Utente
Salve..
Scrivo per conto della mia compagna di 32 anni.
Ha eseguito una rmn al basso ventre ed è risultato un mioma.
Premetto che circa 15 anni fa si sottopose ad interruzione volontaria di gravidanza.
Questo il referto:

“Vescica distesa, per quanto valutabile appare esente da alterazioni parietali ed endoluminali.
Utero normoversoflesso, regolare per dimensioni e morfologia. Miometrio disomogeneo per evidenza di grossolano mioma sottosieroso (34mm x 26mm); spessore endometriale nei limiti della norma.
Non aspetti patologici in sede annessiale bilateralmente in presenza di millimetriche cisti funzionali.
Non significative linfoadenopatie in sede addomino-pelvica.
Assenza di versamento libero endoperitoneale.”

A quali conseguenze potrebbe andare incontro con questo mioma? Ha letto che potrebbe tramutarsi anche in patologia maligna.
Potrebbe inoltre causare problemi ora che vorrebbe rimanere incinta?

In attesa di risposta porgo cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La degenerazione di un nodo di fibroma ( o mioma ) è una cosa rarissima.
La localizzazione topografica (mioma sottosieroso ) non crea alterazioni volumetriche della cavità uterina dove solitamente si impianta la gravidanza.
Sicuramente le dimensioni del mioma aumenteranno durante la gravidanza , per una influenza ormonale.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio del chiarimento dottore.
Ha detto che sicuramente le dimensioni del mioma aumenteranno durante la gravidanza: ciò comporterà problemi alla mia compagna? E al feto? Sarà una gravidanza a rischio?

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Assolutamente nessun problema , tranquillo
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Salve Dottore.

Premetto che nel primo post ho omesso di riferirle che prima della rmn al basso ventre, la mia compagna eseguì un esame ecografico transvaginale.

Questo il referto:

"Esame eseguito mediante scansioni per via transvaginale e sovrapubica.
Utero normoverso di normale morfologia e dimensioni (diametro cervico-fundico 64 mm, antero-posteriore 32 mm, latero-laterale 37 mm) ad ecostruttura miometriale omogenea, senza evidenza di lesioni espansive.
Echi endometriali sottili ed omogenei, in accordo con la fase del ciclo mestruale riferita (spessore massimo 3 mm in sede fundica).
Annessi di dimensioni e morfologia nei limiti della norma (annesso destro 34 x 18 mm, annesso sinistro 36 x 20 mm); nel contesto di entrambi gli annessi si apprezzano alcune formazioni ovalari anecogene, delle dimensioni massime di 10 mm, compatibili con formazioni cistiche di significato funzionale.
In sede para-uterina sinistra si conferma la presenza di formazione a morfologia ovalare, delle dimensioni attuali di circa 34 28 mm, ad ecostruttura disomogeneamente ipo-ecogena e margini regolari, che presenta alcuni segni vascolari nel contesto al Doppler; opportuna valutazione specialistica ed eventuale integrazione diagnostica con esame RM.
Vescica fisiologicamente distesa senza evidenza di alterazioni parietali ed endoluminali visualizzabili ai gradi di riempimento dell'esame.
Non versamento libero nel cavo del Douglas."

L'altro ieri la mia compagna ha eseguito una visita ginecologica ed ha portato con se le risposte sia della rmn che dell'ecografia.
Il Dottore dopo averle lette le ha detto che in una gravidanza potrebbe esserci la possibilità che il feto possa appoggiarsi sul mioma che potrebbe di conseguenza infiammarsi ed ingrandirsi e creare complicanze e andrebbe quindi seguita come "gravidanza a rischio" con possibile nascita prematura del bambino.
Tale affermazione ci ha un po' messo in allarme e ci ha anche confuso le idee perchè in contrasto con quanto affermato da Lei nel post precedente.
Crede sia giustificato tale allarmismo o forse ci è stata prospettata l'ipotesi peggiore?
Infine, da 8 giorni la mia compagna non ha avuto il ciclo, quindi credeva di essere rimasta incinta; stamattina invece ha avuto delle perdite di sangue color marroncino, comunque diverse da quelle delle mestruazioni. Potrebbe trattarsi di spotting? Oppure, data la sua patologia, campanello d’allarme di una minaccia di aborto?
Grazie nuovamente.

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Io mi sono espresso sull'esito della RMN dove è riportato :
"Miometrio disomogeneo per evidenza di grossolano mioma sottosieroso (34mm x 26mm); spessore endometriale nei limiti della norma."
Si parla di MIOMA SOTTOSIEROSO , quindi di qualcosa che si estrinseca verso l'esterno del corpo uterino e che quindi non va ad alterare la cavità uterina dove si impianta l'embrione.
Quindi non condivido
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI