Utente 368XXX
Buongiorno. Scrivo per conto di mia nonna novantaquattrenne. La signora in questione vive con la mia famiglia da circa 4 anni. E' abbastanza presente per la sua età: è possibile intrattenere con lei conversazioni che riguardino argomenti semplici, a lei familiari, non ha problemi a riconoscere le persone che vede usualmente. Mia madre la assiste più o meno in ogni attività: nel 1990 le sono state sostituite entrambe le ginocchia con apposite protesi, e di conseguenza la mobilità da allora è stata in parte compromessa. Tuttavia, ad oggi ancora è in grado di camminare, con l'aiuto del bastone - e, in base alla situazione - se è stanca la aiutiamo facendola attaccare al braccio per i piccoli spostamenti in casa (tavolo da pranzo/ poltrona / scale per andare in camera di sera). Quando possibile la portiamo anche a fare brevi passeggiate fuori casa per tenerla attiva. Non ha subito altre operazioni chirurgiche, di nessun genere. Intorno ai 60-70 anni è andata incontro ad un esaurimento nervoso di media entità. La signora dorme regolarmente (incluso qualche sonnellino pomeridiano) e non ha problemi di appetito. Attualmente assume i seguenti farmaci (costanti ormai da diversi anni):

-Metaformina Teva 850 mg., due compresse al giorno, al mattino e alla sera
-Diltiazem EG 120 mg., due compresse al giorno
-Ticlopidina Dorom 250 mg., una pastiglia al giorno
- Valsartan e Idroclorotiazide 160mg/12.5mg, una pastiglia al giorno

- Occasionalmente mia madre le fa dei clisteri per evitare la stipsi.

La questione è cominciata circa 3 mesi fa, in cui ha iniziato a manifestare lievi scariche di tremori la sera (inizialmente soprattutto alle mani). Questi episodi hanno man mano iniziato a farsi più frequenti e più intensi, fino a che, in questa ultima settimana, a volte si verificano anche la mattina appena sveglia. Hanno inoltre iniziato a coinvolgere anche le gambe (che sembrano in quei momenti perdere la capacità di sostenere il corpo). Mia madre in quei momenti la descrive come una bambola di pezza, incapace di sostenersi.

Al riguardo abbiamo consultato un geriatra che ci ha prescritto prima Bromazepam (5 gocce) da somministrare all'occorrenza e Clopixol poi. Entrambe le somministrazioni sono state interrotte da noi in quanto non risolvevano il problema del tremore e portavano un certo stato di ottundimento / confusione mentale.

Al momento stiamo scegliendo un altro geriatra (o sarebbe meglio un neurologo?) da far venire a casa per una seconda visita.

Dato questo quadro clinico, è possibile individuare - ed eventualmente risolvere - la causa dei tremori in qualche fattore che non sia necessariamente legato all'età? Grazie molte della pazienza e della disponibilità che i medici di questo sito hanno sempre dimostrato. Buone feste a tutti.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dalla sintomatologia descritta, il neurologo mi sembra lo specialista più indicato.
Le ipotesi che si possono avanzare sono diverse, dalla Sua descrizione non si può escludere un problema di tipo convulsivo, epilettico per intenderci. Le ricordo però che questa è solo una delle tante ipotesi che si possono avanzare, comprese varie tipologie di tremore che nulla hanno a che vedere con l'epilessia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro