Utente 437XXX
Buongiorno dottori,ho 25 anni e a maggio del 2016 mi sono sottoposta al mio primo pap test che ha dato risultato: Lesione intraepiteliale squamosa di basso grado L-SIL
Mi è stato consigliato dunque di eseguire hpv-dna test risultato positivo a hpv 44/55 e colposcopia che ha evidenziato "Colpite virale della parete vaginale destra "
Ho iniziato la terapia durata tre mesi a base di difesan ovuli, colpofix spray vaginale e compresse di oasit-k e fattore M.

Ho eseguito di nuovo il pap test a ottobre 2016 e il risultato è stato: Cellule squamose atipiche di significato indeterminato ASC-US
Mi è stata data quindi una nuova cura, sempre a base di difesan ovuli ( 7 sere al mese per 3 mesi), colpofix(5 spruzzi per 7 mattine al mese) e Macrocea 1 compressa al mattino per 3 mesi.

Mi domando se la terapia sia adeguata(leggo in vari consulti che il dosaggio di macrocea sono 2 compresse al dì da prendere in cicli di 20 giorni, a me invece non è stato detto di fare interruzioni)
e se devo interpretare in modo positivo il risultato del secondo pap test (ascus) nel senso che la lesione sta regredendo.
Ringrazio per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L' ASCUS presuppone una alterazione cellulare legata ad infezione, distrofia quindi il collega COLPOSCOPISTA dovrà escludere la presenza di una VAGINITE, di una CERVICITE e poi dovrà ripetere un PAPtest.
La L- SIL indica sicuramente una infezione da HPV ( human papilloma virus) .
A volte un deficit estrogenico può dare alterazioni cellulari ambigue.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 437XXX

Buonasera dottore, la ringrazio per la sua chiarezza. Solo adesso apprendo che ascus può anche significare un altro tipo di infezione, non necessariamente da Hpv.
A tal proposito, le mie analisi delle urine effettuate qualche giorno fa riportano numerose cellule delle basse vie, numerosi leucociti e molti granuli di fosfato amorfo. È indice di un'infezione in atto?

Grazie
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Infezioni delle vie genitali , non delle vie urinarie (cistiti, uretriti , ecc)
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI