Utente 395XXX
Buongiornno gentili Dottori, ho scritto più volte in questo sito e vi chiedo di avre ancora un pò di disponibilità e pazienza in quanto i miei sintomi non sono migliorati. Ho forti tensioni al collo che durano da piu' di un anno, forti tensioni al collo forse piu' anteriori, ai muscoli masticatori,dietro le orecchie, dolore alla nuca, al viso, tensione poi piano piano irradiata anche alle spalle/scapole con episodi di sbandamenti e vertigini. Ho fatto mille analisi e accertamenti tutti regolari. Ho effettuato anche una visita gnatologica dove non sono stati riscontrato grandi problemi all'atm, facendomi anche fare una prova con una macchinetta, facendomi stringere i denti con e senza bastoncini di cotone (perdonatemi ma non ricordo come si chiama l'esame e non ho davanti la cartellina) per vedere credo l'equilibrio di forza delle due arcate. Non ho potuto effettuare altri esami, in quanto non ne abbiamo avuto il tempo , anche se il dottore, non avendo riscontrato anomalie nell'atm, le avrebbe considerate più uno scrupolo. La mia domanda è questa: anche senza aver riscontrato problemi all'atm, è possibile avere comunque un dccm? O le due cose sono sempre strettamente correlate e quindi posso abbandonare definitivamente questa strada? Da quando sono iniziati i miei problemi ho sempre avuto la sensazione di chiudere diversamente la bocca, di smaniare per cercare la chiusura corretta, come se i miei denti non chiudessero più come prima, di sentire i muscoli masticatori un pò stanchi e mi sono accorta che da allora, di notte, tendo a serrare i denti (prima invece tendevo a sfregare gli incisivi, ma non in maniera importante) anche se non mi risveglio quasi mai con dolori ai denti e/o mandibole. Tutti i dolori e le tensione sopraggiungono dopo poco che mi sono alzata dal letto. Tutti i medici che ho visto, dopo 1000 analisi fatte, mi hanno parlato di cefalea muscolo tensiva (anche se non ho cefalea), non risolta però con nessuna cura (da laroxyl a miorilassanti, a tecar terapia a tens terapia a massaggi, osteopata, reumatologo......) e iovorrei capire se una muscolo tensione può durare così a lungo, senza un solo giorno di tregua, se può darmi questi fastidi anche alle mandibole e sensazione strana alla chiusura della bocca/denti o se è successo qualcosa alla mia bocca che poi ha portato piano piano alla muscolo trensione di tutti i muscoli piu' o meno coinvolti ... se è nato prima o l'uovo o la gallina....Perdonate le innumerevoli domande alle quali ovviamente potrete rispondermi solo in modo generico, ma purtroppo sto cercando una cura in autonomia visto che i dottori, una volta che hanno riscontrato che non è niente di grave o che non rientra nel loro campo, mi hanno un pò abbandonata a me stessa con una qualità della vita decisamente non soddisfacente, forse pensando fossi anche ipocondriaca e stressata ( non sono ipocondriaca e sono stressata perchè sopportare tutto questo da 1 anno e oltre mi stressa notevolmente!!! Grazie a tutti

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Gentile signora, lei verosimilmente è affetta da parafunzioni(leggi bruxismo,serramento)o anche da una malocclusione(non riferita?) .Ciò creerebbe una disfunzione temporo-mandibolare,ricompresa nel quadro sindromico del Disordine-Cranio-Cervico-Mandibolare.
Riporto quello che narra nel consulto: "..... Da quando sono iniziati i miei problemi ho sempre avuto la sensazione di chiudere diversamente la bocca, di smaniare per cercare la chiusura corretta, come se i miei denti non chiudessero più come prima, .... di sentire i muscoli masticatori un pò stanchi e mi sono accorta che da allora, di notte, tendo a serrare i denti (prima invece tendevo a sfregare gli incisivi, ma non in maniera importante) anche se non mi risveglio quasi mai con dolori ai denti e/o mandibole. Tutti i dolori e le tensione sopraggiungono dopo poco che mi sono alzata dal letto.......
Uno GNATOLOGO esperto dovrebbe essere in grado di
valutare i suoi sintomi ed effettuare un intervento terapeutico
(Bite) mirato.
Cordialità
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 395XXX

Buongiorno Dottore e grazie per la sua tempestiva risposta. Il dentista che mi ha sempre seguita da quando ero bambina e lo gnatologo che mi ha visto qualche mese fa, non hanno riscontrato malocclusione, ma non so se andrebbero fatti degli esami specifici per riscontrarla o se basta "guardare" la bocca e i denti. Probabilmente dovrò consultare un altro gnatologo o tornare dallo stesso per approfondire la cosa.
Grazie e cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Brevemente,ampliando il discorso,le cito alcune cause di DCCM:
-Malocclusione (contatti dentali non idonei tra le due arcate dentali e/o cattivo allineamento dei denti),
-Asimmetrie cranio-mandibolari
-Traumi diretti o indiretti cranio-cervico-mandibolari,
-Vizi di postura,
- Patologie ortopediche e/o fisiatriche, con coinvolgimento della postura cranio-cervicale, Ansie e Stress,
-Terapie Odontoiatriche e/o Ortodontiche incongrue
-Parafunzioni (digrignare o serrare i denti)
-Lassità legamentosa (ipermobilità articolare, frequente nelle donne).
Tutte queste rappresentano le cause più frequenti di una Disfunzione Cranio-Cervico-Mandibolare (muscolare, ossea, articolare).
Per quanto riguarda il rapporto tra malocclusione e DCCM va chiarito il concetto che
il rapporto intermascellare ,cioè quello esistente tra le due arcate della bocca (mandibola e mascellare superiore), è garantito dal contatto dei denti inferiori nei confronti di quelli superiori. Se il contatto dentale non avviene in maniera equilibrata a causa di una malocclusione (dal semplice affollamento, alle malocclusioni dento-scheletriche secondo la classificazione di Angle), con alterazione del corretto rapporto occlusale, o di incongrue riabilitazioni odontoiatriche (protesi, otturazioni, etc), si crea un alterato rapporto posturale della mandibola rispetto alla mascella ed al cranio, con un anomalo rapporto anche dei rispettivi condili mandibolari nei confronti delle cavità articolari del cranio , fino al punto di coinvolgere gradualmente anche la funzione dei relativi menischi articolari e dei muscoli cranio-facciali che lavoreranno in condizioni di stress,generando dolore.
Per il riscontro di malocclusione- DCCM collegata- è sufficiente un esame obiettivo ed eventualmente( secondo le varie scuole di pensiero) possono essere utilizzati esami rx-grafici specifici oltre che funzionali ( kinesiografia,elettromiografia mm. massetere e temporali).
Con la speranza di essere stato sufficientemente esaustivo,
le auguro una Buona Serata



Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia