Utente 389XXX
salve sono una ragazza di 30 anni!!
dopo un mese e mezzo e dopo aver fatto vari esami con il tampone vaginale ho scoperto di avere un batterio che si chiama enterocco faecalis....sono andata dal mio medico di base perchè la ginecologa non era reperibile e mi ha prescitto ampicillina per 8 giorni 3 volte al giorno via orale.
il gg dopo la ginecologa mi ha risposto e mi ha detto di sospendere quella cura e di prendere ovuli vaginali di chemicetina......e alla fine anche dei lattobaciilli vaginali.
voelvo avere un altro consiglio.
grazie

[#1]  
Dr. Lucia Vecoli

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., l'enterococco è un germe intestinale che puo' infettare facilmente la vagina per la vicinanza anatomica che questa ha al serbatoio rettale.
L'antibioticoterapia come effetto collaterale sovverte la flora microbica stanziale a livello delle mucose, uccidendo indiscriminatamente batteri patogeni e saprofiti, facilitando quindi la strada alla colonizzazione di funghi, insensibili agli antibiotici, e di batteri resistenti. La cura per os puo' essere quindi peggiore della malattia!
Bene ha fatto la ginecologa a consigliarle una terapia antibiotica locale, abbinata a fermenti lattici. In questo campo stanno uscendo interessanti scoperte scientifiche a sostegno dell'importanza di preservare la flora batterica intestinale " buona" per la salute dell'individuo. Molto importante è anche la dieta, che deve essere ricca di fibre, frutta e verdura, per pulire l'intestino e alimentare i germi " buoni", a scapito di quelli "cattivi".
Dr. Lucia Vecoli

[#2] dopo  
Utente 389XXX

La ringrazio....infatti volevo sapere anche che tipo di cibi mangiare perché non mi hanno detto nulla a riguardo.
quindi frutta e verdura ok e immagino cose poco condite....carne bianca....sto già evitando il caffè da un mese e mezzo e succhi e cose zuccherate anche se a volte lo ammetto che sgarro xke sto male da due mesi e mi rimane difficile stare perennemente a dieta.
Inoltre i rapporti con il mio compagno immagino dovro evitarli ancora x un po.....ma lui deve fare una cura come.me oppure può stare tranquillo???....grazie ancora

[#3]  
Dr. Lucia Vecoli

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., il suo problema è' prettamente femminile. L' enterococco non da problemi sulla cute del pene, basta una bella saponata per risolvere. I guai sono prettamente femminili, siamo noi che abbiamo la vagina, una cavità che rappresenta l' ambiente ottimale per lo sviluppo delle specie microbiche più disparate. La saluto cordialmente.
Dr. Lucia Vecoli

[#4] dopo  
Utente 389XXX

Buongiorno dottoressa mi trovo a riscrivere in quanto lo streptococco e stato debellato ma io non stando benissimo ancora ho preferito rifare il tampone vaginale ed è risultato positivo allo stafilococco epidermidis .
Ho già parlato con la ginecologa e anche con un ostetrica e entrambe mi hanno consigliato solo la cura a base di fermenti lattici sopra e sotto.
Una cura che dura 3 mesi.....x riequilibrare l intestino soprattutto da dove scaturisce il tutto. Ora da qnd ho iniziato qst cura ormai 10 gg nn st bene x niente anzi sto peggio ,acidità di stomaco,bruciore vaginale, minzione frequente e dolore fisso al basso ventre.
sono 3 mesi che sto male e nn vedo una fine a qst cosa....lo stress so che incide ma non posso stare serena se ho continuamente da mesi gli stessi problemi che nn accennano a diminuire.
Volev una sua opinione.grazie

[#5]  
Dr. Lucia Vecoli

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., lo stafilocco epidermidis è un saprofita cutaneo e a volte puo' finire nel tampone accidentalmente, per contaminazione cutanea. La cute e le mucose sono infatti abitate da milioni di germi, la cosiddetta flora batterica saprofitica. Non è detto che quello individuato nel tampone sia la causa dei suoi disturbi. In casi simili forse è meglio smettere ogni cura e limitarsi ad una corretta igiene intima e ad una sana alimentazione, ricca di frutta e verdura, yogurt, pane e pasta integrali,ecc. per favorire lo sviluppo dei lattobacilli, i germi che difendono la vagina dalle infezioni, invece che fare continuamente tamponi e trattamenti antibiotici, che spesso sortiscono l'effetto di uccidere indiscriminatamente germi buoni e cattivi. Adotti biancheria in cotone o in seta di colore naturale e taglia comoda, niente jeans, pantaloni stretti, sport da sella, dorma senza pigiama e slip, ma con comode camicie da notte.
Il tampone ha escluso la presenza di infezioni gravi, quindi si puo' rilassare e vedrà che alla fine i suoi fastidi cesseranno.
Cordiali saluti e auguri.
Dr. Lucia Vecoli

[#6] dopo  
Utente 389XXX

Salve dottoressa,sono passati altri due mesi da qnd le avevo scritto e purtroppo non è cambiato nulla. ...in questi giorni i sintomi sono peggiorati ulteriormente....sento una prespione insopportabile al basso ventre sulla vescica che mi fa andare in bagno ogni ora se va bene se no ogni mezz'ora. ....in questi due mesi sono stata megli ho mangiato anche sano ma niente.
Si è ripresentato tutto peggio di prima. ....io non so più a chi mi devo rivolgere....la mia ginecologa nn ne è venuta a capo....adex il lio medico di base sospetta una ciste ovarica perche ho delle gran fitte a destra e bassa schiena....ho fatto anche un eco addome ma nn si vede nulla.sinceramente cisti le ho avute in passato e non sn mai stata così male.
Devo rifare a breve un eco ma.sono davvero esausta non so più come fare....non si può vivere così. E nessendo sa cosa posso avere.....vanno a tentativi.

[#7]  
Dr. Lucia Vecoli

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., la sua sintomatologia mi fa pensare non ad un problema ginecologico, quanto piuttosto ad una infezione delle vie urinarie. Tali infezioni sono molto frequenti in caso di dismicrobismi intestinali, cattiva igiene, infezioni genito-urinarie del partner, ecc. Potrebbe effettuare innanzitutto una urinocoltura, con antibiogramma, necessario per impostare una terapia antibiotica mirata, sotto la guida del suo medico curante. In attesa del risultato beva molta acqua, eviti cibi piccanti, cioccolato, caffè, the. Cordiali saluti e auguri.
Dr. Lucia Vecoli

[#8] dopo  
Utente 389XXX

La ringrazio ancora una volta....in realtà urine e urinocultura le avevo già fatte mesi fa ed erano negative.
Adex ho cambiato ginecologo e lui mi ha detto di rifare urine urinocultura e tampone uretrale. Spero di venirne a capo perché sono davvero stanca.
Grazie comunque buona giornata