Utente
Ho effettuato il mio primo parto circa 30 gg fa, iniziato naturalmente si è concluso con un cesareo d'urgenza. Ho subito avvertito dolore alla ferita e circa dopo 10 gg, il mio gine mi ha riaperto la ferita e premendomi l'addome mi ha fatto uscire un pugno di sangue nero. Ho continuato ad aver dolori e toranta da lui per controllo, al 15° giorno dal cesareo, mi dice che la ferita sta bene e mi prescrive un antinfiammatorio (Dansen). Passano altri 10 gg e la ferita mi fa ancora più male, nella parte destra della stessa, infatti, premendo leggermente la parte sinistra sento un lievissimo dolore (normale), mentre premendo la parte destra sento un forte bruciore e dolore. Cosa succede? Cosa devo fare? Se torno dal mio gine mi dirà che è tutto normale.....ma è davvero così? Sono disperata e ho paura....aiuto!!!

[#1]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Il consiglio e' quello di fare un nuovo controllo della ferita ed eventualmente un'ecografia della zona interessata.
Osservi se compare febbre o arrossamenti della zona interessata (segni di infezione)
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la celere risposta.
Finora ho avuto qualche linea di febbre (mai superiore a 37,6 gradi) 5 giorni fa, ma penso dovuto ad un ingorgo al seno sinistro, curato con antibiodico (Keforal) e tachipirina. Adesso non ho più febbre e sto continuando con l'antibiodico.
A proposito, secondo lei, è consigliabile assumere questo antibiodico in fase di allattamento?

[#3]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Dalla scheda tecnica dell'antibiotico:

Nelle donne in stato di gravidanza e nella primissima infanzia il farmaco va somministrato in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico. La tollerabilità di Keforal durante l'allattamento non è stata sufficientemente provata, pertanto deve essere usato con cautela nelle donne che allattano.

saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"