Utente 440XXX

Gentili Dottori, all'età di 18 anni, per evitare che la malocclusione mi facesse spaccare i denti, mi hanno fatto un trattamento ortodontico che prevedeva la maschera di Delaire per quasi 1 anno e poi apparecchio ortodontico. Il risultato finale fu che mandibola e denti inferiori "indietreggiarono". Poco più che 20enne ho subito un tamponamento, riportando un colpo di frusta curato perfettamente con fisioterapia e osteopatia. Una decina di anni fa mi hanno investito mentre ero alla guida del mio scooter. Ho di nuovo riportato un colpo di frusta che sono andato a curare con fisioterapia e osteopatia. Questa volta, però, sono emerse altre complicazioni: la notte ho iniziato a digrignare. L'osteopata mi ha consigliato di vedere uno gnatologo, il quale mi ha fatto mettere un byte notturno per diversi mesi. Ho smesso di digrignare, ma da qualche mese serro molto fortemente le mandibole e mi sveglio la mattina con dolori muscolari sia alle mandibole sia alla cervicale e al trapezio. Il medico di base mi ha suggerito di fare una RMN cervicale. Il referto dice: "Esame condotto mediante acquisizioni sagittali T1 e T2 e, ai livelli di interesse, assiali T2. Metameri in asse sul piano coronale. Rettilineizzata la fisiologica lordosi cervicale. Iniziale degenerazione discale da disidratazione e consensuale degenerazione osteostrutturale dei somi di C5, C6 e C7. Plurime protusioni disco-osteofitosiche ad ampio raggio, in particolare a C5-C5 paramediana destra, C6-C7 mediana, e C4-C5 paramediana destra, che improntano il midollo. Focalità emiarie a D1-D2 mediana e D2-D3 paramediana-ostiale sinistra, che improntano il midloo. Non alterazioni di segnale parenchimale assiale" Non avendo uno specialista di fiducia su Milano, dove mi sono appena trasferito, prima di fare qualsiasi tipo di visita (di cui vi chiederei suggerimenti), vorrei capire... di cosa stiamo parlando? Vi ringrazio fin da ora.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Cercherò di risponderle partendo dall'inizio e cioè dalla famosa terapia con Maschera di Delaire.
Suppongo le sia stata fatta una diagnosi di malocclusione di 3a calesse dento -scheletrica,giusto?
Allora è bene che sappia che la 3a classe è trattabile a 18 anni solo con Chirurgia+ Ortodonzia.
La Maschera e ' solo utilizzata intercettivamente e precocemente nei pazienti in crescita,perché agendo sulle suture pterigo-mascellari non ancora saldate,( che si saldano a 7-8 anni di vita )"tira" come un cassetto,il mascellare superiore retruso,avanzandolo,e scaricando le forze applicate ,tramite la mentoniera,sulla mandibola,con la speranza di frenarne la crescita.
Ma a 18 anni sa cosa provoca la Delaire a livello mandibolare?
Spinge i condili mandibolari contro le cavità glenoidee del temporale,schiacciando letteralmente le strutture capsulo-ligamentose e basta,non avendo azioni positive(crescita terminata da un bel pezzo),
ma creando una Disfunzione Temporo Mandibolare,già per altro latente nelle 3e classi.
Lei avrà sicuramente nel corso degli anni avuto sintomi quali rumori o click alle articolazioni,dolore ai muscoli masticatori,mal di testa,cervicalgie,vertigini,acufeni,dorsolombalgie e disordini posturali.
Questi sintomi fanno parte del quadro sindromico noto come Disordine Cranio Cervico Mandibolare.
I traumatismi legati agli infortuni stradali avranno peggiorato o reso evidenti sintomi sfumati o latenti,tamponati con fisioterapia ,sedute dall'osteopata ,ecc.
Inoltre lei è anche affetto da parafunzioni ,probabilmente legate alla malocclusione esistente,(anche se non vi sono pareri unanimi su tale correlazione)e che peggiorano i sintomi.
Pare strano che lo Gnatologo consultato si sia soffermato solo
sul bruxismo,senza valutare nell'insieme il complesso quadro disfunzionale.
La logica vuole che si riposizioni spazialmente la mandibola fino al raggiungimento di un equilibrio neuro muscolare stabile,in assenza di sintomi.
Quindi sarà necessario farsi rivalutare da un Gnatologo esperto per una giusta chiave di lettura in senso sia diagnostico che terapeutico.
Cordiali saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia