Utente 297XXX
Buongiorno,
qualche mese fa ho iniziato a soffrire di mal di testa, dolori mandibolari, dolori cervicali e mi sono quindi rivolta al mio dentista, che mi ha diagnosticato bruxismo.
Ha quindi provveduto a prendere l'impronta dell'arcata dentale inferiore per fare un bite, prezzo 250 euro, realizzato con un materiale trasparente e dallo spessore approssimativamente di 1 mm.
Sono passati solo 3 mesi da allora, l ho indossato ogni notte, e qualche giorno fa ho notato che la superficie risultava bucata.
Mi sono recata nuovamente dal dentista per farne uno nuovo e alla mia richiesta di spiegazioni in merito alla breve durata del bite, mi è stato ribattuto che si potrebbe provare a produrlo con un materiale più elastico, ma che a prescindere da questo è soggetto a usura e che la sua breve vita è da attribuire esclusivamente al mio digrignare i denti che secondo il dentista sarebbe nel mio caso più accentuato della norma.
Preciso che l'odontoiatra mi ha spiegato che esistono solo 3 materiali con cui realizzare il bite : uno rigido (e mi è stato detto che non è adatto alla mia situazione), uno semirigido (di cui era composto il bite che si è bucato) e uno più elastico.
Dal momento che lo dovrò portare a vita, mi chiedevo se sarò realmente costretta a rifarlo ogni 3 mesi, spendendo quindi 1000 euro all'anno, oppure se è imputabile a una conoscenza poco approfondita del mio odontoiatra e mi dovrei quindi rivolgere a qualcun altro.
Ringrazio anticipatamente per l'attenzione.
Cordiali Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile utente il suo odontoiatra Le ha dato una corretta spiegazione.
Lo scopo del byte per bruxisti è quello di rappresentare una zona cuscinetto inter arcata,in maniera tale che durante i movimenti di sfrecamento tra i denti e l'apparecchio,sia quest'ultimo ad avere la peggio consumandosi.
Da questa considerazione si evice che se realizzassimo byte con materiali eccessivamente duri,i denti al contatto con il byte soffrirebbero della durezza usurandosi.
A sua tranquillità,le dico però che il bruxismo non è un fenomeno di costante entità,alternando fasi di attività a fasi di quiescenza,percui la previsione di 3 byte ogni anno non ha sussustenza.

La risposta ha il solo scopo informativo.
http://studiodentisticoauletta.it
Dr.Giovanni Auletta

[#2] dopo  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
0% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile Paziente,

il bruxismo è considerato una mioartropatia del sistema masticatorio e può essere presente con digrignamento dei denti, serramento dei denti o misto.

Senza entrare nel merito delle sue possibili e molteplici cause, la terapia prevede un approccio diverso: eliminazione di eventuali abitudini come assunzione di alcol, caffè e fumo, terapie farmacologiche (ad esempio, benzodiazepine, da valutare però attentamente per i possibili effetti collaterali), supporto psicologico, esercizi muscolari di stretching, rieducazione muscolare attraverso appositi strumenti di biofeedback e naturalmente, il bite.

Il bite va realizzato con attenzione perchè, secondo la mia esperienza, è più efficace un bite "rigido" (realizzato su misura dal laboratorio odontotecnico su indicazione del dentista) rispetto a quelli "semirigidi" o "morbidi".

Inoltre, personalmente, utilizzo bite con altezze molto superiori a quella che lei riporta, per la loro migliore efficacia e rapidità nei risultati: questi dispositivi vanno poi sempre aggiustati e controllati dal professionista.

Il suggerimento è quello di rivolgersi ad un dentista che si occupa di gnatologia per una valutazione approfondita del suo problema.

Auguri di Buona Pasqua!
Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#3] dopo  
Utente 297XXX

Vi ringrazio per l'attenzione rivoltami, provvederò comunque a consultare uno gnatologo come da suggerimento.
Buona Pasqua!

[#4] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Dire "bite" è come dire "pillola".
E' un termine assolutamente generico per descrivere dispositivi diversissimi fra loro.

Il bite, quello che "funziona" per il bruxismo, è SOLO di un tipo: RIGIDO.

Scopo del bite, nel caso del bruxismo, è duplice: da una parte proteggere i denti dall'usura e dal contatto, dall'altra ridurne effettivamente l'intensità, la durata e il numero degli epidodi.
Il suo bite evidentemente non svolge la funzione per cui è stato costruito.
Anche il costo, esageratamente basso, non mi lascia ben sperare.
Per realizzare un bite occorre ben altro che due impronte e una cera di masticazione: occorre una progettazione accurata e l'individuazione di tutti quelli che saranno i movimenti della sua bocca, per poter dare le istruzioni al laboratorio odontotecnico e disegnarlo in modo adeguato.
E, per inciso, la fattura del laboratorio è superiore a quanto da lei pagato.

La vita di un bite può essere stimata intorno ai 3 anni, ma potrebbe anche essere superiore. Dipende da caso a caso.

Ma io ripartirei dall'accertamento dalla diagnosi: si tratta di bruxismo o di malocclusione, che è un fenomeno completamente diverso?

Sul mio sito www.malocclusione.it sono linkati degli articoli che trattano ampiamente il problema.

Mi associo al suggerimento del dr. De Carli: si rivolga ad uno gnatologo.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#5] dopo  
Utente 297XXX

Innanzitutto la ringrazio.
In ogni caso, durante la prima visita, il mio dentista ha precisato che non si tratta di malocclusione.
Provvederò a effettuare una nuova visita presso uno gnatologo.
Cordiali saluti.