Utente 544XXX
Buonasera Dottore,
Il mese scorso mi è stato praticato il raschiamento in seguito all'interruzione della gravidanza (sesta settimana)
Oggi ho ritirato il referto dell'esame istologico e vorrei avere ulteriori delucidazioni a riguardo la diagnosi riportava:
Lembi di decidua talora necrotica, invasa da granulociti mucosa endometriale con iperplasia ghiandolare tipo arias-stella. Non villi coriali nel materiale esaminato.
il medico mi ha detto che l'perplasia di tali ghiandole non è da sottovalutare per questo mi ha prescritto l'esame del bhcg.
vorrei capire se tutto questo è comunque la prassi, oppure se devo
seriamente preoccuparmi.
la ringrazio anticip.

[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Il "fenomeno di Arias-Stella" prende il nome da un patologo, credo, Peruviano. Si tratta di un fenomeno a carico delle cellule epiteliali secretive delle ghiandole endometriali, dovuto all'incremento della stimolazione muco-produttiva indotta dall'HCG della futura placenta del concepito.

In altre parole, l'HCG prodotto dalla futura placenta del "bimbo" ed in particolare da una parte di questa "prima placenta", il sinciziotrofoblasto, stimola le ghiandole presenti nell'endometrio (la mucosa uterina) ad incrementare di numero (iperplasia ghaindolare gestazionale) ed a secernere muco, glicogeno (forma di aggregazione di molecole di zucchero) ed altri prodotti atti a nutrire l'embrione dal momento del suo arrivo in utero (grosso modo al 7° giorno dalla fecondazione) fino ai primi giorni del suo impianto (8° - 12° giorno circa) (fase istiotrofa dell'embrione), prima cioè che l'embrione stesso stabilisca con il sistema vascolare materno quel contatto e quelle relazioni anatomiche e funzionali che gli permetteranno l'ulteriore sviluppo (fase emotrofa dell'embrione) attraverso la circolazione utero-placentare.
Nella reazione di Arias-Stella, frequente nelle gravidanze extra-uterine, i nuclei delle cellule ghiandolari della mucosa endometriale appaiono iper-cromatici.
Quindi, l'assenza di villi coriali nel raschiamento ed il fenomeno di Arias-Stella, fanno propendere per due possibili ipotesi:
a) aborto precoce, prima dell'impianto della blastocisti (una delle "forme dell'embrione iniziale")
b) aborto di una gravidanza in sede anomala (extra-uterina).

Il dosaggio seriato della beta HCG, quindi, proposto dal Collega trova la sua giustificazione.
Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente 544XXX

Gentile Dott
la ringrazio per aver risposto alla mia richiesta.
Questa mattina ho ritirato le betahcg, il risultato è positivo
(valore di riferimento fino a 3 esito 3.6)
cosa significa?
Durante il mio ricovero (10 gg) il medico non ha mai parlato di gravidanza extauterina, perchè?
si può questa riscontrare subito?
vorrei capire a cosa vado incontro, mi perdoni, ma sono un pò in preda al panico.
la ringrazio per la sua disponibilità
cordiali saluti

[#3]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Assolutamente non deve preoccuparsi.
La presenza del fenomeno di Arias-Stella è frequente nella gravidanza extra-uterina ma è anche, come Le ho spiegato, tipico delle gravidanze con aborto precoce intrauterino.
La mancanza di sintomi associati alla gravidanza extrauterina (se lo fosse stata, Lei pur se alla sesta settimana di gestazione ne avrebbe presentato almeno uno, il dolore o lo spotting, e lo avrebbe senz'altro segnalato), fa propendere prepotentemente per quest'ultima ipotesi. Ecco perché il Collega non le ha detto di questa ipotesi!
Niente panico, quindi!
Il valore di Beta HCG di 3,6, pur se lievemente positivo per il Suo Laboratorio deve indurla soltanto alla ripetizione del prelievo dopo qualche giorno (4 o 5 giorni). Vedrà che il risultato sarà senz'altro negativo e Lei si tranquillizzerà definitivamente e sarà pronta per ritentare una nuova gravidanza a breve termine.
Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#4] dopo  
Utente 544XXX

Gentile Dottore
Ora mi sento più tranquilla, la prossima settimana eseguirò una visita ecografica e ripeterò le beta.
La ringrazio ancora tanto per la sua disp. e per le sue parole chiarificatrici.
Cordiali saluti