Utente 380XXX
Buongiorno, ho 34 anni, fisico atletico, sempre in forma.

Otto mesi fa ho avvertito improvvisamente una strana sensazione di instabilità (testa "leggera") senza problemi di equilibrio. La pressione risultava nella norma.

A distanza di una settimana si è ripresentata la stessa sensazione, alla quale si è aggiunta una fastidiosissima pienezza auricolare bilaterale.

Ho consultato un otorino il quale ha sospettato la presenza di muco (anche se l'orecchio a suo dire era "pulito"): leggera ipoacusia sinistra e terapia con aerosol per circa un mese che però non ha sortito alcun effetto. Un secondo otorino (specialista anche in patologie cervicali) ha riscontrato una leggera ipoacusia sinistra e ha effettuato altri test audiometrici (ABR e VEMPS) risultati nella norma. Mi ha fatto effettuare una rx al rachide cervicale (la quale evidenziava una rettilineizzazione della fisiologica lordosi) e mi ha proposto una terapia per curare la cervicale (elioterapia) dato che il fastidio alla testa era accompagnato da un leggero torpore al piede sinistro. Ho seguito questa terapia per un paio di mesi senza avere benefici. Sono stato da un terzo otorino che ha effettuato altri test e mi ha prescritto un RM encefalo con gadolinio per escludere un eventuale neurinoma del nervo acustico (solo perchè non riusciva a spiegare i sintomi). La RM effettuata a novembre non ha evidenziato nessuna alterazione cosicchè l'otorino mi ha consigliato di consultare un dentista per ricercare eventuali disfunzioni dell'ATM.

Ho consultato due fisioterapisti che mi hanno dato qualche consiglio posturale (tenevo la testa in avanti rispetto alle spalle) e un osteopata che, come l'otorino, mi ha consigliato di consultare il dentista.

Il dentista dopo avermi prescritto una rx dinamica dell'ATM, mi ha confermato la necessità di un bite per "curare" una malocclusione. Ho iniziato a portare il bite inferiore (giorno e notte tranne ai pasti) nei primi di giorni di marzo.

Nel frattempo il fastidio della pienezza auricolare si è attenuato moltissimo (non so se per merito del bite), ma mi è rimasto un senso di "pressione" alla testa con leggera sensazione di instabilità e continuo ad avvertire un torpore / formicolio al piede sinistro (non costante). I sintomi tendono a diminuire in serata, cessano (quasi) se sto disteso per poi ripresentarsi al mattino appena mi alzo dal letto.

Un neurochirurgo mi ha fatto effettuare una nuova RM encafalo e midollo: alcune discopatie e "mega cisterna magna in continuazione con dilatazione degli spazi subaracnoidei (la visibilità della falce cerebellare esclude la presenza di cisti aracnoidea)". Sto prendendo diamox da 15 giorni per controllare il flusso di CSF e mi ha consigliato una RM encefalo di controllo fra sei mesi. Nessun miglioramento.

Io continuo a pensare ad un problema gnatologico. Dopo aver mangiato e tenendo la bocca spalancata i sintomi migliorano molto. Ho un po' di dolore se tocco gli angoli della mandibola, sotto le orecchie.

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Legga con particolare attenzione il capitolo della dimensione verticale e guardi la foto. vedrà come i denti posteriori sono più bassi degli anteriori in quel paziente.... ma se osserverà con attenzione la Sua bocca vedrà notevoli somiglianze anche con il Suo caso. https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-dolore-facciale.html
Il bite l'ha fatta star meglio perché ha aumentato la dimensione verticale.... probabilmente non a sufficienza, infatti stare a bocca aperta forzatamente la fa stare meglio. Il problema è (secondo me) alzare ancora dietro.
Qualcosa sulle vertigini può leggerlo qui https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1466-vertigini-dise-equilibrio-postura-malocclusione-dentale.html
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#2] dopo  
Utente 380XXX

La ringrazio per il Suo intervento. Effettivamente con la mandibola a riposo (senza retrudere) non c'è contatto con tra i denti posteriori (intendo senza bite).

Per far combaciare i denti posteriori dovrei retrudere la mandibola, ma il dentista mi ha detto che è proprio questa mia abitudine ad aver determinato i fastidi alle orecchie.

Nelle ultime settimane stavo avvertendo un peggioramento dei sintomi. Il dentista mi ha consigliato di portare il bite solo la sera ed effettivamente ora va un po' meglio.

Ma il bite non dovrebbe aumentare la sua efficacia proporzionalmente al tempo di utilizzo ?

Ritiene che anche il disturbo al piede e lo stato di tensione generale sia ascrivibile allo stesso problema ?

Come faccio "ad alzare ancora dietro" ?

Mi consiglia di cambiare dentista ?

Perdoni le tante / troppe domande, ma sono stato sempre in splendida forma e voglio assolutamente uscire da questa situazione.

La ringrazio ancora e Le auguro una buona giornata.

[#3] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Si Le consiglio di sentire un'altra opinione. Che il dentista Le consigli di portarlo meno perché quando ce l'ha va peggio mi sembra assai indicativo.
Il problema come al solito non è quanto tempo lo porta... ma come è fatto il bite.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#4] dopo  
Utente 380XXX

Grazie.

Mi consiglia qualcuno in zona di Bari o ritiene che debba necessariamente spostarmi ?

Inoltre volevo approfittare della Sua disponibilità per chiederle se, nel frattempo, ci sono cose da evitare e/o consigli per non peggiorare i sintomi.

Devo evitare di mangiare qualcosa in particolare ?

Ci sono sport che aiutano o possono peggiorare la situazione ?

E' consigliabile un trattamento osteopatico ?


La ringrazio infinitamente.

[#5] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Il bite va rialzato (o rifatto) se portandolo va peggio non ci sono dubbi.
Purtroppo a Bari non conosco nessuno.
Cosa potrebbe aiutarla? un bite ben fatto.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum