Utente
Buongiorno dottori, in seguito a cronici problemi intestinali caratterizzati da presenza costante di diarrea e talvolta muco e raramente sangue nelle feci, mi sono sottoposto ad gastroscopia e colonoscopia vi riporto gli esiti
Gastroscopia
Esofago: ernia iatale da scivolamento attualmente non complicata
Stomaco mucosa del corpo fondo di aspetto macroscopico normale.
Mucosa antrale iperemica con alcune erosioni centrate da coagulo.
Piloro regolare
Duodeno mucosa bulbare iperemica ed erosa, indenne fino alla seconda porzione
H.
P.
Positivo
Conclusioni ernia iatale da scivolamento gastroduodenite erosiva HP correlato
COLONOSCOPIA
Toilette intestinale CD 1, CT 2, CS 2
L'indagine viene condotta fino al fondo cicale ed evidenzia nel traverso nel discendente e nel sigma numerose formazioni diverticolari a medio ampio colletto con evidenza nel sigma di marcata iperemia a chiazze della mucosa intervallare.

Conclusioni SCAD
Terapia
LUCEN 20 +Velamox 1g per 5 gg
LUCEN 20 +veclam 500+trimonase 500 per 5 gg
Poi
LUCEN 40 per 5 sett.

Digerent cps prima dei pasti per 5 sett.

ASACOL 800 una cps dopo colazione pranzo e cena per 2 mesi
Poi
LUCEN 20 per 5 sett.

Digerent prima dei pasti per 5 sett.

Poi
Marial 1 bust.
dopo i pasti per 1 mese
Digerent una cps prima dei pasti per 1 mese,
Saltuariamente cicli di rifaximina e fermenti l
Diosmectal bust al bisogno.


Vi rammento che ho eseguito gli esami di cui sopra presso un centro universitario della mia regione in sedazione profonda nel mese di dicembre 2019 e poi ho eseguito scrupolosame la terapia.
Causa l'emergenza sanitaria non sono riuscito a fissare ancora una visita di controllo.

Considerando che i problemi allo stomaco si sono risolti mentre l'intestino mi crea ancora problemi come la presenza di diarrea mucosa borgorigmi meteorismo e dolorini crampiformi, spesso ho nella stessa giornata due scariche normali e poi una terza diarroica per poi tornare alla normalità e poi ricominciare dopo qualche giorno.

Ora le mie domande sono queste
la terapia prescritta è corretta visto che non ha risolto completamente la situazione e quanto ci vuole perché dia effetti.
Relativamente alla dieta mi è stato detto di evitare dolci grassi e fritti e di avere un'alimentazione equilibrata.

La terapia è da ripetere ciclicamente oppure non è necessario.

Inoltre volevo sapere se magari a completamento della diagnosi sarebbe il caso di fare esami per la celiachia o esami delle feci e se è consigliabile eseguire una ecografia addome completa.

Inoltre volevo chiedervi se per combattere le piccole coliche, niente di insopportabile a dire il vero, posso prendere al bisogno qualche antispastico.
In ultimo vi chiedo quando andrà rifatta la colonoscopia.

Il mio curante sostiene che con la SCAD bisogna imparare a convivere in quanto i diverticoli creano problemi cronici e non aiuta secondo lui la mia indole ansiosa.

Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione prestata e per i dubbi che saprete dirmermi.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
La terapia è perfetta e non è necessario ripeterla. Non credo che abbia bisogno di altri esami. Credo che una terapia continuativa possa essere basata - come dice lei - sull 'uso di qualche prodotto antispastico e una piccola dose dell ' antinfiammatorio intestinale ( mesalazina ) per sempre. Non antibiotici.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Insigne Professore, la ringrazio molto per la celere risposta... Nell'attesa di fare la visita di controllo seguirò i suoi consigli assumendo costantemente la mesalazina e magari un antispastico al bisogno.
Approfitto della sua pazienza per chiederle un altro chiarimento. Da qualche giorno noto nelle feci delle striature o meglio dire dei filamenti di sangue rosso acceso nella parte esterna delle stesse ma mi pare non al loro interno, come se fossero verniciate.
Successivamente segue un leggero fastidio alla zona anale. Il mio timore è che avendo i diverticoli, gli stessi si possano bucare creandomi una pericolosa perforazione intestinale. Il mio medico curante sostiene che il problema è probabilmente di origine emorroidaria o una ragade e di fare una visita proctologica in caso tutto ciò si ripeta spesso visto che ho fatto la colonoscopia a gennaio 2020 ed la SCAD da anche questi sintomi come la ematochezia. Ma io vivo con il terrore essendo molto ansioso che si possa perforare un diverticoli...
Nella attesa di un suo chiarimento le auguro buona serata.

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sono d' accordo con il suo medico. Una visita proctologica è sufficiente per avere una diagnosi esatta. Cosa che - spero - poi le permetterà di vivere tranquillo.
Prof. alberto tittobello