Utente
Buongiorno,
ho quasi 43 anni e fino ad un paio di anni fa ho sempre avuto cicli regolari a 28 giorni.

Da allora mi è capitato alcune volte di avere cicli più ravvicinati, fino a 21 giorni mentre un paio di volte a 35/40 giorni.

L'ultima visita ginecologica, comprensiva di pap test, ecografia ed analisi del sangue con dosaggio ormonali, non ha rilevato nulla di anomalo.

Oggi però il ciclo si è ripresentato dopo 14 giorni esatti dall'ultimo.
I cicli non sono particolarmente abbondanti nè eccessivamente dolorosi ma sono molto preoccupata anche perché vista la situazione generale preferirei aspettare perlomeno la fine del lockdown per fissare una nuova visita.
Aggiungo per completezza che non ho mai avuto gravidanze nè problemi ginecologici.
Potrebbero essere i primi segnali di menopausa?
In attesa di fare una visita ginecologica quali altri sintomi o segnali potrei ricercare per scongiurare l'ipotesi di qualcosa di grave?
ringrazio anticipatamente chiunque possa darmi delle indicazioni in più ben sapendo che non sia facile dare consulti in assenza di dati più specifici.

[#1]  
Dr.ssa Lucia Vecoli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., capisco la sua preoccupazione, poiché ogni donna si preoccupa quando il ciclo presenta irregolarità. Le dirò che, nella mia pratica professionale, il periodo primaverile è stato sempre legato a disturbi del ciclo, più frequenti del solito. Il cambiamento dell'ora legale, con la maggiore esposizione alla luce solare, potrebbe essere una spiegazione, poiché il centro nervoso di controllo del ciclo è nell'ipotalamo, vicino a quello della termoregolazione. L' attuale lockdown quest'anno ha fatto impennare di molto le chiamate delle pazienti per tali disturbi, poiché lo stress, l'ansia, le preoccupazioni, il cambiamento di vita si ripercuotono tutte sullo stesso delicato meccanismo che controlla la produzione ormonale. Cosa fare? Per fortuna stiamo superando la fase 1 dell'emergenza e a breve sarà possibile rivedersi in ambulatorio con le pazienti, per verificare che nel frattempo non siano insorti fattori organici ( una cisti ovarica, ad esempio, che può insorgere da un mese all'altro ) o disfunzionali, tipo una patologia tiroidea o altro che necessitino di terapia. Il consiglio da seguire in questi periodo è di rilassarsi, fare attività fisica regolare nello spazio che si ha a disposizione, mangiare regolarmente senza eccessi, prepararsi con calma alla ripartenza. Cordiali saluti
Dr. Lucia Vecoli

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio molto sia per la tempestività nella risposta che ovviamente per il consulto.