Utente 148XXX
Salve scrivo per un problema che ha mio padre, un anno fa ha subito un' operazione (adenocarcinoma allo stomaco- durata 8 ore) 8 mesi fa ha iniziato ad accusare un fastidio alla mandibola e durante uno sbadiglio ha sentito un rumore e un forte dolore. Per 8 mesi ha avuto dolore continuo , notte e giorno alla mandibola, abbiamo fatto le radiografie alla mandibola (aperta e chiusa) e tutto è nella norma dal punto di vista osseo, abbiamo fatto la tac a livello dcel craneo (pensando , con l'oncologo, che potesse essere un problema di tipo tumorale) era nella norma, abbiamo fatto la risonanza magnetica che ha evidenziato la rottura del cuscinetto di cartilagine che separa la mandibola dal craneo. Siamo andati da molti dentisti e non sapevano darci risposta, l'odontoiatra non ha capito nulla, il chirurgo maxillo facciale ha detto che sarebbe passato da solo e alla seconda visita ha avanzato un'ipotesi di metastasi facciale dato che vi era una calcificazione, siamo ritornati dagli oncologi che lo seguono ed entrambi hanno categoricamente escluso la cosa poichè dicono che le metastasi osseeo nelle cartilagini tendono a frantumare e li è tutto nella norma, finalmente siamo arrivati dallo gnatologo che dopo una serie di accurati controlli manuali ha visto che le ossa sono apposto e che la muscolatura risponde bene ed ha appunto notato che vi potrebbe essere la rottura del cuscinetto di cartilagine che separa la mandibola dal craneo, quindi l'osso del craneo e della mandibola si toccano, inoltre ci ha anche detto che sicuramente la rottura è stata causata per metà dalle manovre di intubazione per l'operazione e per metà dallo sbadiglio. Ci ha detto anche che l'unico modo per far ritornare la situazione normale è quella di allenare la mandibola con una serie di esercizi che mio padre deve fare da solo e che il medico stesso gli ha spiegato. Ha iniziato a fare la terapia da circa 3 settimane, adesso ha momenti in cui non ha dolore per nulla che durano 4-5 giorbi, dove avverte solo un leggero fastidio sopportabile e momenti di dolore fortissimo , con fitte sopratutto non appena mette del cibo caldo o freddo in bocca. Lo gnatologo ci ha chiesto una nuova risonanza magnetica massiccio facciale e collo per avere altre informazioni in piu'.Voi cosa ne pensate? avete avuto a che fare con casi simili? se fosse un tumore si sarebbe visto vero? cosa potrebbe essere, che altro possiamo fare? viprego consigliateci qualcosa .


grazie
Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
consiglierei anche di sentire un parere da un altro collega gnatologo
non ho molto in mano per fare questa affermazione ma da quanto riferito ( con la ginnastica la situazione può ritornare alla norma ) mi viene da consigliarle questo
per quanto riguarda le domande sul tumore mi astengo in quanto non sono un esperto e non ho alcuna documentazione a riguardo oltre al fatto che colleghi specialisti già hanno datto la loro
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Dr. Lorenzo Alberti

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Il collega gnatologo ha valutato benissimo la situazione. Si fidi di lui
Dr Lorenzo Alberti
www.drlorenzoalberti.it
www.miolabroma.it

[#3] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
suo padre ha ricevuto chemioterapia a causa della neoplasia? Se la risposta è affermativa chieda agli oncologi quali sono le sostanze chemioterapiche usate: il dolore che suo padre accusa è di tipo neuropatico frequentemente associato alle terapie antiblastiche.
Se questo è il caso ha bisogno di un trattamento antidolorifico.
Cordiali saluti.
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
"la muscolatura risponde bene" ma "l'osso del craneo e della mandibola si toccano, inoltre ci ha anche detto che sicuramente la rottura è stata causata per metà dalle manovre di intubazione per l'operazione e per metà dallo sbadiglio. Ci ha detto anche che l'unico modo per far ritornare la situazione normale è quella di allenare la mandibola con una serie di esercizi che mio padre deve fare da solo e che il medico stesso gli ha spiegato".
Sentirei una seconda opinione.
Personalmente credo sia per Lei interessante leggere http://www.danieletonlorenzi.it/?p=79 e credo Le serva un buon bite, https://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/news/821/Tanti-tipi-di-bite-ai-denti-come-sceglierlo
Ottimi gli esercizi che credo comprendano lo stretching.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#5] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Se lo gnatologo ha valutato benissimo la situazione, e dobbiamo "fidarci di lui", noi ci fidiamo.

Per cui, fidandoci di lui, non possiamo che dirle di seguire i suoi suggerimenti, visto che ha valutato benissimo la situazione.

Quindi, perchè ci fa delle domande?
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)