Utente 155XXX
Per la costruzione del bite, mi conviene affidarmi a dentisti gnatologhi che usano strumenti quali la kinesiografia, TENS ed elettromiografia oppure a quelli che non ne usano?

Ho sentito da un dentista che questi strumenti non servono a niente; un altro, invece, mi ha detto che sono indispensabili per un bite corretto.

Come stanno le cose? Chi dei due devo ascoltare?

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
intanto dovrebbe trovare un collega gnatologo serio e preparato e poi il metodo utilizzato dallo stesso può essere diverso ma nessuna macchina è infallibile per cui non si dovrebbe religiosamente sposare una metodica od un'altra ma utilizzar la propria esperienza e conoscenza in modo corretto per il paziente che stiamo trattando
non si fidi molto di quello che le hanno detto, spesso si denigra ciò che non si conosce; ma è anche vero che potrebbe trovare un bravo gnatologo che non utilizza la kinesiografia o l'elettromiografia
cordiali salut
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Anch'io uso il kinesiografo non secondo la "metodica" suggerita dal collega che probabilmente usa la tecnica di Jankelson, ma solo per controllare quello che faccio. Un parametro (ancora migliore) è la scomparsa della sintomatologia. Le mie osservazioni sono in linea con quanto descritto dalla letteratura scientifica nella news https://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/news/821/Tanti-tipi-di-bite-ai-denti-come-sceglierlo
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Nonnuso il kinesiografo, neppure la TENS, e neppure l'elettromiografia.

Uso l'axiografia (a volte, quando c'è il caso).
Uso una variante dell'elettromiografia nella diagnosi del bruxismo (NON della malocclusione) e il biofeedback nella cura del bruxismo (NON della malocclusione).

Nessuno di loro è INDISPENSABILE per un bite corretto.
Ognuno di loro può essere UTILE per un bite corretto.

Una sola cosa è però INDISPENSABILE e SUFFICIENTE: un cervello funzionante.
Con il pulsante "ON" acceso.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Concordo completamente con il collega Sergio. Il kinesiografo e/o l'assiografo sono importanti per controllare quello che si fa. Attualmente uso sempre il kinesigrafo solo perché sto raccogliendo dati, ma ho fatto tantissimi bite con la TENS (funzionano) e senza la TENS (con molte soddisfazioni).
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum