Utente 385XXX
Buongiorno a tutti,
Sono un ragazzo di 21 anni. Il mio problema riguarda l'ATM di sinistra, che da quando ho 15 anni "scrocchia" quando apro la bocca a un'apertura un po' più che minima (ad esempio, se sbadiglio). Ho da poco fatto una risonanza magnetica di cui, sotto, vi metto i risultati, che parlano di dislocazione anteriore del condilo a sinistra, senza ricattura, ed edema intraspongioso. All'inizio, il problema sembrava una sciocchezza (parlo di 5 anni fa) perché si trattava solo del rumore, ora invece è anche associato ad un costante fastidio muscolare alla faccia che si accentua quando rido o mastico. Tra l'altro, ho anche una masticazione abbastanza scorretta che mi è stato suggerito di correggere con un apparecchio fisso.
Al momento sto portando il bite notturno, ma ancora non saprei dire quanto abbia risolto la cosa. Diciamo che ancora non riesco a non accorgermi di avere due articolazioni temporo-mandibolari, visto che il costante fastidio (non proprio dolore) me lo ricorda.

Ho mostrato i risultati della risonanza a un chirurgo maxillo che mi ha detto che è sufficiente che io porti sempre il bite e che non si tratta di un caso da operare. Siete d'accordo?
Se sì, non c'è quindi nient'altro da fare se non riposare l'articolazione durante la notte? Si risolverà col tempo?

A destra va tutto bene invece?

Ultima domanda: se mettessi l'apparecchio fisso, non potrei portare il bite allo stesso tempo, giusto? E questo andrebbe avanti per almeno due anni. Rischio che la situazione articolazione peggiori nel frattempo? Oppure correggere la masticazione potrebbe portare miglioramenti anche all'atm?

Grazie!

A sinistra risulta regolare il profilo della cavità glenoide e dell'eminenza temporale che non presenta alterazioni di segnale nella sua spongiosa. Il condilo mandibolare presenta lieve ipersegnale in T2 e appiattimento della superficie articolare anteriore con assottigliamento della sua corticale subcondrale; a bocca chiusa il condilo è lievemente distalizzato. A bocca chiusa il disco interarticolare è dislocato anteriormente. In fase di apertura della bocca il disco è ulteriormente sospinto in avanti per cui il movimento di traslazione del condilo si arresta contro la corticale posteriore dell'eminenza temporale. Lamina elastica superiore riconoscibile e in sede. Non segni di versamenti intrarticolari. Aspetto normale per morfologia e segnale della porzione visibile dei muscoli temporale, massetere e pterigoidei. Regolare morfologia e volume del processo coronoideo.
CONCLUSIONI: a destra non si rilevano dislocazioni discali; assottigliamento della corticale subcondrale del condilo. A sinistra dislocazione anteriore del condilo senza ricattura e iniziale edema intraspongioso nella testa del condilo la cui corticale subcondrale è assottigliata. Ridotta escursione del movimento di traslazione dei condili.

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Dislocazione anteriore del condilo o del disco? Come funziona li click? clicchi su http://www.danieletonlorenzi.it/atm/gnatologo-gnatologia-ovvero-studio-dell%E2%80%99articolazione-temporomandibolare-atm/ e quando appare la dizione stai per uscire dal sito medicitalia clicchi su "continua ed apri il sito".
La terapia corretta è:
1) individuare la posizione ideale dei muscoli e dell'occlusione dentale;
2) raggiungerla con l'ortodonzia.

Se il dentista non riesce a risolvere il punto uno non gli faccia fare modifiche permanenti. Legga anche https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-dolore-facciale.html con particolare attenzione alla dimensione verticale.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#2] dopo  
Utente 385XXX

Buongiorno dottore, grazie mille per la risposta!
Le chiederei dunque se ho ben capito: il problema associato al mio disurbo all'ATM è che i denti dell'arcata superiore e dell'arcata inferiore non hanno la stessa altezza. Credo che potrebbe essere. Soprattutto, gli incisivi superiori e inferiori non toccano proprio perché da piccolo ho avuto il vizio prolungato di succhiarmi il pollice.
A questo non è associato un vero e proprio dolore, ma piuttosto un fastidio muscolare nell'area delle articolazioni che di tanto in tanto si estende alle tempie o più in basso verso i denti.
La domanda è: dovrei prima fare un periodo di bite, oppure potrei direttamente raggiungere la posizione ideale dei muscoli e dell'occlusione dentale con l'ortodonzia? Per capire qual è questa posizione, come si fa? Una panoramica e una cefalometria?

Aggiungo che sto già mettendo un bite ma sto avendo dei problemi perché al mattino, quando mi sveglio, sento che la masticazione è leggermente spostata a destra (come se ci fosse un leggero precontatto che prima di metterlo non c'era). Può essere che di notte col bite tocchino di più i denti a sinistra, e poi, di consseguenza, la mandibola sia riprogrammata temporaneamente per toccare di più a destra? Il precontatto sparisce poi col passare della mattinata.
Grazie.

[#3] dopo  
Utente 385XXX

Comunque, si tratta di dislocazione anteriore del condilo. Mi scuso per la svista.

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Questa sensazione di malocclusione è dovuta al bite che forse va ritoccato ne parli con il Suo dentista. Nessuna scorciatoia prima il bite è con questo che si deve trovare la giusta posizione.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum