Utente 381XXX
Gentili dottori,
Vorrei esporre qui il mio problema: da alcuni mesi a causa dell'articolazione condilo-meniscale e ottavi inclusi che non spuntano, mi è stata diagnosticato una disfunzione atm ed in più la notte tendo a stringere denti. La patologia mi porta una vasta gamma di sintomi di cui acufene,tappamento orecchio,dolori facciali,al collo,otalgia,mal di denti e soprattutto mal di testa sempre.Sto usando bite da 1 mese e mezzo ma i risultati sono scarsi e sono in attesa di estrarre gli ottavi.Vorrei proprio parlarle del mio mal di testa e acufene:premesso che sto sotto esame e sono un po stressato,ma a me sembra strano che da 2 mesi il mal di testa persiste,ho la sensazione che la testa mi scoppia,mi preme,mi sbatte,qualcosa che pressa,dalla tac all'encefalo risulta tutto ok, ma non capisco perchè persiste sempre e non mi da tregua.Infine capitolo acufeni monolaterale non mi danno mai pace,ne notte ne giorno,si abbassano e si alzano in continuazione e guarda caso aumentando mal di testa l'acufene aumenta.strano! Potrebbe esserci un collegamento tra acufene e cefalea?cosa mi consiglia di fare per calmarmi dal mal di testa? è opportuna una visita neurologica per cefalee ed acufeni?
cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, le avevo già risposto tempo fa, ma evidentemente il messaggio non le è pervenuto , o si è comunque "arenato".
La prescrizione di un bite, in un caso come il suo è corretta, ma dire "un bite" é come dire "una pillola" : rappresenta un trattamento assolutamente individuale i (diffido dei preconfezionati che si vendono in farmacia), e , come una pillola consiste nello sbocco terapeutico di una diagnosi che deve essere corretta, e corretta deve essere anche la modalità di assunzione, (e solo a queste condizioni la pillola può risolvere la patologia), così il bite rappresenta la configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista-gnatologo che lo prescrive e fa realizzare: è quest’ultima, cioè la prestazione culturale che il paziente acquista, non l'oggetto artigianale che qualunque tecnico realizza in un'ora di lavoro, e che è di infimo valore venale se disgiunto dalla prima.
Se, ad esempio, un bite è stato prescritto per non bruxare la notte , è molto probabile che il Collega non abbia inteso considerare altri sintomi lamentati anche più importanti, che, sottolineo, non sono presenti solo di notte.

Se il caso presenta le indicazioni e se la conformazione del bite é adatta, gli effetti sono solitamente rapidi, a meno di grandi presenze di aspetti aggravanti, che spesso sono l'esito del lungo perdurare del problema.
I sintomi da lei segnalati possono essere riferibili ad una disfunzione dell'ATM; peraltro l'insuccesso terapeutico con il bite dovrebbe eliminare questa ipotesi: se dopo alcuni mesi di bite, portato 24 ore al giorno pasti esclusi, non si arriva ad un risultato, delle due l'una: o i suoi problemi non dipendono dall'occlusione e dall'ATM, oppure ( e mi lasci questo dubbio) il bite potrebbe essere inadeguato, o, infine, non è stato prescritto con le caratteristiche adeguate al suo caso, forse perché i suoi problemi non rientravano negli obiettivi.
Ovviamente quanto sopra ha valore del tutto relativo, non potendosi avere via rete gli indispensabili riscontri di una visita diretta: è importante che il dentista al quale si rivolge sia esperto in problemi dell'ATM: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità, che prende il nome di “Gnatologia” (scienza dell’Occlusione).
Le suggerirei di dare un'occhiata, in questo stesso sito, agli articoli linkati qui sotto, che possono illustrarle il perché dei sintomi che lamenta.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-disfunzioni-articolazione-temporo-mandibolare-atm.htmlhttp://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/934/La-cefalea-che-viene-dalla-bocca
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com