Utente 479XXX
Salve,
Lo scorso inverno ho notato un rigonfiamento sulla guancia sinistra,al livello della mascella.
Questo era una specie di bozzo più o meno gonfio a giorni alterni,non visibile esternamente,ma che potevo sentire toccando o premendo la guancia (a seconda di quanto fosse gonfio) e che,di tanto in tanto,mi portava fastidio.
Il medico curante mi prescrisse l’ecografia e da questa risultò la presenza di vari linfonodi gonfi sul lato sinistro del viso e sul collo,ma il dottore disse di non preoccuparmi.
Mi rivolsi ad un chirurgo maxillo-facciale per sicurezza e mi disse che probabilmente il gonfiore era dovuto a qualche allergia (io non sono un soggetto allergico ma lui disse che probabilmente era una allergia sviluppata da poco),oppure al fatto che avevo perso un molare in precedenza devitalizzato ed avevo una “ferita” aperta in attesa di curarlo.Mi prescrisse un antinfiammatorio specifico per le vie respiratorie per 15 giorni e fastidio e gonfiore si attenuarono. Intanto curai anche il dente,ma dopo qualche settimana il fastidio si ripresentò.
Con l’arrivo dell’estate il gonfiore andò a scemare sempre di più, ma questo inverno si è ripresentato sempre nello stesso punto ed in più avverto spesso fastidio dietro o sopra la testa (sempre al lato sinistro) che aumenta se premo con la mano. Non è mal di testa,è più simile ad un dolore muscolare.
Ho rifatto l’ecografia spiegando che il fastidio alla testa è nuovo,ma l’ecografista mi ha controllato solo i muscoli del collo dicendo che è un problema di postura e non c’è bisogno di controllare il cranio (passo 10/11 h al giorno sempre in pedi),basta fare movimenti circolari con il collo più volte al giorno.
Purtroppo sono ancora preoccupata perché non ho notato tanti cambiamenti e non so se a 23 anni è normale un problema del genere.
Vi chiedo un consiglio,non so come muovermi adesso.
Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
La storia clinica che racconta fa propendere per un disturbo gnatologico esteso al collo. Legga con attenzione questo link https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-dolore-facciale.html dove si descrivono i meccanismi con cui si presenta il dolore da disordine temporomandibolare che spesso si associa a cervicalgia https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/822-nuovi-studi-malocclusione-dolore-collo-cervicalgia.html.
Credo che questi linfonodi siano in realtà nodulini muscolari ma senza visita diretta difficile da dirsi.
Cerchi un bravo gnatologo (che magari conosca anche la postura) e senta la sua opinione.
Faccia pure domande non è semplice rendere comprensibile un argomento complesso.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum