Utente 324XXX
Gent.mo dottore, mia nonna 92enne (minuta, buona salute, totale assenza di patologie, mai assunto farmaci in vita sua) da circa un mese non è più lucida mentalmente. Il medico di famiglia ha ipotizzato la demenza senile e ha prescritto 12 gocce di Talofen la sera. Pur rimanendo fisicamente relativamente agile, ha perdite di memoria, difficoltà a orientarsi, a riconoscere persone scambiandole per altre, dice e fa sciocchezze assurde (ad esempio, tra i tanti episodi che potrei citare, una notte ha messo a soqquadro la stanza da letto dicendoci che stava cucinando). La cosa strana è che alterna momenti folli in cui è anche piuttosto nervosa ad altri in cui è perfettamente lucida e normale (in alcuni giorni è ok mentalmente, in altri assolutamente no, oppure durante la stessa giornata la mattina è lucida, mentre al pomeriggio e alla sera no).Quindi le chiedo gentilmente: ma se avesse la demenza senile, come si spiegano i momenti in cui è lucida e normale? Ricordo che la demenza è iniziata un mese fa, alcuni giorni dopo una banale caduta (solo un lieve colpo alla schiena) dovuta, a suo dire, a un mancamento con la vista che le si è oscurata per un attimo, cosa che forse potrebbe essere attribuita a un’ischemia che potrebbe aver causato la demenza (ma questa ovviamente è solo un’ipotesi e forse la caduta non ha alcuna relazione con quanto accaduto dopo). Infine generalmente la demenza (intendo sia quella vascolare causata da ischemie sia altri tipi di demenza) può arrestarsi rimanendo tale? oppure evolve velocemente portando presto alla totale pazzia? Ringraziandola per la cortese attenzione, le porgo i miei più cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'ipotesi più probabile sembrerebbe quella vascolare, cioè di una vasculopatia cerebrale che può causare la sintomatologia descritta.
Ovviamente siamo solo a livello di ipotesi, una visita neurologica o geriatrica la riterrei opportuna per una valutazione diretta del caso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro