Utente
Salve, sono una ragazza di 21 anni e in piena crisi! Scusate l’ansia, ma sono preoccupata perchè ho frequentemente i sintomi collegabili ad una cistite.
A detta di mia madre anche da piccola ho avuto un paio di episodi, ma in realtà sono anni che non mi si presentava, almeno fino al 29 marzo dell’anno scorso (2019) quando, una volta riconosciuti i sintomi, mi è stato prescritto il morulin e dopo le due bustine canoniche mi è passato tutto e non ho avuto più problemi, quando poi, quasi un anno dopo (9 marzo 2020), ho avuto un altro episodio, ho provato le compresse di D-mannosio, ma la situazione è degenerata e mi hanno di nuovo prescritto il morulin.
Oggi, 3 agosto 2020, quasi sei mesi dopo, ho avuto un altro episodio e poiché devo partire dopodomani il medico mi ha consigliato di nuovo il morulin.
Scrivo qui solo per avere un consulto extra, dato che una volta tornata andrò direttamente dal ginecologo, infatti, pur sapendo che è un disturbo delle vie urinarie, mi sono comunque resa conto che si presenta pochi giorni (1 o 2) dopo i rapporti e le due cose potrebbero essere collegate e internet, ahimè nell’ansia ho consultato i vari blog, me ne dà conferma.
La mia domanda è: come posso prevenire?
A parte bere tanto e urinare dopo ogni rapporto, cosa posso fare?
Ci sono compresse o integratori che posso prendere?
La pillola/il cerotto anticoncezionale potrebbe aiutarmi?
Dovrò convivere con questa cosa come affermano molte su internet o posso stare tranquilla?

Vi ringrazio in anticipo.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prima di tutto identificare il batterio , quindi una URINOCOLTURA con eventuale antibiogramma , assumere un antibiotico in modo empirico potrebbe causare resistenza batterica.Precauzioni:
- idratazione adeguata , almeno due litri di acqua al giorno
- tenere l'intestino regolato , con dieta ricca di fibre
- effettuare una accurata igiene perineale, detergendosi con un movimento compiuto dall'avanti all'indietro e non viceversa.
- nella donna sessualmente attiva è consigliabile urinare prima e soprattutto , dopo il rapporto sessuale.
- evitare di indossare biancheria intima in fibra sintetica e pantaloni troppo aderenti .
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Dottore, la rigranzio molto per la sua risposta, mi dispiace non aver potuto risponderle prima, ma non sono stata a casa... comunque ho prenotato la visita e sto tirando avanti con tanto (ma proprio tanto!) succo di mirtilli! Seguirò alla lettera i suoi consigli!
Grazie mille,
distinti saluti.