Utente
Ho bisogno di un parere medico rispetto alla mia situazione. Ho 27 anni, in cerca di gravidanza da 2. Ho la sindrome dell'ovaio policistico e ho cicli anovulatori. Mi sono sottoposta a isteroscopia (tutto ok) a laparoscopia ad ottobre scorso per fare un drilling ovarico; in questa sede mi hanno definito le tube pervie e mi è stata prelevata una ciste di 5 cm che si è poi rivelata tramite esame istologico un corpo luteo. Mio marito 28enne ha fatto uno spermiogramma all'inizio della ricerca del figlio e il numero e la velocità non erano ottimali; però è bastata una cura di dadavit e a seguire bioarginina per avere un risultato di normospermia (anche se la mobilità è inferiore del 5 % rispetto alla norma).Prima dell'intervento mi sono sottoposta ad un ciclo di clomid, che non ha portato a nulla. Dopo l'intervento ho fatto monitoraggi per capire se naturalmente avessi ripreso ad ovulare ma nulla. E' seguito un ciclo di Gonal F 75 per tentativi mirati che mi ha permesso di ottenere un follicolo da 20 mm che non è scoppiato pur avendo somministrato 3 fiale di gonasi 5000. al terzo monitoraggio, dopo la terza puntura di gonasi, il follicolo era giunto a 30 mm. ho avuto il ciclo al 25° giorno. Ho fatto un mese di pausa, il ciclo mi è tornato dopo 34 giorni. Non so se ho ovulato o meno, ma il grafico della temperatura basale è stato bifasico con rialzo al 19° giorno.
oggi, al 10° giorno del ciclo ho il primo monitoraggio perchè ho ripreso gonal f 75 dal 3° giorno.
La mia domanda è questa: se anche questa volta il follicolo non dovesse scoppiare mi conviene ricominciare un terzo ciclo di gonal + gonasi o devo pensare a qualcosa di diverso, tipo ad un percorso di fecondazione assisitita?

[#1]  
Dr.ssa Cristina Passadore

28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, se non risponde è inutile seguire questa strada ma conviene intraprendere una via più decisa.

Cordialoi saluti.
Dott.ssa Cristina Passadore
Via Luciano Manara 15, 20122 Milano Cell. 3386263853
www.cristinapassadore.it

[#2] dopo  
Utente
Gent.ma dottoressa,
mio marito ha ritirato nel frattempo il suo ultimo spermiogramma con risultati davvero soddisfacenti rispetto a quelli precedenti (85 milioni; mobilità prima ora 80 % seconda 70 %).
Io invece ho fatto il mio secondo ciclo di gonal f 75 + gonasi. Questa volta il follicolo dominante si è presentato nell'ovaio di destra. Prima volta da quando monitoro; le altre volte sempre a sinistra, dove ho potuto constatare che i folllicoli tendono a non scoppiare ma ad incistirsi (tant'è che in sede di laparoscopia mi è stata rimossa una cisti di 5 cm proprio dall'ovaio sinistro). Non so se le due ovaie scientificamente tendono a comportarsi nella stessa maniera ma infondo spero di no.
Al 13° giorno del ciclo il follicolo a destra era di 19 mm; il giorno dopo ho fatto 2 fiale di Gonasi 5000 in una puntura sola. Non so se è scoppiato perchè il monitoraggio lo faccio oggi. Ho nel frattempo avuto rapporto mirato il giorno dopo del gonasi (15° del ciclo) e come mi ha consigliato il mio ginecologo lo avrò anche oggi (17°).
Le comunico inoltre che esattamente a 36 ore dal gonasi ho avuto dei forti crampi alle ovaie tanto da svegliarmi nel sonno.

Queste fitte possono ricondursi allo scoppio?

Le chiederei infine, se fosse così gentile, di specificare che cosa Lei intende per "intraprendere una via più decisa".

La ringrazio anticipatamente e mi congratulo per il servizio offerto da Lei e da tutto lo staff di Medicitalia.

[#3] dopo  
Utente
Gent.ma dott.ssa,
aprofitterei della sua disponibilità per chiederle un'ulteriore consiglio. Vista la mia condizione ho da quasi un mese iniziato una dieta tramite la consulenza di una biologa nutrizionista e dopo essere stata ferma per circa 3 mesi dall'intervento laparoscopico sono tornata in piscina, frequentando un corso di hidrobike.
Certa che la dieta non possa che farmi bene, considerando un sovrappeso di circa 10 kg, dovuto probabilmente alla terapia di stimolazione ovarica (considerando che ho preso 8 kg in pochissimi mesi seguenti la laparoscopia), volevo piuttosto chiederle se è il caso di continuare il corso in piscina, considerando il percorso di stimolazione intrapreso. Può lo sforzo fisico incidere sulla malfunzionalità dell'ovulazione o comunque, laddove dovesse succedere, sul concepimento stesso?

[#4]  
Dr.ssa Cristina Passadore

28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
L'attività fisica fa solo del bene, i dolori che ha avuto possono essere di origine intestinale e per via più decisa intendo un programma di procreazione medico-assistita.

Buona serata.
Dott.ssa Cristina Passadore
Via Luciano Manara 15, 20122 Milano Cell. 3386263853
www.cristinapassadore.it

[#5] dopo  
Utente
Per aggiornarla.
Ieri ho fatto l'ultimo monitoraggio per verificare se l'ovulazione fosse avvenuta e se quindi il famoso follicolo fosse scoppiato.
Ebbene si. Da valutazione ecografica il follicolo è scoppiato e ho finalmente sentito dire dal medico "HAI OVULATO".
So che di qui a restare incinta ce ne vuole ma dal primo ciclo di gonal durante il quale non ho ottenuto assolutamente risultati a questo la differenza è che perlomeno ho potuto provarci.
Vedremo cosa accadrà. Gli accordi con il mio medico erano quelli di provarci almeno per tre mesi; dovesse non accadere nulla ovviamente percorrerò la strada della PMA.
Alla luce di quello chè è successo, mi dica Lei se faccio bene o no ad almeno provarci.
La ringrazio

[#6] dopo  
Utente
Mi piacerebbe conoscere il parere di ulteriori professionisti dello staff Medicitalia, non perchè non mi soddisfa quello ricevuto dalla gentilissima dottoressa ma perchè è bene conoscere più punti di vista a riguardo.
Sarei oltremodo contenta se a rispondere fosse un medico della mia zona (Bari e provincia), magari esperto in PMA, in modo tale da consultarlo personalmente, laddove in un futuro ce ne fosse davvero bisogno.
Ringrazio anticipatamente.

[#7]  
Dr.ssa Cristina Passadore

28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Va benissimo come è d'accordo con il suo medico.

In bocca al lupo e mi faccia sapere.

Cordiali saluti.
Dott.ssa Cristina Passadore
Via Luciano Manara 15, 20122 Milano Cell. 3386263853
www.cristinapassadore.it

[#8]  
Dr. Domenico Carone

20% attività
4% attualità
0% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2008
Cara Sig.ra comprendo come l'esito delle induzioni delle ovulazione siano spesso contrassegnate da una eccessiva attesa di risultato , in modo particolare in una paziente come lei con tube pervie e seme idoneo . Le consiglio di continuare a provare per vie naturali cercando di sganciare la sessualità dalla riproduzione . E' evidente che intercorsi 12 mesi di rapporti sessuali non protetti si possa configurare un quadro di sterilità idiopatica , a prescindere dagli esiti degli eventi ovulatori documentati al monitoraggio e vada intrapreso il cammino della PMA . Tenga conto che quasi il 25% delle coppie infertili che accedono ad un centro di PMA hanno una diagnosi certificata di Infertilità idiopatica .
Cordiali saluti
Dr. Domenico Carone

[#9] dopo  
Utente
Gent.mo dott. Carone,
intanto la ringrazio per aver risposto. In più le chiederei, scusandomi anticipatamente per una certa ignoranza in materia da parte mia, che cosa si intende per sterilità idiopatica.
Mi trova pienamente d'accordo sul fatto di dover sganciare la sessualità dalla riproduzione ma questo aimè accadeva fin quando non abbiamo capito che c'era qualcosa che non andava e giunti a tale consapevolezza, mi creda, è praticamente impossibile non giungere a rapporti finalizzati esclusivamente alla riproduzione, magari focalizzandoli nei famosi giorni giusti.
E' d'accordo anche il mio ginecologo che, inquadrata la terapia giusta per aiutarmi ad ovulare, mi ha proposto di proseguire così per altri tre mesi senza sottopormi a monitoraggio, proprio per evitarmi lo stress di fare avanti e indietro da casa allo studio e per rendere il tutto il più naturale possibile.
Ammetto che mi spaventa l'idea di non controllare ciò che accade a seguito della somministrazione del Gonal e successivamente del Gonasi, ma d'altra parte sarei più rilassata a non sottopormi a visita ginecologica a giorni alterni (ormai mi "vede" più il ginecologo che mio marito!) A parte gli scherzi, sono evidentemente angosciata ma allo stesso tempo mi lascio illudere che tutto a breve possa concludersi e portare a qualcosa di concreto, scongiurando di dover giungere a percorrere strade ancora più ripide e a non arrivare mai al traguardo.
Mi scusi per lo sfogo e la ringrazio nuovamente, sperando che possiate voi altri darmi pareri su come affrontare passo dopo passo questa salita interminabile.
Cordiali saluti

[#10] dopo  
Utente
Bene, mi sono documentata. Idiopatica starebbe per inspiegata. Sa quante cose "idiopatiche" ci sono nella mia vita...
A pensare che "idiopaticamente" (si potrà dire???) certe donne si ritrovano incinta e risolvono il tutto con una bella IVG...
Così è la vita.

[#11] dopo  
Utente
Gent.mi,
è la prima volta che in fase luteale ho costantemente delle perdite vaginali acquose (tanto da bagnare completamente lo slip) e una forte tensione al seno. Sono al 7° po. Vorrei sapere se tali sintomi sono dovuti alla somministrazione di farmaci, quali gonal e gonasi. Premetto però che in precedenti cicli, nonostante lo stesso dosaggio dei farmaci sopracitati, non ho percepito nessun sintomo. La temperatura basale è alta rispetto la fase pre-ovulatoria.
Ringrazio anticipatamente coloro che mi risponderanno.

