró il suo consiglio del perdere peso e fare esercizi.
Consiglierebbe anche degli integratori a base di carciofo e cardo mariano? Lavorando all'estero non riesco a trovare carciofi freschi qui ed ho sentito che apportano benefici a possibili dolori epatici.

Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
lasci perdere gli integratori.
Il dolore è, verosimilmente, da meteorismo.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia