Utente
Buongiorno, scrivo per un consiglio.
Tutto inizia 1 mese fa, un dolore acuto all'addome superiore destro come se mi trafigesse da davanti a sotto la scapola.
3 giorni di dieta in bianco e tutto passa.
Dopo qualche giorno ricomincia il dolore, stavolta è più intenso, non posso nemmeno stare a letto perchè mi passa dalla schiena all'addome e si acutizza con i respiri profondi.
Continuo dieta in bianco, fermenti, dopo una settimana che non passa vado in ps, mi fanno eco addome "colecisti e vescica normodistese e alitiasiche" e mi danno da prendere a casa tachipirina x dolore e buscopan.
Mi dicono che secondo loro è il colon.
Prendo la tachipirina non mi passa, il giorno dopo buscopan e non passa.
Ho tanta aria, eruttazione e mi si infiamma pure il colon (il solito dolore al fianco destro che ho da bambina quando mangio dolci o quando sono stressata e inizio a fare feci molli marroni però sulla carta sono giallo vive).
Finalmente arriviamo a qualche giorno fa inizio a stare meglio, il dolore all'addome alto non c'è più, ma ho ancora un po' di fastidio al colon destro con feci molli e coliche.
Stamattina ricomincio i miei soliti fermenti (Genefilus f19) dopo uno stop di qualche giorno come indicato dal medico (li avevo già presi per 13 giorni).
Sempre stamattina faccio eco addome completo e prima di iniziare l'ecografista mi chiede se l'avessi mai fatta e rispondo sì 7 anni fa avevo le pareti leggermente ispessite dopo un episodio di colite e colon irritato che ho avuto per mesi a seguito di un dolce mangiato con la ricotta (che secondo me non era buono) e contemporaneo lutto di una nonna.
Non gli dico che 1 settimana prima, nell'apice dell'infiammazione il ps mi aveva detto che la colicisti era tutto ok.
Il referto quindi dice "colecisti discretamente distesa alitiasica con pareti leggermente ispessite in sede infundibolare, come per una condizione di flogosi cronica, meteorismo" (tutto il resto nella norma).
Adesso io vorrei capire come mai una settimana fa (con dolore ecc), la colecisti stava bene e adesso no?
Posso averlo condizionato?
Cosa comporta l'esito di questo referto?
Secondo voi si tratta di colon irritabile o dipende dalla colicisti?
Io sono una persona che normalmente mamgia bene, non bevo cose gassate, i dolci solo il week end, non bevo caffè nè alcool, nè mangio fritti.
È un mese, nonostante ciò, che mangio in bianco e non ne posso più.
Spero mi possiate consigliare.
Vi ringrazio.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Devo dirle che spesso si attribuisce al cibo un ' importanza maggiore di quella che ha, soprattutto per quanto riguarda non lo stomaco, ma l' intestino. Ai bambini si può dire che i dolci fanno male, ma non so se è vero. E' difficile interpretare i suoi dolori : la diagnosi differenziale tra dolori che partono dalle vie biliari o dalla flessura destra del colon potrebbe essere fatta meglio se potessi mettere una mano sulla pancia. Il fatto che la parete della colecisti risulti un po' ispessita farebbe supporre che vi siano stati dei calcolini, magari espulsi con le coliche precedenti e quindi non più rilevabili. In questo caso, però, i dolori non dovrebbero più ripresentarsi. Questo non toglie che lei possa anche avere una forma di colon irritabile ( una cosa non esclude l' altra), con relativi episodi spastici, che regrediscono con blandi antispastici ( non con la dieta ). Vedremo, mi dirà.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore, innanzitutto grazie per la risposta.

Vorrei capire meglio delle cose:

1) Lei dice che forse è contratta perchè c'erano stati calcoletti espulsi con le coliche, però quando andai in ps con i dolori forti, mi fecero l'eco e la colecisti appariva distesa e aliatica eppure avevo dolori forti, mentre adesso che il dolore non c'è più appare non completamente distesa e con pareti ispessite, non sarebbe dovuto essere il contrario?

2) Cosa comporta questa colecisti un po' contatta con pareti ispessite? Tornerà normale da sola?

La terrò comunque aggiornato.
La ringrazio per la disponibilità

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Le pareti un po' ispessite indicano che vi è stata, a suo tempo, una infiammazione che ha lasciato qualche traccia. Non tornerà normale, rimarrà così.
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Ok, ma non incide questa situazione (pareti ispessite e discretamente distesa) sulla funzionalità o altri fastidi?

La ringrazio.

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sì, incide sulla funzionalità. Una colecisti distesa con pareti ispessite funziona molto poco, ma non per questo ( non solo per questo ) è il caso di asportarla.
Prof. alberto tittobello

[#6] dopo  
Utente
Gentile Dottore sono qui a scriverle per una questione. I giorni scorsi ho iniziato ad avere molta ansia perché a breve (ieri) avrei dovuto fare il concorso, il tutto accompagnato da gastrite, mal di stomaco e acidità. Pensavo che una volta finito il concorso sarebbe passato tutto, invece ancora mi trovo con i sintomi sopra descritti. Ieri sera per la nausea non sono riuscita nemmeno a cenare, poi ho preso una tosana con le fette biscottate e mi sono addormentata. Stamattina alle 3,30 mi sono svegliata perché percepivo un bruciore di stomaco ho mangiato un po' di pane confezionato ma è peggiorato e non sono riuscita più a dormire e mi è venuta l'ansia. Ho anche la sensazione di non respirare bene dallo stomaco, non le so spiegare. Ho preso il maalox per il bruciore di stomaco ma siccome continuano questi sintomi di "buco allo stomaco" come se mi mancasse il respiro e nausea mi spavento e mi viene l'ansia. Lei che mi consiglia? Quanto ci metterà a passare? Grazie

[#7]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sembrano proprio disturbi dovuti allo stato d' ansia. Quanto dureranno ? Quanto durerà quello stato.
Prof. alberto tittobello

[#8] dopo  
Utente
Gentile Dottore grazie per la risposta. In realtà l'ansia per fortuna giorno dopo giorno è diminuita sempre più cosi come il bruciore di stomaco però mi è rimasta:

Nausea,

Indolenzimento allo stomaco ai respiri profondi,

Da ieri è comparso un "nodo in gola" soprattutto dopo i pasti come se mi sia rimasto qualcosa (premetto che non è che mamgi molto perché non ho molto appetito in questa situazione) ma sento una connessione con lo stomaco e tende ad attenuarsi quando inizia tanta eruttazione. È una sensazione molto fastidiosa non so se riesco a spiegarmi. Rispetto a questo ha qualche consiglio da fornirmi? Per adesso sto assumendo solo Maalox, ieri sera ne ho parlato con il medico di questa sensazione e mi ha detto di prendere il riopan

Secondo lei di cisa si tratta e passerà con il riopan o mi suggerisce qualcos'altro?

La ringrazio.

[#9]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, non suggerisco altro. Entrambi i prodotti antiacidi vanno bene. E' importante che lei non si agiti. Potrebbe esserle utile qualche blando tranquillante.
Prof. alberto tittobello

[#10] dopo  
Utente
Gentile Dottore, ho preso per 2 giorni Aroè bustine (la Dott.ssa mi ha detto di prendere queste invece che il Riopan) il problema è che ieri mentre l'assumevo ho iniziato ad avvertire pizzicore alla gola e lingua, poi mi sono addormentata e quando mi sono svegliata avevo la gola e tutto il tubo digerente che bruciava. La Dottoressa mi ha detto di smettere le bustine e ieri sera dopo cena ho preso solo un po' di citrosodina
Stamattina ho ancora un po' il nodo in gola e mi sento un fastidio alla gola e al tubo digerente fino allo stomaco. Ho tanta eruttazione e sento come se il gas mi sale in gola e brucia. Inoltre ogni tanto ho un po' di tosse secca.
Per adesso ho assunto solo una liquirizia pura, non so se devo prendere il maalox o altro antiacido, insomma come si cura questo reflusso? La ringrazio