Utente
Ho 26 anni e nel 2001 ho partorito senza problemi una bambina. Da allora ho preso la pillola, prima Mercilon, poi il ginecologo mi ha fatto passare a Yasmin perchè "migliore", senza altre spiegazioni e senza mai effettuare un test ormonale.
L'ultimo ciclo l'ho avuto il 5 maggio dopo la sospensione della pillola, poi non mi è più arrivato il ciclo. Pensavamo ad una gravidanza ma l'abbiamo esclusa con il test effettuato in ospedale. Visto che un ho già avuto un caso di amenorrea un anno fa circa sbloccato poi con tre punture (prontogest) chiedo come mai ne ho avuto un altro e se dipende dalla pillola che ho assunto (con Mercilon non accadeva, con Yasmin invece sì).
In oltre, dopo esame colposcopico, due anni fa il ginecologo decise di bruciare la pighetta che aveva riscontrato perchè gli ovuli vaginali non erano serviti a nulla.
In oltre ho anche tolto un fibroadenoma al seno sinistro, probabilmente causato da uno sbalzo ormonale legato al cambio della pillola, mi hanno detto.
La pillola Yasmin poi diminuisce molto il mio desiderio sessuale.

Chiedo, se possibile, un parere sul mio caso perchè ho un po di preoccupazione.
Ringrazio anticipatamente chi vorrà rispondermi.
A breve affettuerò una visita da un altro ginecologo.

[#1]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
il fibroadenoma mammario non è correlato in alcun modo con l'assunzione della pillola.

Quanto pesa e quanto è alta? Ci sono stati motivi di stress recentemente? C'erano delle disfunzioni ormonali, per le quali le era stata prescritta la pillola?

Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#2] dopo  
Utente
Grazie per avermi risposto, anzi tutto!

Non volevo dare risposte affrettate perchè in questi giorni avevo dei fastidi pre-mestruali, infatti proprio questa mattina il ciclo è ricomparso, fortunatamente!
Tuttavia quanto è accaduto preferirei chiarirlo comunque.

Sono alta 1.74 e peso 72 kg, non sono ingrassata nè dimagrita negli ultimi anni, diciamo che questo è sempre stato il mio peso, anche durante la gravidanza (avevo preso 3 kg poi li ho persi subito). Non sono una tipa sedentaria.
I motivi di stress sono stati diversi, dall'inizio del 2007 fino a qualche tempo fa: fra esami universitari e preparazione della tesi, si sono aggiunti due interventi chirurgici importanti di mia madre, (l'ultimo a marzo '07) che hanno aumentato la mia preoccupazione e uno stato di stress notevole (fortunatamente tutto si è risolto, mia madre sta bene e ad ottobre è prevista la laurea, sto preparando l'ultimo esame!).

Da settembre 2002 ho iniziato a prendere la pillola unicamente come contraccettivo. Ad ogno modo il ciclo non era mai stato molto regolare specie in estate, neppure prima della gravidanza, ma il ginecologo non aveva mai dato peso a questa cosa.

Quello che io chiedo, in sintesi, è questo: Come faccio a sepere quale pillola è più adatta a me? La pausa dalla pillola va fatta oppure no? Io ne faccio una durante l'anno, di solito a primavera. Come mai il desiderio è diminuito notevolmente?

Ho fatto anche le analisi la settimana scorsa, i valori del sangue sono tutti ok, i triglicerdidi sono appena bassi (sono a 33, anzichè tra 36 e 165). I valori delle urine sono buoni, ma c'è un 5 mg/dl di proteine e un 0,2 mg/dl di urobilinogeno. Non so se può esserci un qualche collegamento.

Grazie ancora per l'aiuto che mi sta dando!
Restando a disposizione per qualsiasi chiarimento, saluto e ringrazio!

[#3]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
>Come faccio a sepere quale pillola è più adatta a me?

una persona sana tollera qualsiasi tipo di pillola, la scelta specifica dipende dal dosaggio che si vuole scegliere e dagli effetti che si vogliono ottenere (ad esempio pillola con progestinico antiandrogenico per chi ha acne). E' il suo medico che deve scegliere.



>La pausa dalla pillola va fatta oppure no?

non necessariamente, soprattutto se la sicurezza contraccettiva ha la priorità

> Come mai il desiderio è diminuito notevolmente?

perchè la pillola diminuisce la produzione degli ormoni maschili, che sono fondamentali per il desiderio, è come se "appiattisse" gli ormoni (ad esempio non ci sono i picchi di ormoni che si verificano con l'ovulazione). Con pillola leggermente androgenica, tipo miranova, potrebbe andare meglio su questo aspetto.



Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio moltissimo per le risposte.

Mi ha scritto che "la scelta specifica dipende dal dosaggio che si vuole scegliere e dagli effetti che si vogliono ottenere".
Potrebbe spiegarmi meglio cosa intende?

Una pillola leggermente androgenica che risolverebbe il problema del calo di desiderio, cos'altro comporterebbe? Cosa ha di diverso rispetto a Yasmin o Mercilon (le uniche due pillole che ho preso fin ora)?

Se verso la fine dell'anno io e mio marito avessimo intenzione di avere un bambino è il caso che prenda ora la pillola per 5 mesi e poi smetta di nuovo? O non ci sono problemi?

Grazie ancora.

[#5]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
esistono diversi dosaggi di estrogeni:
15 - 20 - 30 - 30/40 e 50 (oggi praticamente quasi non più usati
e diversi progestinici (levonorgestrel, desogestrel, gestodene, ciproterone acetato, drospirenone, clormadinone acetato etc etc)
il ginecologo deve scegliere da una parte il dosaggio estrogenico, e dall'altra il tipo di progestinico, a seconda del tipo di effetto che si vuole ottenere.

Ad esempio: il levonorgestrel è androgenico, ma incide meno sulla coagulazione, il ciproterone acetato è antiandrogeno etc etc.
Io sono dell'idea che se una donna si trova bene con una pillola, anche se di generazione non ultimissima, è bene che resti con quella e non la cambio con le più nuove e pubblicizzate. Se invece è una prima prescrizione decido in base alla paziente.

Ad esempio lei che sente molto il calo degli androgeni sotto pillola, potrebbe beneficiare dell'uso della miranova, che contiene il levonorgestrel). Se i suoi esami del metabolismo lipido e glicidico vanno bene, potrebbe essere adatta a lei. Forse non la Yasmin (antiandrogena e diuretica) e la Mercilon (effetto neutrale sul peso, modesta riduzione degli androgeni).


Se lei vuole usare la pillola, la usi tranquillamente, ma è meglio sospenderla un paio di mesi prima del concepimento, ed è bene iniziare poi da allora a prendere l'acido folico.

Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio veramente molto per le risposte e la disponibilità.

A breve (il 28 luglio) farò la visita da una ginecologa che mi hanno detto sia molto scrupolosa e brava, spero di trovarmi meglio questa volta! Poi anche durante la gravidanza dicono sia veramente disponibile e scrupolosa, per cui vale la pena cambiare ginecologo e provare... Mio marito poi non vuole che vada più da quello attuale vista la superficialità che ha dimostrato in alcuni casi, per cui, trovandoci sulla stessa opinione, andrò da un'altra ginecologa.
Quanto al cambio di pillola, preferendo quelle più moderne e pubblicizzate, magari a discapito di una meno nuova ma migliore per la paziente, bè, mi trovo pienamente d'accordo con Lei. Anche il mio medico di famiglia mi ha detto la stessa cosa.


Grazie ancora e mi scusi se l'ho disturbata troppo!
Buona giornata e Buone vacanze!



[#7] dopo  
Utente
Scusate se disturbo ancora ma ho nuovamente un ritardo di pochi giorni con il ciclo. Sarebbero dovute arrivare il 21 agosto einvece ancora nulla. Cosa devo fare?
Grazie ancora!!!

[#8]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Non si preoccupi, gli sbalzi ormonali possono capitare, soprattutto d'estate. Se ci sono stati rapporti non protetti durante il mese, faccia un test.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#9] dopo  
Utente
Salve, vorrei solo aggiungere che posso escludere con certezza una gravidanza, visto che io e mio marito abbiamo avuto rapporti molto sicuri ed abbiamo già fatto un test che è risultato negativo. L'ultimo ciclo risale al 22 luglio (dopo un periodo di amenorrea di 3 mesi).
passato qualche girono da quel ciclo ho ritenuto opportuno fare una visita (l'esito del pap test devo ancora saperlo). La dottoressa ha detto che il mio utero è policistico, tipico della mia età (26 anni)e sostanzialmente signidfica che è "pigro". Visto poi che a fine anno vorremmo un bambino, mi ha consigliato di sospendere la pillola. tuttavia ha anche detto che se volessi prenderla mi consiglirebbe Yasminelle.

Mi piacerebbe molto regolarizzare la mia condizione irregolare del ciclo ma evitare al tempo stesso la pillola, e chiedo se ci sonoconsigli in tal senso.
Poi, in ultimo, chiedo come mai fin ora nessuno mi aveva detto che avevo un utero policistico.
E' possibile che prima non era tale e lo sia diventato con il passare del tempo(e quindi peggiorerà sempre più) oppure è solo una cosa transitoria che poi tornerà normale/regolare?
Questo provocherà qualche problema nell'iniziare una gravidanza?

Spero tanto di avere qualche chiarimento perchè ho le idee un po confuse.
Grazie in anticipo a chi vorrà rispondermi.

[#10] dopo  
Utente
Ho dimenticato di aggiungere il risultato della visita fatta in data 2 agosto 2007.

D.U.M: 22/7/2007
PAP-test: eseguito
Ecografia pelvica ETV: eseguita

Utero:
in asse, mobile, antiverso, DL 66 mm, DAP mm 31, DT mm 37,
ecostruttura: omogeneo

Endometrio:
DAP mm4-6
ecostruttura: proliferativo

Annesso DX: palpabile regolare
visualizzabile
sede regolare
dimensioni: 43x18
ecostruttura: micropolicistico

Annesso SX: palpabile regolare
visualizzabile
sede regolare
dimensioni: 36x20
ecostruttura: micropolicistico

Spazio del Douglas: libero

Commento:Genitali interni nei limiti della norma, micropilicisti ovarica bilaterale.

Non so se possono essere dati utili ad inviare un commento più preciso, tuttavia ho voluto inviarli, così da chiarire il quadro.

Grazie ancora.

[#11]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Se le ovaie sono policistiche (non l'utero), questa può essere la causa dell'assenza prolungata del ciclo.
Completerei gli accertamenti con gli esami ormonali, fatti dopo stimolazione con progestinico, e comprensivi di profilo metabolico (curva glicemica con insulinemia) e ormoni androgeni.
Da qui si può avere un'idea del quadro generale e di come procedere, tenendo presente il desiderio di gravidanza (e quindi ovviamente la pillola è da escludere).
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#12] dopo  
Utente
Mi scuso per l'errore, sì, ho scritto male, nel commento c'è scritto "micropolicisti ovarica bilaterale" infatti.
Grazie per la risposta tempestiva e chiara. Se posso, chiedo un'ultima cosa, per poi poter fare gli accertamenti da Lei indicati:
Qual'è il periodo migliore del ciclo per fare questi esami al fine di renderli il più possibile veritieri?
Grazie.
Cordialità.

[#13]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
al terzo giorno del ciclo (indotto da progestinico).
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#14] dopo  
Utente
La ringrazio. Provvederò.
Quindo contatto la gnecologa che mi sta seguendo, chiedo cortesemente di darmi un progestinico per indurre il ciclo, e al terzo giono di ciclo faccio il test ormonale. OK?

C'è un progestinico particolarmente indicato? Grazie.

Cordialità.

[#15]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
io di solito uso il farlutal.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#16] dopo  
Utente
Buon pomeriggio,
purtroppo il ciclo non è ancora comparso spontaneamente, considerando che la D.U.M. è il 22 luglio 2007, inizio a preoccuparmi un pochino...
Ho sentito alcuni specialisti e mi hanno consigliato di fare un controllo ematico di questi valori al 12esimo giorno del ciclo:

1-funzionalità tiroidea
2-FSH
3-LH
4-estradiolo
5-progesterone
6-prolattina
7-testosterone
8-androstendione
9-DHEA

Poi verso il 15° giorno dovrei ripetere il n°2,3,4 e 5.

Con questi esami, dicono, si dovrebbe chiarire la mia situazione.
In oltre, sulla base di questi valori, dovrei prendere qualche prodotto per indurre il ciclo.

Mi è stato detto, poi, che per il periodo di ciclo in cui mi trovavo (dum 22 luglio 07, visita del 2 agosto 07) avevo un endometrio con spessore inferiore alla media.

Cosa significa esattamente? C'è un qualche collegamento con le ovaie micropolicistiche?

In ultimo, poi non disturberò più, dovendo fare questi esami ematici al 12 e 15 giorno del ciclo, significa che devo attendere necessariamente che il ciclo arrivi spontaneamente??? e se non arrivasse???

Mi scuso ancora per il disturbo ma sono un po preoccupata. Grazie ancora.

Saluti.


[#17] dopo  
Utente
Dimenticavo...

Se prendessi comunque il FARLUTAL, senza prima fare gli esami ematici, il ciclo dovrebbe arrivare... Se arriverà (si spera!) inizierò a contare fino ad arrivare al 12 e 15 giono...
Secondo lei posso fare in questo modo? Oppure mi consiglia di aspettare che il ciclo arrivi da solo (ma chi sa quando!!!)

Grazie

[#18]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gli esami ormonali di base si fanno al TERZO giorno del ciclo.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#19] dopo  
Utente
Sì, me lo aveva già detto Lei ma allora come mai mi sono stati prescritti al 12° e al 15°? Il fatto di ripeterli poi servirebbe a cosa?

In ultimo: devo necessariamente attendere che arrivi il ciclo spontaneamente oppure posso farlo arrivare con il farlutal (o simili) per poter fare in seguito gli esami?
Lei cosa mi dice di fare?

Se questo farlutal ha la scopo di far arrivare il ciclo, poi io faccio gli esami il terzo giorno, le analisi sarnno veritiere o influenzate dal farlutal?

Grazie di nuovo, ma non so proprio se devo aspettare o indurre il ciclo!

[#20]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
se il ciclo non arriva spontaneamente, viene indotto da farlutal, terapia che non influenza i dosaggi ormonali.
Io, come molti altri colleghi, prescrivo gli esami al terzo-quarto giorno del ciclo, per valutare la funzione ormonale di base. Altri li prescrivono in altri periodi del ciclo, cosa che secondo me potrebbe portare a valutazioni non sempre corrette (ad esempio una inversione del rapporto LH/FSH ha un significato completamente diverso se eseguito durante la mestruazione o a metà ciclo).
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#21] dopo  
Utente
La ringrazio, è stata veramente molto gentile e professionale...

Se dovessi avere delle novità significative in merito al mio caso di amenorrea, o dei dubbi ulteriori inerenti, scriverò di nuovo.
Per ora non disturberò ulteriormente.
Questo sito è un vero esempio di pubblica utilità! Grazie ancora.

Cordialmente saluto.

[#22]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Certo, scriva pure quando vuole!

Un saluto!
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#23] dopo  
Utente
Buon giorno,

come avevo promesso, scrivo per aggiornare la situazione.

Dietro richiesta del mio medico ho eseguito gli esami per il controllo del dosaggio ormonale. Il medico non ha ritenuto opportuno prescrivere una pillola per indurre il ciclo, così mia ha detto di fare questo controllo e ripetere gli esami per alcuni valori (FSH, LH, estradiolo e progesterone) al 3° giorno quando sarà tornato il ciclo spontaneamente. Solo dopo, in caso di nuovo ritardo, potrà prescrivermi un induttore farmacologico per il ciclo.

Di seguito allego i risultati.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


TSH 1,38 micro U.I. /ml
FT3 3,13 pg/mL
FT4 0,67 ng/dL
FSH 3,5 mU/ml
LH 8,0 mU/ml
PROLATTINA 13,3 ng/ml
PROGESTERONE 10,70 ng/ml
17 BETA-ESTRADIOLO 176,0 pg/ml
TESTOSTERONE 0,80 ng/ml

DHEA-S in attesa di risposta (fra una decina di giorni)
ANDROSTENEDIONE in attesa di risposta (fra un adecina di giorni)

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Da questi risultati è già possibile capire qualcosa?

In base ai valori di riferimento (che non ho riportato per la loro estrema lunghezza ma che immagino i medici conoscano bene!) ho notato che:

1)ho + 0,05 ng/ml di testosterone;
2)i valori sembrerebbero fare riferimento ad una media corretta, SE fossi in fase lutea;
3)SE fossi in fase follicolare, il progesterone sarebbe troppo alto, mentre tutti gli altri vali sarebbero nella media.

Non ho notato altro, ma ammetto la mia totale ignoranza in materia, ho fatto solo riferimento a dei numeri, nulla di più, ecco perchè chiedo gentilmente un parere. In base ai tre punti sopra, le mie domande sono:

1) come posso far regolarizzare quel valore del testosterone?

2) se fossi in fase lutea, è possibile che io abbia ovulato? Se sì, è possibile sapere quanti giorni fa? E quando arriverà il ciclo?

3) se fossi in fase follicolare (l'ultima mestruazione è del 22 luglio, è possibile che io sia ancora in fase follicolare!?), il valore del progesterone alto cosa significa?

Ringrazio anticipatamente per la risposta.

Cordialità.

[#24]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
I dosaggi vanno inseriti in una fase precisa del ciclo, altrimenti sono inutili.
A ritroso potremo capire in che fase lei era, quando mestruerà, in questo momento non sono leggibili (come lei stessa ha intuito).
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#25] dopo  
Utente
Se i risulatai degli esami così sono inutili, perchè non fanno riferimento ad un perriodo preciso del ciclo, lo è anche il valore del testosterone alto??

E' comunque un valore che, indipendentemente dalla fase del ciclo in cui mi trovo, è sopra il valore di riferimento, o no?

Può essere curato e riportato nella media?

Oltre tutto ho notato, in questi ultimi giorni, la comparsa di qualche brufoletto che di solito non ho, e qualche capello in più sulla spazzola, oltre ad avere i capelli un po più grassi del solito...
Può essere tutto collegato? Cosa devo fare?

Ho letto che la pillola Diane e altri medicinali come Androcur, Dufaston e simili, possono essere usati per curare questi problemi(che mi sembra siano frequenti purtroppo!) ma hanno anche MOLTI effetti collaterali, come l'aumento di peso, nervosismo, sbalzi d'umore...

Se il medico di famiglia non mi prescrive il Farlutal come faccio ad averlo? Una volta ho usato Prontogest, erano 3 punture, (se non ricordo male il nome, ormai sono passati due anni), dovrei avere ancora la scatola, magari se vado in farmacia con quella me ne danno un'altra visto che già l'ho usata... Prontogest va bene comunque? Oppure è meglio il Farlutal?

COSA DEVO FARE? INDURRE IL CICLO e ripetere gli esami?
Esiste un induttore del ciclo senza prescrizione medica?

GRAZIE.

Cordialità.


[#26]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
>Se i risulatai degli esami così sono inutili, perchè non fanno riferimento ad un perriodo preciso del ciclo, lo è anche il valore del testosterone alto??

>E' comunque un valore che, indipendentemente dalla fase del ciclo in cui mi trovo, è sopra il valore di riferimento, o no?

non ha riportato i valori di riferimento del suo laboratorio




>Può essere curato e riportato nella media?

si

>Oltre tutto ho notato, in questi ultimi giorni, la comparsa di qualche brufoletto che di solito non ho, e qualche capello in più sulla spazzola, oltre ad avere i capelli un po più grassi del solito...
Può essere tutto collegato?


si



> Cosa devo fare?

rivolgersi a un medico che si occupa di questo tipo di problemi

>Ho letto che la pillola Diane e altri medicinali come Androcur, Dufaston e simili, possono essere usati per curare questi problemi(che mi sembra siano frequenti purtroppo!) ma hanno anche MOLTI effetti collaterali, come l'aumento di peso, nervosismo, sbalzi d'umore...

rari

>Se il medico di famiglia non mi prescrive il Farlutal come faccio ad averlo?


giustamente non glielo prescrive, perchè non è il suo specialista a consigliarglielo. Ne consegue che non lo può avere e che deve attenersi al parere del medico che la ha in cura.

Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#27] dopo  
Utente
Il valore massimo del testosterone secondo i valori di riferimento del laboratorio è di 0,75 ng/ml.

Nelle mie analisi ne hanno riscontrato un 0,05 ng/ml in più, pari a 0,80 ng/ml.

Non è un valore eccessivamente alto, ma i capelli che trovo nella spazzola ed i brufoletti che di solito non ho, sono segni di qualcosa che non va proprio al meglio...

Senza considerare, poi, che ho avuto un notevole calo del desiderio, diciamo pure insopportabile...

La ginecologa che mi ha in cura mi disse in agosto che se il ciclo avesse ritardato avrei dovuto chiamarla e mi avrebbe dato qualcosa per indurlo, alcune pasticche al posto delle vecchie punture...

Devo quindi fare così? Non devo aspettare che arrivi da solo?

[#28]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Segua le indicazioni del suo medico.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#29] dopo  
Utente
Buon pomeriggio,
oggi ho ricevuto il referto relativo all'analisi ematica ormonale fatto il 15 settembre scorso.
Oltre al TESTOSTERONE che già sapevo essere più alto di 0,05 ng/ml rispetto al valore di riferimento, ho trovato anche l'ANDROSTENEDIONE a 3,40 ng/ml (val. riferim.: 1,00 - 3,10 in età adulta)
Il valore del DHEA-S invece risulta essere di 1,77 mcg/ml (rientra nei valori di riferimento: 0,30 - 4,30.)

E' possibile sapere quale sarà la cosa migliore da fare?

Nel frattempo ho effettuato tre punture (Prontogest) il ciclo è tornato, ma vorrei sapere come devo fare per sistemare questa situazione.
Quale sarà la cura migliore secondo Voi?

Grazie anticipatamente.

[#30] dopo  
Utente
Ho dimenticato di scrivere le soluzioni che il medico mi ha consigliato...
Al 5° giorno dovrei prendere una di queste compresse
1) Androcur 50 mg, per 10 giorni da ripetere per 2-3 mesi.
2) Clomid, per 5 giorni con ecografia per controllare l'ovulazione, da fare al 12° giorno.

Quale sarà migliore e con minori effetti collaterali?

GRAZIE

[#31]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Cara signora,

segua le indicazioni del suo medico, non spetta a me decidere della sua terapia, ma a chi la conosce e l'ha visitata personalmente.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#32] dopo  
Utente
Salve, vorrei precisare che non volevo non accettare il parere del mio medico, ma visto che mi ha parlato di due soluzioni, quelle esposte (la scelta sta a me) volevo un aiuto nella valutazione.
Nel caso di androcur, si tratta di una possibile cura. Nell'altro caso si tratta di controllare l'ovulazione per essere precisi in caso di desiderare una gravidanza.

Io e mio marito saremmo del parere di risolvere prima il mio problema relativo agli ormoni maschili leggermente alti, poi in un secondo momento penseremo alla gravidanza, per cui non è ora la nostra priorità fare un bambino.
Per cui la soluzione 2 proposta dal mio medico la vorremmo scartare, per indirizzarci sull' ANDROCUR da prendere per 10 gorni dal 5° giorno del ciclo e ripetere per due-tre mesi.
Ma la nostra domanda è questa: prendere l'androcur ha degli effetti collaterali, generalmente? Risolverebbe il problema (cioè riporterebbe i miei livelli ormonali nella norma copnsentendo un ciclo regolare)???

Vorrei solo un PARERE per aiutare me e mio marito nella scelta. L'androcur risolve questi problemi? Oppure lei è del parere che una cura diversa sarebbe migliore?

[#33]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
L'androcur 50 mg è una terapia sovradosata, ne basta un quarto di compressa, e va associata a terapia estrogenica, quindi o si associa una pillola oppure l'etinilestradiolo da solo.
I risultati sul ciclo e sui sintomi di iperandrogenismo sono solitamente buoni, gli effetti collaterali sono gli stessi di tutte le terapie ormonali. Alla sospensione, entro pochi mesi il problema ormonale riemerge, perchè non esiste cura definitiva per l'eccesso di ormoni maschili.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#34] dopo  
Utente
Salve, ho certcato di rintracciare la mia ginecologa ma ho saputo che sarà assente per 3-6 mesi, così mi hanno detto (cose assurde!!!) Mi sono rivolta alla dottoressa che la sostituisce per chiarire i miei dubbi e il da farsi.

Dopo una consultazione piuttosto lunga durante la quale la dottoressa molto gentilmente mi ha spiegato tutto il possibile, mi ha richiesto gli esami ematici per la proteina C e proteina S, per completare il quadro della situazione e decidere quale pillola potrò prendere per curare la policistosi ovarica per circa 8-12 mesi. Tuttavia farò un controllo già a 6 mesi.

Solo dopo una sospensione della pillola di 2-3 mesi, con i dovuti controlli, potremmo pensare ad una gravidanza.

Ora, dice la mia ginecologa, devo mettere a riposo l'ovaio perchè questi casi di amenorrea creano una concentrazione di estrogeni (se non ricordo male il nome...), ovvero ormoni tossici, per cui, prima devo sistemare l'ovaio, poi se tutto andrà bene potremmo pensare ad una gravidanza. Al momento, dice, non è il caso di pensare ad una gravidanza anche perchè senza ciclo regolare sarà difficile riuscire ad impiantarla bene e l'androcur effettivamente non sembra essere la soluzione che quest'altra ginecologa predilige.
L'esito del pap-test è negativo, tutto bene.

Un dubbio mi è rimasto. La mestruazione è comparsa il 26 settembre dopo 66 giorni dalla precedente.
La pillola che mi verrà data dovrò prenderla il primo giorno della prossima mestruazione, se non sbaglio. Visto che a me non arrivano mai regolari, dovrò indurre il ciclo al 28 giorno se non dovesse arrivare da solo? Oppure dovrò aspettare ancora 50, 60 o 70 giorni che arrivi spontaneamente?

Credo che questa sia una soluzione ponderata e ragionevole, pur non facendo ilo medico, a rigor di logica mi sembra una buona idea, vista la spiegazione che me ha dato la ginecologa. Mi rimane la curiosità circa la cura con androcur, chissà perchè me lo volevano dare da solo e con un dosaggio così alto? Mistero...

Grazie ancora per la disponibilità e la gentilezza. Questo sito è veramente utile!

Cordialità.

[#35]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Sull'inizio della terapia, può farlo su mestruazione indotta, comunque consulti il suo medico (o sostituto).
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#36] dopo  
Utente
Se ci dovessero essere ulteriori novità rilevanti vi contatterò, altrimenti lascio spazio ad altri...
Grazie ancora e buona giornata.

[#37]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Buona giornata a lei!
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#38] dopo  
Utente
Salve! Mi dispiace disturbare di nuovo, ma ho alcune piccole novità.
L'ultimo ciclo è arrivato il 26 settembre e così mi sono rivolta alla mia ginecologa per sapere cosa avrei dovuto fare per il prossimo, come da accordi precedenti.
Premessa. Erano giorni che la cercavo al celullare, in ospedale, nello studio... Niente, dileguata, sparita!
Così ho trovato in ospedale una gentilissima ginecologa che mi ha detto di poter sostituire la precedente dottoressa che mi stava seguendo. Spiegato il caso, mi ha fatto fare subito al terzo giorno del ciclo delle analisi per poi voler prescrivere una pillola adatta al mio caso, al posto di una cura.
Queste sono le analisi fatte il 3° giorno del ciclo.

FSH 5,4 mU/ml
LH 4,1 mU/ml
Progesterone 0,38 ng/ml
17 Beta-estradiolo 35,0 pg/ml
proteina C 84% (70-140)
proteina S 77% (65-90)

Ripeto che le analisi facevano riferimento al 3° giono del ciclo. esattamento non saprei come si chiama la fase in termini medici.

Ora le mie due domanda sono queste.
1) Qualora dovessi prendere una pillola, quale sarebbe adatta?
(tenendo conto dell'amenorrea, della micro-policisti ovarica bilaterale e del fatto che vorremmo avere un bambino entro il prossimo anno 2008?
2) per indurre il ciclo (l'ultimo è arrivato il 26 settembre) cosa devo prendere?

Fiduciosa attendo una gradita risposta e ringrazio fin da ora.
Cordialità.

[#39]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gli esami vanno bene, la terapia deve essere decisa dal suo medico. Possiamo dare un parere, ma non certo prescrivere una terapia.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#40] dopo  
Utente
Naturalmente intendevo solo chiedere un parere, nulla di più.
Ho fissato intanto un appuntamento con la nuova ginecologa per domenica. In attesa della visita, volevo un Vostro parere, visto che fin ora mi avete dato sempre ottimi consigli!

Credo che l'idea di aspettare per una gravidanza sia migliore, prima è bene risolvere questi casi di amenorrea in assenza di pillola e le micropolicisti ovariche. Potresta darmi un parere anche per questo?

Grazie. Buona giornata.

[#41]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Se la disfunzione è importante, è bene curarla prima, infatti le alterazioni della PCOS (iperandrogenismo e aumentata resistenza insulinica) possono comportare un aumento del rischio di aborto.
La pillola adatta potrebbe essere yasminelle o belara, per indurre il ciclo di solito si usa un progestinico.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#42] dopo  
Utente
Buona sera, e grazie per il consiglio.

Ho fatto una visita e dall'ecografia sembra che il ciclo arriverà in poco tempo perchè lo spessore del ... è consistente (mi sfugge il nome).
Ma visto che sono già 8 settimane che aspetto che arrivi la mestruazione, e non arriva da sola, la dottoressa ha deciso di indurlo con LUTENYL, da prendere fino a che non comparirà la mestruazione. Poi la pillola che dovrò prendere è LOETTE.

Speriamo bene!
Una domanda: se fossi stata in cinta, si sarebbe potuto vedere dall'ecografia pur trattandosi di così poco tempo? la ginecologa vorrebbe che facessi anche un test di gravidanza prima di prendere LUTENYL. Perchè secondo Voi questa richiesta?
Grazie.

[#43] dopo  
Utente
Questa mattina ho fatto un test di gravidanza comprato ieri sera in farmacia.
Sebbene io abbia seguito attentamente le istruzioni il test NON ha riportato alcun esito, nè negativo, nè positivo.
Nella confezione attribuiscono tale possibilità ad una quantità di urina troppo bassa, per cui il test è risultato nullo/inaffidabile.

1)Dovrei fare un altro test?

In oltre, io e mio marito abbiamo quasi la certezza matematica che non sia possibile una gravidanza visti i pochi rapporti avuti (solo 2 dopo l'ultima mestruazione) e con la massima attenzione prestata.

2) Potrei prendere Lutenyl anche senza un test di gravaidanza attendibile?

3) Se fossi incinta, invece, questo farmaco cosa potrebbe causare all'eventuale embrione?

Ripeto che secondo noi non è possibile che io sia incinta, ma la ginecologa ci ha fatto venire qualche dubbio. Ci sembra strano che dall'ecografia non abbia potuto avere una idea chiara sui fatti.

4) Se l'ultimo ciclo è iniziato il 25 settembre 2007 e non è ancora tornata una mestruazione, è possibile che l'ecografia fatta ieri (54 giorni dall'inizio dell'ultima mestruazione) non abbia evidenziato un eventuale stato embrionale di gravidanza?

Torno a ripetere (e poi concludo) che la ginecologa mentre faceva la ecografia mi divceva che il ciclo sarebbe comparso a giorni visto che c'è uno spessore evidente. Come è possibile che abbia avuto il dubbio di una gravidanza?

Mi scuso di cuore per le tante domande, e i dubbi posti, ma devo dire che se all'inizio ero molto confortata, poi i dubbi sono comparsi nel momento in cui ci è stato detto di fare il test di gravidanza.

Spero che riusciate a togliermi qualche dubbio. Grazie fin da ora per l'eventuale trisposta.

Cordialità.

[#44]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Cara signora,

i dubbi li dovrebbe chiarire con il suo medico. Dalle sue domande mi è chiaro che lei non ha molta fiducia nell'iter proposto dalla sua ginecologa. Chieda apertamente delle spiegazioni a lei, e non affidi la gestione della sua salute a internet.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#45] dopo  
Utente
Buon giorno Gentile Dr.ssa,
la ringrazio per la risposta ma non credo si possa dire che io stia affidando la mia salute ad internet perchè altrimenti non avrei fatto tutto quello che sto facendo da alcuni mesi a questa parte, come ad esempio ecografie, esami ematici, delle urine, ormonali... Ho solo usufruito del servizio offerto dal presente sito per avere un aiuto in più.
Con la ginecologa ho parlato molto e i dubbi non ne avevo, e non ne ho, circa l'iter da lei indicato, tanto che ho fatto questa mattina il test HCG e prenderò i farmaci indicati (dopo l'esito del test di questa mattina).

Quello che non ho pensato di chiedere alla ginecologa è il perchè di un test di gravidanza se l'ecografia non ha mostrato alcuna gravidanza. all'inizio pensavo non si potesse ancora vedere perchè troppo presto, ma poi ho visto in internet delle ecografie in cui è visibile l'embrione già a 4 settimane dal concepimento. I dubbi ci sono venuti solo dopo e la ginecologa non era più a nostra disposizione.

Ad ogni modo non disturberò più.
Le auguro una buona giornata.


[#46] dopo  
Utente
Buon giorno,

Vorrei chiedere un paio di cose a proposito della mia situazione ancora non sbloccata.
Ho eseguito il 20 novembre il test ematico HCG ed è assolutamente negativo, poi ho subito assunto il Lutenyl. Lo sto assumendo da 9 giorni, quest'oggi prendo l'ultima pasticca, visto che la ginecologa mi ha detto di prenderlo per 10 giorni.

Il ciclo quando dovrebbe arrivare, una volta terminato il Lutenyl?

Ho letto sul foglio illustrativo del Lutenyl che bisognerebbe fare ASSIDUI CONTROLLI al SENO, se si assume questo farmaco.
Ora, visto che io ho già tolto un fibroadenoma al seno sx qualche anno fa, volevo sapere se questo è possibile che si ripeta per via del Lutenyl. Oltre tutto ho dolore/gonfiore al seno da qualche giorno. Sarà per via del ciclo che deve arrivare (credo) o per altre ragioni magari legate agli effetti colaterali del farmaco?

Mi scuso per il disturbo. Grazie.

[#47] dopo  
Utente
Buon pomeriggio,
scrivo per avere un parere, perchè ho qualche dubbio...

Prendo la pillola Loette da novembre, e solitamente non ho avuto problemi di nessun tipo durante l'assunzione.
L'ultima pillola l'ho presa lunedì e il ciclo sarebbe dovuto arrivare giovedì, ma niente. Venrdì è comparso appena qualcosa, un lieve sanguinamento in serata, poi nulla. Io dovrei riprendere la pillola domani e non so che fare. La mia ginecologa dice che posso riprenderla tranquillamente e che questo può capitare. Se capitasse però al prox ciclo, devo fare un0'ecografia per controllare.

Ho assunto regolarmente tutta la confezione, senza dimenticare neppure una pillola, ma il ciclo non arriva.

