Utente 635XXX
Buongiorno
mia moglie lamenta dei forti dolori nella zona pelvica.
In particolare ha iniziato a soffrire di questi dolori intorno a febbraio 2017.
Da allora ha iniziato ad eseguire numerosi accertamenti: il più significativo è stato la RNM che ha riscontrato una serie di noduli : uno alla vescica , uno nel setto retto vaginale e altri. Questi noduli sembravano di origine di endometrioso.
Dalla RNM , il ginecologo , ha prescritto la pillola Visanne (che ancora sta assumendo) e un'altra serie si esami :
-cistoscopia
-rettoscopia(o endoscopia del retto)
-colonscopia.
tutti Questi esami successivi sono risultati negativi (l'endometriosi non risulta infiltrare questi organi).
A seguito dei continui dolori decidiamo di rivolgerci al Sacro Cuore di Negrar nel quale viene eseguita una laparoscopia diagnostica dalla quale si evidezia che i noduli non sono più presenti e che sono rimaste delle zone fibrotiche (confermate dalla biosia) e della presenza di una forte infiammazione della sacca pelvica.
Purtroppo anche questa operazione non è servita a lenire i dolori di mia moglie che continua ad averne.
All' ospedale di Negrar ci hanno consigliato di seguire una terapia del dolore ma mia moglie ormai è sull'orlo di una crisi di nervi e non vuole più subire altre visite (molto invasive)
Potete consigliarci degli specialisti del dolore pelvico cronico nella zona Brescia/ Bergamo?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In questi casi ci sono cause conseguenti a malattie proctologiche (fistole, ragadi , emorroidi).Può seguire un lungo periodo di stress o di affaticamento psico-fisico.
Nel dolore pelvico cronico la difficoltà diagnostica ha portato a stilare criteri di esclusione, questionari altri tipi di diari (diario minzionale).
In questi casi si ricorre a terapie personalizzate , non esiste una terapia unica valida per tutti i casi.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 635XXX

Grazie mille per l'interessamento Dottore. Ormai abbiamo capito benissimo che con questa malattia è veramente difficile avere una diagnosi certa e come dice lei si va ad esclusione. Nel caso di mia moglie i noduli riscontrati dalla rmn hanno fatto subito pensare, essendo donna, ad endometriosi. Dagli esami successivi sembra che la vescica e intestino non abbiano problemi. Quello che è risultato dalla laparoscopia esplorativa è la scomparsa di tutti i noduli e una infiammazione del sacco pelvico (quindi anche l'endometriosi è in dubbio anche se forse la scomparsa è dovuta alla assunzione della pillola).
L'affaticamento psicologico è evidente direi devastante!
Abbiamo bisogno sicuramente di uno specialista che, valutando tutti gli esami che ha già eseguito mia moglie, possa aiutarci a trovare una strada che porti almeno alla diminuzione del dolore per avere una qualità di vita accettabile.
Grazie mille