Utente 135XXX
Gentile Dottore, ho 29 anni e vorrei chiedervi un consulto circa delle crisi notturne di cui sto soffrendo ultimamente. Sono crisi che si presentano la sera(magari dopo aver mangiato o bevuto qualcosa fuori pasto portandomi movimenti intestinali e bisogno di andare in bagno anche più volte)o dopo cena e continuano la notte quando mi sveglio, dopo aver dormito al massimo 2 o 3 ore, con un peso alla bocca dello stomaco, in uno stato d'ansia, con tachicardia.Il problema si pone nel momento in cui cerco di riaddormentarmi..è come se sentissi un peso alla bocca dello stomaco dalla quale si libera l'ansia (che a volte sembra panico) con un torpore che mi prende la testa(che me la sento piena e incapace di pensare per paura che mi si scateni un'ansia più forte e mi porta un senso di vertigine-tutto questo in uno stato di dormi-veglia). Mi sveglio di soprassalto e rimango sveglia per il resto della notte (perchè da sveglia mi sento meglio).Le crisi possono durare anche tutta la notte e il giorno seguente pago le conseguenze di una nottata insonne. Nel 2006 feci la gastroscopia.Positività all'H.P. e esofagite da reflusso di grado A.(questi sintomi li ho avvertiti qualche volta prima della cura dell'H.P: e anche dopo ma sporadicalmente).Da allora ogni anno ripeto il test per l'Helicobacter Pilory(solitamente con il Breath Test ma quest'anno l'ho fatto su feci).Allora feci anche i dosaggi per le intolleranze al glutine,tutto negativo. Sono in cura con il Nexum da 20 0 da 40 e gaviscon la sera, all'occorrenza prendo un Permotil e Spasmomen somatico.In questo periodo, però sentendomi meglio ho interrotto la cura.Sono un tipo ansioso e ho sofferto di attacchi di panico.E' per questo che vorrei capire come comportarmi e soprattutto se il mio disturbo è dovuto all'esofagite(il mio medico di famiglia una volta mi disse che poteva trattarsi di una sindrome vasovagale..secondo voi???)e quindi ad un disturbo fisico magari legato al reflusso da curare con le compresse che già prendo o un disturbo psicofisico. Solitamente soffro di ferro basso anche se ultiamamente si mantiene nei limiti. Vi ringrazio per il vostro servizio e spero di leggere presto una vostra risposta.A presto

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

"Sono un tipo ansioso e ho sofferto di attacchi di panico."

Si è curata ? Quanto a lungo e con cosa ? E adesso prende qualcosa per il panico ?

Lei prendeva una cura per i sintomni gastrointestinali, l'ha sospesa perché stava meglio (secondo quale ragionamento ?). I sintomi gastrointestinali, reflusso a parte, sono stati inquadrati insieme agli altri somatici che possono far parte del disturbo d'ansia oppure no ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 135XXX

Gentile Dottore,
solitamente la cura con i gastro protettori e gli antiacidi consigliano di non farle durare più di 28 giorni.I miei sintomi non sono fissi e riprendo la cura nei cambi di stagione o quando mi accorgo di non stare bene. All'occorrenza, ovvero in sporadiche occasioni, ovvero quando magari mi accordo di avvertire acidità per aver mangiato male prendo il gaviscon.Per quanto riguarda gli attacchi di panico non ho mai preso farmaci e quando ho iniziato a soffrirne ovvero 6 anni fa sono riuscita a stare meglio da sola ovvero cercando di non fermarmi ed accettando ciò che mi stava succedendo.Tre anni fa feci delle sedute di psicoterapia ma lo psichiatra me ne consigliò 5 e non mi prescrisse farmaci.Da allora sono stata abbastanza bene. Da tre giorni sotto consiglio del mio medico curante prendo lo spasmomen somatico(2 volte al giorno) in associazione con nexum e gaviscon....Lei cosa ne pensa e cosa mi consiglia di fare??grazie!!!

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ha iniziato da poco un trattamento gastroenterico. Se vuole può farsi anche visitare da uno psichiatra per vedere se al momento è attivo un disturbo d'ansia o di somatizzazione. Oppure aspetti il termine indicatole dal suo medico per rivalutare la risposta al trattamento gastroenterico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it