[#12] dopo  
Utente
Gent.mi,
è la prima volta che in fase luteale ho costantemente delle perdite vaginali acquose (tanto da bagnare completamente lo slip) e una forte tensione al seno. Sono al 7° po. Vorrei sapere se tali sintomi sono dovuti alla somministrazione di farmaci, quali gonal e gonasi. Premetto però che in precedenti cicli, nonostante lo stesso dosaggio dei farmaci sopracitati, non ho percepito nessun sintomo. La temperatura basale è alta rispetto la fase pre-ovulatoria.
Ringrazio anticipatamente coloro che mi risponderanno.

[#13] dopo  
Utente
Gent.mi,
è la prima volta che in fase luteale ho costantemente delle perdite vaginali acquose (tanto da bagnare completamente lo slip) e una forte tensione al seno. Sono al 7° po. Vorrei sapere se tali sintomi sono dovuti alla somministrazione di farmaci, quali gonal e gonasi. Premetto però che in precedenti cicli, nonostante lo stesso dosaggio dei farmaci sopracitati, non ho percepito nessun sintomo. La temperatura basale è alta rispetto la fase pre-ovulatoria.
Ringrazio anticipatamente coloro che mi risponderanno.

[#14] dopo  
Utente
Stamane, 9° po, sto ancora peggio. Oltre ai sintomi sopraindicati, ho avuto delle forti contrazioni uterine mai subite finora e la pressione arteriosa è bassa (100 max, 50 min: l'ho misurata proprio perchè mi sento di svenire da un momento all'altro).
Devo iniziare a preoccuparmi??? Cosa mi sta succedendo?

[#15] dopo  
Utente
up

[#16] dopo  
Utente
Ancora una volta per aggiornarvi e chiedere consigli.
Al 9° po, oltre ai sintomi che ho già descritto, ho avuto delle perdite di muco rosa, tanto da pensare che il ciclo mi stesse arrivando. In effetti la sensazione è ancora quella ma non ho più avuto perdite e oggi è il giorno in cui aspetto il ciclo. Ho mal di testa, brividi di freddo, mal di gambe, reni e schiena (non ho febbre!) dolori premestruali ma nulla.
Quando è opportuno fare un test, vista la precedente somministrazione di Gonasi?

[#17]  
Dr. Domenico Carone

20% attività
4% attualità
0% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2008
Cara Sig.ra i sintomi sono molto aspecifici e farebbero pensare una una forma pseudoinfluenzale . E' assolutamnete prematuro effettuare un test . Attenderei almeno uno due giorni di ritardo sulla data prevista del ciclo a prescindere dall'HCG day e auguri
Dr. Domenico Carone

[#18] dopo  
Utente
a due giorni di ritardo 2 test casalinghi positivi. Vedremo cosa mi dice il prelievo del sangue domani mattina. Resto con i piedi per terra ma dopo 2 test positivi...mi auguro di ricevere una buona notizia!
buona domenica.

[#19]  
Dr.ssa Cristina Passadore

28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
In bocca al lupo!!
Dott.ssa Cristina Passadore
Via Luciano Manara 15, 20122 Milano Cell. 3386263853
www.cristinapassadore.it

[#20] dopo  
Utente
Gent.mi,
nel frattempo ho fatto 2 prelievi per il beta hcg a distanza di una settimana. Ultimo ciclo: 22/01/2011.
in data 19/02 le beta erano 79; oggi 28/02 sono giunte a 7740 (sono a 5 settimane + 2).
quando sarà il momento giusto per fare la prima eco?

[#21]  
Dr.ssa Cristina Passadore

28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Se è in ansia a 6 settimane altrimenti se si vuol divertire a 7 settimane. Tradotto: a 6 settimane si vede un piccolo embrione con il battito a 7 settimane l'embrione è più grande e la sua visione dà più soddisfazione.

Saluti.
Dott.ssa Cristina Passadore
Via Luciano Manara 15, 20122 Milano Cell. 3386263853
www.cristinapassadore.it

[#22] dopo  
Utente
Infatti, attenderò le 7 settimane, così come mi ha anche consigliato il ginecologo che mi segue. La ringrazio molto e probabilmente mi farò risentire quando avrò provato la gioia della prima eco.
Cordiali saluti

[#23] dopo  
Utente
non ho potuto scrivere prima perchè passo la maggior parte del tempo a vomitare o a dormire. volevo solo dire che sentire battere un cuoricino dentro di te è un'emozione indescrivibile.
L'embrione a 6 sett e 6 gg misurava 9.9 mm.
E' possibile che durante la prima eco nn sia stato possibile diagnosticarlo, ma che alla seconda ecografia abbia la sorpresa che i feti siano 2, magari omozigoti?
Ho questa sensazione e una pancia enorme, essendo solo alla 9 settimana.
sarà una fissazione?