Utente 195XXX
gentilissimo dottore a mia suocera 76enne è stata recentemente diagnosticata una demenza dei corpi di lewy . da qualche tempo ha problemi importanti di memoria crisi depressive e minimi problemi di deambulazione ..stessa diagnosi era toccata ad una sua sorella qualche anno fa e dopo quattro anni circa era deceduta per complicazioni cardiocircolatorie..mia moglie è molto legata a mia suocera è spera che che ci siano nuovi rimedi attualmente che allunghino la vita alla mamma. il neurologo non le ha dato molte speranze..lei cosa ne pensa?

[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
la diagnosi di demenza a corpi di Lewy si basa sulla presenza di sintomi psichiatrici,cognitivi,extrapiramidali (parkinsonismo),nel caso di sua suocera vi è anche familiarietà.Uno dei problemi di questo tipo di patologia è quello della terapia:difficile il trattamento dei sintomi psicotici per la presenza di sintomi extrapiramidali e della demenza.E' diffiicle ,infatti,"scegliere il tipo di terapia adeguata per un sintomo, senza incidere negativamente su di un altro.Tutto dipende però, dal tipo di "espressività" e dalla progressione dei vari sintomi. Talvolta possono predominare disturbi di tipo depressivo, non inizialemnte associati ad altri, oppure di tipo extrapiramidale con relativa conservazione di alcune funzioni superiori:calcolo,astrazione,memoria,linguaggio ecc ecc.Nell'ambito della stessa patologia, vi sono differenti "modi" e "gradi" di presentazione.Se predomianno i sintomi depressivi( non associati ad altri), si può agire con farmaci mirati,così su quelli extrapiramidali.Poco o nulla si può fare come terapia farmacologica per i deficit cognitivi.Ci vorrebbe un centro dedicato alla rieducazione/riabilitazione, piani individualizzati per tenerla più attiva con esercizi mirati....

Le invio cordiali saluti e rimango a sua disposizione.
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it