Utente 133XXX
Buonasera dottore, due anni fa ho fatto un ecografia alla parotide per la presenza di alcun piccoli linfonodi ingrossati (tuttora presenti) che però non mi davano e non mi danno alcun dolore: ho fatto questo esame perchè solamente ne sentivo uno al tatto sproprio all'altezza della parte inferiore della mascella sx, proprio diciamo dove finisce la mascella ed inizia il collo (circa quasi sotto l'orecchio)...all'esame ecografico però quello che sentivo era solo uno dei 4-5 linfonodi leggermente infiammati (premetto che la gola è il mio punto debole in buona parte dell'anno anche per cause allergiche...).
Da circa 3-4 settimane però mi è comparso un dolore inizialmente acuto (e soprattutto appena svegliato al mattino) ad aprire la bocca proprio nell'articolazione mascellare...ora è scomparso ma però avverto una sorta di fastidio che non riesco a localizzare se nell'orecchio, se all'altezza della mascella (che sicuramente duole ad aprire la bocca anche se non fortissimo) o addirittura se alla base della lingua. non ci sono gonfiori particolari o irrigidimenti. Il dentista dice che si tratta di una patologia atm o qualcosa di simile, riferibile al periodo di stress lavorativo che sto passando ma io, memore di quell'esame ecografico (e leggendo anche su internet) ho preso paura per le infinite patologia anche gravi che possono essere correlate a questi sintomi...in settimana vado da mio medico di base ma nel frattempo può dirmi qualcosa lei? la ringrazio e buona serata.

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Mi sembra che il suo dentista le abbia già fatto una diagnosi anche se generica ma probabilmente si è avvicinato molto alla realtà. Ora necessita di un corretto approfondimento mediante una valutazione gnatologica da parte di un collega esperto di articolazione temporomandibolare e delle correlazioni che queste patologie hanno.
Dovrebbe afferire da un collega gnatologo più che dal medico di base
Cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il problema alla parotide e quello all'Articolazione Temporo Mandibolare potrebbero essere legati fra loro.
Le confermo il consiglio di rivolgersi ad un dentista -gnatologo esperto in problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare e in patologie di confine correlate.
Le suggerirei di dare un'occhiata, in questo stesso sito, all'articolo linkato qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema. Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1217-parotite-ricorrente-calcoli-salivari-colpa-denti.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#3] dopo  
Utente 133XXX

Gentile Dott.Bernkopf, nel ringraziarla per la sua cortese risposta mi permetto di riportarle il testo del referto ecografico di 2 anni fa (esame non più ripetuto per l'assenza di sintomi...anche allora era stato fatto solo perchè avvertivo al tatto un piccolo linfonodo): "contestualmente alla parotide di sinistra, si apprezzano 4 formazioni linfonodali con caratteristiche di reattivitàcon diametri rispettivamente di 3,5 mm, 6mm 9,5 mm e 10,5 mm.
Nella porzione centrale della ghiandola, altra formazione tondeggiante ipoecogena, anch'essa verosimilmente riferibile a linfnodo di 5,5 mm di diametro.
Prudenzialmente se ne consiglia rivalutazione a distanza previa terapia antibiotica".

Come consigliato da Lei e dal Dr.Finotti senz'altro mi rivolgerò ad un gnatologo ma le chiedo a questo punto se, con le informazioni che si possono desumere dall'esame ecografico, si possa ipotizzare qualcosa...il mio medico diceva che per le dimensioni non c'era da allarmarsi...
La ringrazio e la saluto cordialmente.

[#4] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il referto non risolve il quesito diagnostico.
E' compatibile ANCHE con l'ipotesi che ho espresso nell'articolo linkato nel mio precedente messaggio.
Senza un esame diretto dell'occlusione , via rete, non si può dire di più.
Se crede , ci faccia sapere gli esiti delle visite che farà.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com