Premetto che ho dovuto assumere anche un antibiotico per un problema al dente del giudizio, trattasi di ABBA 875+125 (Amoxicillina + acido clavulanico)

Questo può aver influito sulla protezione nell'unico rapporto sessuale avuto con mio marito in quel periodo?

Posso veramente continuare a prendere la pillola nuova?

Grazie.

[#48]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Faccia un test di gravidanza, l'ampicillina interferisce con la protezione contraccettiva, ma è anche possibile che sia semplcemente una mancata risposta al contraccettivo, che può succedere con le pillole leggere.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#49] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta, farò oggi stesso il test prima di prendere la prima pillola della nuova confezione.

Mi chiedo però come mai nel folgio illustrativo della pillola non si parli dei farmaci che sono nell'antibiotico, e viceversa...

Cos'è l'ampicillina?
L'antibiotico ABBA è composto di amoxicillina e acido clavulanico, se non sbaglio.

Questi sono i conteggi relativi al mio ciclo, alla pillola e all'antibiotico:
- dal 26 marzo al 14 aprile: assunzione ultimo ciclo di pillola LOETTE
- dal 19 marzo al 23(24) marzo: antibiotico ABBA (e antidolorifico MOMENT nei primi due giorni 19 e 20 marzo)
- dal 22 aprile prox confezione di pillola Loette.

Prima di assumere l'antibiotico non abbiamo avuto rapporti, e il ciclo era comparso dal 19 al 22 marzo, regolarmente.
Un solo rapporto l'abbiamo avuto, se non ricordo male, quando avevo finito di assumere l'antibiotico, ma non ricordo se già avevo iniziato la pillola oppure se era nella prima settimana di assunzione della stessa. Poi non abbiamo avuto più rapporti.

Quanta probabilità ho di essere incinta?

Grazie.

[#50]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
mi scusi, intendevo dire l'amoxicillina (e anche l'ampicillina che è un farmaco della stessa famiglia) interferiscono con la pillola.

Le probabilità di una gravidanza sono basse, ma un test lo faccia per sicurezza.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#51] dopo  
Utente
Ho effettuato il test, negativo, nessuna gravidanza.
Quindi ho assunto la prima pillola della nuova confezione con più tranquillità in effetti.
Grazie del consiglio.

Cosa potrebbe significare l'assenza di ciclo al termine della pillola per due volte consecutive? (qualora la prox volta non arrivasse il ciclo...)

Grazie

[#52]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
potrebbe significare che l'endometrio non risponde alle variazioni degli ormoni. Questo potrebbe essere una indicazione per interrompere la pillola o cambiare tipo.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#53] dopo  
Utente
La ringrazio moltissimo per l'indicazione.

Se al prox ciclo si verificasse nuovamente tale situazione parlerò con la ginecologa di questa ipotesi, anche perchè, detto sinceramente, questa pillola riduce molto anche il desiderio...

Cordiali saluti.

[#54] dopo  
Utente
Buon giorno,
scrivo per avere qualche indicazione sulla situazione pillola. Due cicli fa, il ciclo non era comparso e contattando la ginecologa mi disse che era possibile una volta che accadesse questa cosa, con le pillole a basso dosaggio.
Il ciclo successivo è arrivato puntuale e abbondante.
Quindi mi sono tranquillizzata.
Questo mese (quindi è la seconda volta) il ciclo non è comparso.
Come due mesi fa, anche questa volta ho avuto una specie di principio di arrivo del ciclo, che però si è subito bloccato.

Io non ho alcun problema o fastidio, ma non credo si possa avere il ciclo a fasi alterne...

La mia ginecologa, per quel che ho capito, è contraria a cambiare pillola e dice che questi fenomeni possono verificarsi con pillole a basso dosaggio, l'importantre è che dopo il ciclo "fantasma" ne arrivi uno regolare.

Detto francamente, non credo sia questa la soluzione migliore...

Cosa ne pensate? Devo chiedere alla ginecologa un cambio di pillola? Quale sarebbe più indicata?

Grazie.

[#55]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
>Cosa ne pensate?

l'amenorrea in corso di pillola non è un problema significativo dal punto di vista medico, anche se è considerato fastidioso


>Devo chiedere alla ginecologa un cambio di pillola?

se vuole, può provare



>Quale sarebbe più indicata?

lo deve decidere il suo medico, spesso in questi casi si cambia con una trifasica
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#56] dopo  
Utente
Grazie!
Sarebbe così gentile da spiegarmi cosa si intende con "pillola trifasica"?
La prima pillola che ho assunto (dopo il parto) era MERCILON e mi sono sempre trovata bene. Non mi ha mai causato amenorrea nè durante l'assunzione, nè in caso di un paio di mesi pausa... Poi il ginecologo che mi seguiva decise di cambiare con YASMIN, e da allora ho iniziato con l'amenorrea...

Potrei riassumere Mercilon? Oppure è troppo pesante, secondo lei?
Naturalmente sarà la mia ginecologa a prescrivere quello che ritiene necessario, ma i vostri pareri sono per me molto utili.

Grazie ancora.

[#57]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
20% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ne parli con la sua ginecologa.
Le pillole trifasiche sono ad esempio triminulet, milvane, lucille.
Sta al medico decidere quale preparato utilizzare.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi