Utente
Gentili dottori, vi scrivo perchè ho qualche dubbio, premetto che sono da anni che soffro di emorroidi, per cui il mio medico mi ha fatto eseguire nell'aprile 2010 una colonscopia destra esplorativa (all'epoca avevo 28 anni) che aveva dato esito:
Esame condotto sino al cieco; preparazione intestinale discreta con alcuni laghi di feci liquide non contaminate da sangue.
Valvola ileo-ciecale regolare.
Mucosa colica ovunque liscia, rosea, lucente con reticolo vascolare conservato.
A livello del sigma sono presenti multipli orifizi diverticolari alcuni dei quali con iperemia del colletto.
Ampolla rettale distensibile, indenne da lesioni.
Si segnala discreta congestione emorroidaria.
Conclusioni: Diverticolosi del sigma con diverticolite, congestione emorroidaria.
Polipi:0, sessili:0, peduncol.
0, piatti:0, complicanza: assenti, N.
polipi asportati 0, N.
polipi biopsiati 0.


Negli anni non avendo mai del tutto risolto il problema ho fatto ricorso a legature elastiche emorroidarie e nell'Aprile 2019 ho fatto una prima visita di controllo che refertava: ex fumatore, non beve alcolici, stabilità ponderale, alvo irregolare, mai evacuazioni notturne, mai ematochezia.
Pregressa emorroidectomia, portatore di diverticoli del colon sinistro (colonscopia 2010), tonsillectomizzato.
Palpabile corda colica a sinistra, null'altro di rilevante.
Assai verosimile IBS.
Programma: -controllare emocromo, sideremia, ferritina, PCR, - ricerca di Ab anti-transglutaminasi, -Duspatal 1 capsula mattino e sera per tre mesi, da rivedere con esami.


Nel Novembre 2019 ho fatto una seconda visita gastroenterologica di controllo, che refertava: Sindrome dell'intestino irritabile.
Miglioramento dell'alvo con Duspatal cp.
Già eseguita la colonscopia: diverticolosi sporadica del colon sinistro.
Già sottoposto a tre legature elastiche di varici emorroidarie.

Eseguiti di recente:-emocromo:poliglobulia, non certo anemia, -PCR nella norma, -screening sierologico per la celiachia negativo.
Consiglio esclusivamente uso periodico di Duspatal, 1 cp mattino e sera a cicli di tre mesi.
Dieta libera e varia.
Non necessita di follow up ambulatoriale gastroenterologico.


Ho quindi chiesto al gastroenterologo se fosse opportuno ripetere la colonscopia essendo passati alcuni anni, mi rispose che avevo fatto una colonscopia già in largo anticipo sui tempi, di solito si raccomanda oltre i 40 anni, se volevo potevo farne un'altra a distanza di un anno.
Premetto che non sono fumatore, faccio una moderata attività fisica, 2-3 volte settimana vado a correre, però sono in questi giorni molto preoccupato, al momento avendo mai del tutto risolto il problema sto sto assumendo Duspatal, Daflon 500mg, Enterelle (integratore).
Non ho familiari che abbiano mai avuto tumori del colon-retto, ma mi chiedo se sia il caso di richiedere al mio medico una nuova colonscopia, sono molto in ansia, grazie.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, non stia in ansia. Sono d' accordo con il gastroenterologo. Può programmare un controllo tra 5-6 anni.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore per la risposta, farò la prossima colonscopia con più tranquillità. C’è ancora un dubbio che mi angoscia, dal 2005 circa anno in cui prestai servizio militare ebbi una alimentazione forse scorretta che mi causò forti dolori allo stomaco, (forse i fritti) negli anni gli episodi di dolore allo stomaco sono andati scomparendo, salvo manifestarsi occasionalmente, l’ultima volta qualche mese fa dopo aver bevuto 2 Crodini, avvertii forti fitte allo stomaco che risolsi con del Gaviscon che usa mia madre per il reflusso esofageo. Non ho menzionato il problema al mio gastroenterologo perché capita davvero sporadicamente però mi chiedo se non avessi dovuto sottopormi ad una gastroscopia per sicurezza, esame che non ho mai fatto. La ringrazio molto.

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Forse non fu il cibo a provocare disturbi allo stomaco, ma la vita militare stessa.. I suoi disturbi attuali sono da riferire a episodi di reflusso. Se sono saltuari, come dice, poco male. Prenda, all ' occasione, quel prodotto che ha citato. Se i disturbi persistono, allora diventa necessaria una gastroscopia per una diagnosi più precisa.
Prof. alberto tittobello