Utente 433XXX

Buonasera, I miei sintomi iniziano a fine giugno 2016 con un improvviso formicolio all'emivolto destro: sopracciglio, area intorno all'occhio , zigomo e guancia destra; questi fastidi - che dopo il primo episodio si ripetono almeno una volta a settimana e in un periodo anche tutti i giorni per 7 gg consecutivi - mi portano in PS dove mi verrà effettuata TAC ENCEFALO (negativa) e Radiografia seni paranasali per sospetta sinusite (negativa). Mi viene consigliata anche RSM ENCEFALO e MAXILLO FACC. CON MDC che effettuo a distanza di pochi giorni (negativa a parte forme sinusodiali mascellari non rilevanti) . Premetto che da metà maggio avevo iniziato della ginnastica facciale con esercizi che prevedevano oltre a ripetuti movimenti mandibolari anche delle pressioni e schiacciamenti in punti nevralgici. Verso fine luglio il senso di formicolio e torpore nelle aree sopracitate va migliorando (noto che molto spesso si verifica dopo viaggi in auto o nave) ma ad esso si somma un'improvvisa sensazione di orecchio tappato lato destro (sempre a destra..stesso lato dei precedenti problemi) accompagnato da uno strano torpore/pizzicore che si estende al collo latero/anteriore lungo tutto lo stenocleidomastoideo e sotto la mandibola destra (zona ghiandola salivare): spaventata effettuo una ecografia che non evidenzia niente tranne un piccola struma tiroideo. La visita neurologica non evidenzia granché e riconduce i miei disturbi a "parestesie e disestesie in territorio del nervo trigemino prima e seconda branca e mi consigliandomi di effettuare esami alla tiroide e di aspettare un paio di mesi per eventuali approfondimenti al trigemino. L'otorino non nota niente e mi invia dallo gnatologo (malgrado sia il mio medico generico che un centro Amplifon avessero notato una "retrazione "della membrana sul timpano dell'orecchio destro ipotizzando una qualche sofferenza della tuba di eustachio). Lo gnatologo individua una malocclusione con problemi all'articolazione dx: BITE rigido notturno arcata superiore da 2mesi. RSM al TEMPOROMANDIBOLARE, questo il referto: Relativa ipomotilità di entrambi i condili mandibolari che giungono occasionalmente all'apice del tubercolo temporale. I menischi articolari paiono sempre interposti all'interfaccia condilo glenoidea. Regolare trofismo delle strutture muscolo fasciali estrinseche della masticazione. Mettendo insieme tutto gli accertamenti con i sintomi indicati (attualmente sono: senso di torpore al trago e lobo orecchio, senso di orecchio tappato, pizzicore lieve e torpore nell'angolo mandibolare e lungo il collo anteriore) e' plausibile ricondurre le mie problematiche a un disturbo temporo-mandibolare o - a vostro avviso - risulta maggiormente valida l'ipotesi di irritazione del nervo trigemino? Esami sangue nella norma tiroide compresa (VES e proteina C reattiva bassissime: questo dovrebbe escludere problematiche alla tuba di Eustachio di tipo infiammatorio?). Vi ringrazio infinitamente. Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
I sintomi che segnala sono molto suggestivi di una problematica ATM. Inclusa la sensazione di orecchio tappato e il coinvolgimento Delle tube.
La approfondita visita gnatologica ed un apparecchio, bite, che realmente determini un riposizionamento dell' occlusione, sono alla base del miglioramento dei sintomi.
D'altra parte, sono state escluse patologie organiche, mentre una generica disestesia del trigemino mascellare non spiega il problema ad orecchioni e tube, che sono invece figure spesso presenti nella disfunzione temporomandibolare.
Cordiali saluti.
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#2] dopo  
Utente 433XXX

La ringrazio molto Dr. Ponzi, la Sua risposta mi tranquillizza e devo dirle che negli ultimi tempi utilizzando regolarmente in vite la situazione sta migliorando.
Grazie a Lei e al sito Medicitalia per la competenza e le professionalità che mettete a disposizione degli utenti.
Un caro saluto.