Utente 571XXX
Gentili Gnatologi sono qui per capire qualcosa del mio problema e magari qualcuno di voi potrà darmi una mano. Da circa 1 anno ogni 4 mesi il mio orecchio DX perde le basse frequenze ( perdita lieve non più di 30 db sui 250 Hz ) con acufeni alla stessa frequenza . Quando l'ipoacusia scompare cambia il tipo di acufene che si trasforma in una sorta di vibrazione a bassissima frequenza che varia di intensità con lo stiramento del muscolo sternocleidomastoideo. Fatta visita da uno gnatologo con elettrokinesiografia e tac 3D . Risultato : mandibola con retroposizione mandibolare e ipomobilita articolare dx. Durante l'apertura la mandibola prima va a destra e poi a sinistra. Secondo lui c'è il dente del giudizio superiore destro che crea interferenza all'apertura e , parole sue, i muscoli li attorno lo sanno. Visto che ultimamente mi sono accorto che il muscolo sternocleidomastoideo a destra e' sempre contratto al massimo così come il trapezio nella zona occipitale ( e fanno parecchio male oltre a far ronzare l'orecchio) mi sono chiesto : ma come mai sto muscolo , sempre a destra e solo lui e' così contratto ? Se lo decontratturo dopo 1 giorno e' di nuovo contratto al massimo!! E solo a destra. La domanda e' : cosa può far mettere in contrazione questo muscolo ? Un altro muscolo legato al dente del giudizio superiore ( che e' venuto giù tantissimo visto che non ha il suo antagonista) che ogni volta che apro la bocca vista l'interferenza si tira ? Sono sicuro che tutti i miei problemi all'orecchio dipendono dallo sternocleidomastoideo quindi mi basta capire che cosa lo rende sempre contratto. Vorrei togliere il dente del giudizio ma sono terrorizzato che possa peggiorare la situazione anche se lo gnatologo ha suggerito caldamente di rimuoverlo .
Ps : il bite ortotico che mi ha creato inizialmente funzionava poi ha smesso ed ora portandolo tendo a peggiorare sebbene me lo sia fatto già aggiustare 1 volta. Che
Mi dite ? Qual e' la giusta catena di eventi che tiene lo sternocleidomastoideo contratto ? Grazie a chi mi vorrà dare qualche suggerimento

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile paziente, la sintomatologia riferita può effettivamente essere sostenuta da un problema occlusale.
E' necessario infatti considerare che la problematica della colonna vertebrale e della cintura scapolare non é sempre isolata e fine a se stessa, ma inserita nel generale contesto posturale dell'intera struttura corporea . Può essere considerata , in molti casi, un sistema di compenso di malposizioni che intervengono nei distretti inferiori ( bacino, ginocchia, caviglie, piedi) solitamente chiamate "Ascendenti", o superiori (malocclusione dentaria con malposizione mandibolare sopratutto) solitamente denominate "Discendenti".
Il comportamento a seguito di trattamento decontratturante ("Se lo decontratturo dopo 1 giorno e' di nuovo contratto al massimo") rinforzerebbe questo sospetto.
Può trovare qualche notizia utile aprendo questo link:

http://www.studiober.com/patologie/occlusione-e-postura/
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

La postura del cranio rispetto alla colonna cervicale non è determinata solo dai muscoli del collo che connettono direttamente questi due sistemi, ma anche da un altro sistema muscolare indiretto formato dai sottoioidei, dai sopraioidei e dagli elevatori della mandibola .
La postura della mandibola è dunque pienamente coinvolta (anche se spesso trascurata) nella postura del sistema cranio-vertebrale. Anzi il suo ruolo va opportunamente rivalutato in considerazione del fatto che la mandibola è l'unico elemento macroscopicamente mobile del cranio, e viene coinvolta non solo in molte funzioni normali (masticazione, fonazione, deglutizione) e patologiche (bruxismo, serramento) ma partecipa attivamente anche all'interpretazione dei diversi stati psichici del soggetto (basti pensare al serramento nei momenti di collera, di paura, di sforzo o di lotta), costituendo molto spesso un indispensabile anello di congiunzione fra lo stress psicofisico e il dolore cefalico e vertebrale.
Se per varie ragioni (scheletriche, dentarie, iatrogene) la mandibola è costretta ad assumere a bocca chiusa una posizione spaziale scorretta (protrusa, retrusa o deviata) ciò causerà necessariamente degli atteggiamenti compensatori a livello del rachide e della cintura scapolo-clavicolare potrebbe spiegare così la sua situazione ("Il Sono sicuro che tutti i miei problemi all'orecchio dipendono dallo sternocleidomastoideo quindi mi basta capire che cosa lo rende sempre contratto").
Per tutto quanto sopra , ha fatto bene a farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi di malocclusione e posturali: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità.
I vari dispositivi ortodontici e i bite sono tutti strumenti validi: è importante che chi li impiega abbia chiaro il caso che affronta.
Non si può giudicare via rete il ruolo di un dente del giudizio estruso e privo di antagonista, ma non c'è motivo di non estrarlo.
Apra anche gli articoli linkati qui di seguito: forse troverà alcuni aspetti che la riguardano.
Cordiali saluti ed auguri

http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-disfunzioni-articolazione-temporo-mandibolare-atm.html
http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-denti.html
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf



Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com