Utente 218XXX
Gentili medici,
mi chiamo Filippo e sono uno studente di medicina al quinto anno (ho 23 anni) e spero tanto futuro ematologo.
Narrare le mie vicissitudini mediche (visite, esami audiometrici, Risonanze Magnetiche, ecc.) a causa di questi insopportabili acufeni sarebbe troppo lungo, per cui arrivo subito al punto.

Alla luce delle molte visite che ho fatto è risultato molto probabile che i miei acufeni (bilaterali) accompagnati da forti dolori alle guance siano dovuti al bruxismo.
Il fatto che io digrigni i denti è assolutamente indubbio (dato che me ne accorgo durante il giorno e dato che il mio byte è completamente consumato, infatti ora provvederò a cambiarlo)... quello che è un po' più incerto, ma probabile, è che il bruxismo sia la causa dei miei acufeni.

Vi scrivo molto semplicemente per dirvi che ho trovato una possibile via per stringere meno i denti e verosimilmente attenuare in questo modo l'acufene... volevo sapere se funziona oppure è una semplice leggenda metropolitana.

Ho letto che colui che soffre di bruxismo dovrebbe assumere:
- Acido pantotenico 500 mg 2 volte al giorno per ridurre lo stress
- Calcio 1.000 mg al giorno
- Vitamina C 1.000-1.500 mg al giorno
- Zinco 1 fiala al giorno
Inoltre ho letto che si raccomanda di assumere 3 granuli di Belladonna )Ch prima di andare a dormire.

Quindi rinnovo la mia domanda: tutto ciò può effettivamente ridurre la tendenza a stringere i denti oppure ci sono altre strade?

Grazie della cortese attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente,
" Alla luce delle molte visite che ho fatto è risultato molto probabile che i miei acufeni (bilaterali) accompagnati da forti dolori alle guance siano dovuti al bruxismo. "
I sintomi da lei più volte segnalati possono essere riferibili , più che al bruxsmo in se, ad una disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM).
Peraltro l'insuccesso terapeutico con il bite dovrebbe eliminare questa ipotesi: se dopo 4-6 mesi di bite 24 ore al giorno pasti esclusi non ha risultato, delle due l'una: o i suoi problemi non dipendono dall'ATM, oppure ( e mi lasci questo dubbio) il bite potrebbe essere inadeguato.
Dire "bite" é come dire "pillola" : rappresenta un trattamento assolutamente individuale (diffido dei preconfezionati che si vendono in farmacia), e consiste nella configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista che lo prescrive e realizza: é questa che il paziente compera, non il pezzo di resina acrilica che qualunque tecnico realizza in un'oretta di lavoro. Purtroppo la facilità di realizzazione tecnica fa si che spesso un bite non si neghi a nessuno.
Le è stato confezionato un "bite per il bruxismo": il Collega che glielo ha prescritto ha preso in diretta considerazione anche e sopratutto il suo problema all'orecchio?
Ha consultato più di uno specialista di altra branca: forse, come le ho già consigliato in un precedente messaggio, sarebbe il caso di chiedere una second opinion ad un altro dentista, sincerandosi che sia esperto in problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare e nei rapporti fra questa e l'orecchio.
Le suggerirei di dare anche un'occhiata, in questo stesso sito, agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema. Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/Otorinolaringoiatria/961/Otite-che-non-guarisce-colpa-dei-denti
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-disfunzioni-articolazione-temporo-mandibolare-atm.html

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 218XXX

Gentile dottor Bernkopf, la ringrazio della risposta, anche perché non è la prima volta che mi risponde, e soprattutto in maniera molto celere.
Io nella mia mente escludo a priori il fatto che ci sia un problema dell'ATM perché feci circa 1 anno fa una visita da uno gnatologo che analizzò in maniera molto accurata tutti i movimenti della mandibola e concluse in maniera categorica che non c'era nessun problema.
La sua sicurezza nel giudicare tutto a posto mi ha fatto pensare che non stia lì il problema.
Penso proprio però che il byte che mi è stato fornito (non dal medico che mi fece la visita gnatologica, bensì da un altro) sia inadeguato, perché non limita affatto il mio serrare i denti... cioè serro anche col byte...
Lei pensa quindi che mi convenga farmi fare un altro apparecchio magari da qualcuno più esperto?

[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006