Utente
Salve, ho 45 anni e mi hanno riscontrato un mioma sottomucoso fundico di ca 40 mm cresciuto nel giro di 15 mesi (era di 10 mm). Il margine libero miometriale e' di 5 mm. Ho flussi emorragici. L'utero è regolare anteverso e fibromatoso. Il mio medico non è per la terapia medica, vuole procedere a isteroscopia diagnostica per valutare fattibilità di isteroscopia operatoria, anche se il rischio di perforazione dell'utero è alto, se è il caso procede altrimenti devo sottopormi successivamente a laparoscopia. Soffro di ansia e attacchi di panico e vorrei evitare rischi operatori...perchè non si puo' provare una terapia medica? Grazie

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbe tentare una terapia con "ANALOGHI GnRH" mandandola momentaneamente in "menopausa farmacologica" rivalutandola a tre mesi di terapia.
Questo porterebbe a riduzione delle dimensioni del nodo di mioma,e con un rischio minore in caso di intervento.
Si potrà valutare l'entità della riduzione nell'arco di almeno 3 mesi.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore! E' quello che mi chiedevo anche io...il mio medico sostiene che non ne vale la pena perchè ripristinando il ciclo il mioma torna ad aumentare.

[#3] dopo  
Utente
Gentile dottore, come previsto mi sono sottoposta a isteroscopia diagnostica. Il mioma è interno all'utero e parte dalla parte posteriore fino ad arrivare alla parete anteriore...era inglobato in aderenze che non lo rendevano ben visibile...il medico ora mi ha prescritto gonapeptyl 3.75 per 3 mesi e poi resettoscopia per rimuoverlo. Le chiedo se ci sono serie controindicazioni a questa cura, ho sentito dire che porta rischio di menopausa anticipata..a chi ha già oltre 40 anni...e come mai non tutti sono d'accordo? infatti il mio medico precedente voleva intervenire direttamente senza questa cura.
Grazie e saluti

[#4]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non menopausa anticipata, ma menopausa momentanea all'uso degli analoghi (gonapeptyl), dopo la sospensione tutto ritorna allo stato naturale di partenza.
In bocca al lupo!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#5] dopo  
Utente
Grazie mille per avermi tranquillizata!

Saluti

[#6] dopo  
Utente
Mi scusi dottore, dimenticavo di chiederLe se non fosse necessario cura antibiotica, il medico non mi ha prescritto nulla pur avendo tagliato le aderenze intorno al mioma che mi hanno portato ora perdite rosse. Non è necessario?
Grazie

[#7]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
NON sempre necessaria la terapia antibiotica
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore, ho eseguito ecografia di controllo dopo due mesi e il mioma è ridotto da 4.3 x 3.1 a 2.9 x 2.4, inoltre il medico mi ha fatto vedere che ora sporge interamente nell'utero e che quindi è operabile ai primi di settembre. Ora proseguo con la terapia del gonapeptyl e ieri ho eseguito la terza puntura, ma oggi di nuovo perdite prima marroni e poi rosse!! Possibile che continuino ancora?? Ho paura anche ad avere rapporti...è colpa del mioma che occupa parte dell'utero? Devo sopportare fino all'intervento?
Grazie ancora per la pazienza.
Cordiali saluti

[#9]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
È importante stabilire se le perdite ematiche originano dal collo o dal mima?
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#10] dopo  
Utente
Questo non lo so, mi hanno solo detto che se non facessi queste punture avrei emorragie continue...e cmq queste perdite si fermano per qlc giorno e poi riprendono. A febbraio il pap test era negativo e se nn sbaglio anche a inizio cura il medico ha cotrollato collo dell'utero ed era tutto ok. Cosa cambia dottore? se è il mioma o meno?

[#11] dopo  
Utente
Gentile dottore, lunedi mi opero. Mi hanno dato disponibilità visto continue perdite e visto che ora il mioma è scollato dalla parete. Speriamo vada tutto bene. Grazie ancora per la disponibilità.
Cordialmente

[#12]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In bocca al lupo!!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#13] dopo  
Utente
Gentile dottore fatto! Tanta paura ma ora piu' sollevata! So che il mioma e' stato raschiato per quanto possibile e tra 10 gg faro' ecografia di controllo. Ora a 12 gg dall'intervento ho abbondanti perdite di muco, quelle ematiche sono durate ca una settimana e ho doloretti tipo ovulatori. Tenendo presente che sono sotto terapia di gonapeptyl (fatta terza siringa una settimana prima dell'intervento) Le chiedo sono normali? Sono cominciate subito dopo quelle ematiche...
Grazie ancora per la sua cortesia.

[#14]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Tutto quello che riferisce è normale.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#15] dopo  
Utente
Gentile dottore, sono stata a controllo dopo 20 gg circa e dopo avere avuto perdite tipo ciclo. L'ecografia ha mostrato coaguli di sangue nell'utero, e quindi pare che le perdite siano motivate da materiale ancora rimasto in utero, anche perché ho fatto la quarta siringa di analogo pochi gg fa! Il mioma sembra sia stato rimosso quasi tutto, il medico ha controllato anche il collo dell'utero.Poi sembra visibile un follicolo non scoppiato nell'ovaio dx..puo' essere anche se sono in cura con analogo? Ora mi ha prescritto methergin per due giorni e di nuovo controllo per vedere se questo coaguli vanno via. Le chiedo se mi avessero prescritto methergin alle dimissioni non si sarebbero evitati questi coaguli? ( mi hanno fatto solo due punture subito dopo intervento) e se non vanno via rischio un secondo raschiamento???
Grazie ancora per la Sua disponibilità, ma è davvero sconfortante continuare con queste perdite anche dopo tolto il mioma!!

[#16]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il Methergin in questi casi non viene prescritto di routine.
Strano osservare un follicolo in donna in menopausa "farmacologica" da anloghi..
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#17] dopo  
Utente
Salve dottore!
Ho dovuto subire un secondo intervento resettoscopico poiché il mioma nella parete era sceso e stacccatosi dalla parete e visibile in isteroscopia..ed era più grande della parte asportata in precedenza! I

[#18] dopo  
Utente
Salve dottore! Dopo due mesi la aggiorno: I coaguli erano tappati da un piccolo residuo ma il peggio è che in isteroscopia si è evidenziato che il mioma rimasto nella parete si era staccato del tutto ed era maggiore della parte precedente! Ho subito quindi subito seconda resettoscopia il 6 settembre. Al controllo tutto ok, utero finalmente pulito e anche quello che sembrava un follicolo si stava assorbendo. Ho fatto ultima fiala di analogo il 26 agosto e a tutt'oggi niente ciclo. Quando pensa che debba aspettare prima di fare qualcosa? Credo di avere avuto perdite ovulatorie circa dieci giorni fa.
Grazie ancora
Cordiali saluti

[#19]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se non è comparso il flusso deve eseguire u test di gravidanza ed eseguire una stimolazione con TEST al progesterone.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI