Utente 625XXX
Gentilissimi dottori,
sono una ragazza di 25 anni. Stamattina ho scoperto di avere delle crosticine bianche sulle grandi labbra (una sorta di "psoriasi", pelle secca) e ispessimento delle stesse con relative perdite giallastre; controllandomi meglio, ho visto di avere anche una sorta di desquamazione a livello perianale con bruciore e piccolissime perdite di sangue. Premetto che 14 giorni fa mi sono sottoposta a DTC, per i 3 giorni successivi ho preso antibiotico, per i 7 giorni successivi ho applicato Cicatrene in polvere solo sulle lesioni esterne(all'altezza della "forchetta"). Una settimana dopo l'intervento mi sono recata dalla ginecologa per un fastidioso prurito esterno e localizzato tra le grandi e piccole labbra. Mi ha suggerito di lavarmi con 1/2 lavanda Clinderm diluita in acqua 2 volte al giorno. Inoltre, nella stessa data, ho iniziato un ciclo di 6 giorni di ovuli Nucleogyn. Il fastidio esterno è però continuato, alleviato solo dalla lavanda e oggi ho fatto questa scoperta!
Preciso inoltre che uso solo biancheria intima di cotone bianco che lavo solo con Napisan, non uso salvaslip (soprattutto per favorire la cicatrizzazione post DTC)e non ho rapporti da più di un mese (anche il mio ragazzo è hpv positivo ma non ha lesioni). Il pap test fatto un mese e mezzo fa è risultato "negativo per cellule maligne" ma ha rilevato una "notevole flora bacillare" confermata dal tampone che ha evidenziato "marcato sviluppo di candida albicans" (per cui ho preso 3 compresse di Ciproxin e 6 giorni di ovuli Ecosteril) e "Escherichia Coli" (5 ovuli Mecloderm).
A cosa possono essere dovute queste croste? Come posso placare almeno il bruciore? Visto che tra un paio di settimane devo rifare paptest, ricerca hpv ecc. mi suggerite qualche altro esame in particolare?
Vi ringrazio e mi scuso se sono stata un pò prolissa ma la mia ginecologa è all'estero e sono un pò preoccupata.. Grazie ancora!

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Di Felice

32% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2005
3 Ipotesi: irritazione - infezione - esiti del trattamento; deve farsi vedere
Dr. Maurizio Di Felice

[#2] dopo  
Utente 625XXX

La ringrazio dottore anche se, errata corrige, il bruciore è "perineale" e non perianale come da me precedentemente scritto e non tende a miiglioramenti. So che senza una visita è impossibile fare una diagnosi ma la mia ginecologa dovrebbe tornare solo martedì. Per alleviare almeno il fastidio ed il bruciore sto lavandomi con Euclorina diluita in acqua. Inoltre sto disinfettando le lesioni con Cicatrene polvere. Faccio bene? E poi, in previsione dell'arrivo delle mestruazioni domani, è preferibile che usi degli assorbenti in puro cotone?
Grazie ancora, distinti saluti.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Di Felice

32% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2005
Forse acqua e bicarbonato è anche più delicata, per il resto tutto giusto
Dr. Maurizio Di Felice

[#4] dopo  
Utente 625XXX

La ringrazio per l'attenzione ed i consigli. Distinti saluti.

[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Pongo una domanda,ma queste neoformazioni sono state esaminate istologicamente?
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente 625XXX

Gentile Dott. Blasi, purtroppo la risposta è no. Ho effettuato la DTC il 14 c.m. Dopo di ciò, sono andata dalla ginecologa 7 giorni dopo per un pò di fastidio e prurito e mi ha detto che faceva parte del processo di cicatrizzazione nonostante le lesioni condilomatose trattate fossero all'altezza della "forchetta". Suppongo che mi suggerisca di fare un esame istologico alla prossima visita ginecologica... cioè non prima di martedì.
Grazie per l'interessamento.
Distinti saluti.

[#7] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se sono state diatermizzate non è più possibile esaminarle istologicamente.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#8] dopo  
Utente 625XXX

Se Lei si riferisce alle formazioni condilomatose, allora no. Non sono state esaminate istologicamente perchè, una volta diagnosticatami l'HPV con colposcopia, sono state diatermizzate. Ma le lesioni che ho adesso, questa sorta di crosticine sulle grandi labbra (in cui non c'erano condilomi) così come la desquamazione del perineo (come sopra), è preferibile che siano esaminate istologicamente oltre che con una semplice visita oculare?
Grazie.

[#9] dopo  
Dr. Filippo Murina

20% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
Gentile Signorina,

Dalla sua descrizione è verosimile che le sia affetta da una forma di patologia vulvare definita "Dermatite post-micotica". il nome roboante identifica una forma non grave di irritazione vulvare conseguente ad una piccola quota di Candida,che in soggetti predisposti,evoca una sorta di reazione allergica,con arrossamento,disidratazione e fini,lineari ulcerazioni (piccole ferite)in grado di creare bruciore e talora prurito.L'esito di queste lesioni può essere dato dalla presenza di piccole "crosticine" e da una fine desquamazione periferica
.La manifestazione non è contagiosa e sptt non è correlata all'HPV.Esami quali il tampone vaginale,non sono utili nella gestione della malattia. Nell'Amb. di Patologia Vulvare dell'Osp. Buzzi di Milano,che dirigo,spesso vediamo questa patologia,che pertanto non è rara.
Dr. Filippo Murina
Primo referente Amb. di Patologia Vulvare-Osp.V.Buzzi-Milano
Direttore Scientifico Associazione Italiana Vulvodinia

[#10] dopo  
Utente 625XXX

Gentilissimo Dott. Murina,
intanto vorrei ringraziarLa per l'interessamento e poi vorrei chiederLe se può suggerirmi un esame da effettuare per diagnosticare il problema.

Grazie ancora,
distinti saluti.

[#11] dopo  
Dr. Filippo Murina

20% attività
0% attualità
8% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
Gentile Signorina,

L'esame obiettivo,ossia la visita,corredata da una visione con ingrandimento attraverso una sorta di microscopio (Vulvoscopia9,sono sufficienti x porre una corretta diagnosi; ovviamente il tutto deve essere eseguito da un ginecologo esperto di patologia vulvare (vulvologo)

Saluti
Murina
Dr. Filippo Murina
Primo referente Amb. di Patologia Vulvare-Osp.V.Buzzi-Milano
Direttore Scientifico Associazione Italiana Vulvodinia

[#12] dopo  
Utente 625XXX

La ringrazio Dott. Murina. Mi informerò con la mia ginecologa o cercherò un vulvologo nella mia zona.

Ancora grazie,
distinti saluti.

[#13] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Oltre ad una VULVOSCOPIA aggiungerei anche una biopsia con"biopsy punch" per aiutare l'anatomo patologo nella diagnosi.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#14] dopo  
Utente 625XXX

Gentile Dott. Blasi,
vorrei sapere se la biopsia devo richiederla in sede di vulvoscopia o di semplice visita ginecologica. La ringrazio,
cordiali saluti.

[#15] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sarà il Collega a stabilirlo.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#16] dopo  
Utente 625XXX

La ringrazio per la risposta così celere e l'interessamento. Se vuole, La terrò informata.

Cordiali saluti

[#17] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ricambio i saluti!!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#18] dopo  
Utente 625XXX

Gentili Dottori,
finalmente oggi sono riuscita ad avere un appuntamento con la ginecologa. Il responso è stato "dermatite da contatto" da trattare con impacchi di Aveeno colloidal (1 cucchiaio disciolto in acqua 3 volte al dì per 7 giorni). So che non potete giudicare l'operato di una collega, soprattutto perchè questa ha potuto effettuare la visita, ma cosa mi suggerite? Attendo una settimana come dalla mia ginecologa proposto e poi valuto sul da farsi prenotando eventualmente gli esami da Voi suggeritimi?
Grazie,
cordiali saluti.