Utente 484XXX
Gentili specialisti,
Sono una ragazza di 22 anni e da un anno circa soffro di sublussazione mandibolare sul lato sinistro (porto anche un semplice bite per rilassare la muscolatura da qualche mese). La mia domanda é abbastanza semplice: si può guarire da questa cosa? Leggo ogni giorno di persone che ne hanno sofferto per anni e continuano soffrirne nonostante abbiano gia speso migliaia di euro in bite, infiltrazioni, operazioni e chi più ne ha più ne metta. Sono sfiduciata e mi terrorizza l'idea di restare bloccata e dover andare in ospedale un giorno.
Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, se dopo alcuni mesi di bite, portato 24 ore al giorno pasti esclusi, non si arriva ad un risultato, delle due l''una: o i suoi problemi non dipendono dall''occlusione e dall''ATM (ma ne dubito), oppure il bite potrebbe essere inadeguato, o, infine, non è stato prescritto con le caratteristiche adeguate al suo caso, forse perché i suoi problemi non rientravano negli obiettivi.
Sul funzionanento dell''ATM può avere qualche ulteriore informazione visitando il mio sito internet.
Ovviamente quanto sopra ha valore del tutto relativo, non potendosi avere via rete gli indispensabili riscontri di una visita diretta: è importante che il dentista al quale si rivolge sia veramente esperto in problemi dell''Articolazione Temporo Mandibolare (ATM).
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 484XXX

Gentile dottore,
La ringrazio per la risposta. Curiosando sul web, ho trovato buone recensioni sui suoi studi e sto pensando di prenotare una prima visita. Ha dei pazienti che sono riusciti a non aver più episodi di sublussazione dopo il bite specifico?
Glielo chiedo non perché dubiti di uno specialista, ma perché sono davvero impressionata da quanto si legge online sulla non riuscita di nessun metodo in questo campo

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, il termine "sublussazione" può risultare un po' vago: bisognerebbe poter leggere un referto del dentista che l'ha trattata. Comunque dalla sua descrizione non mi sembra un caso grave.
Ovviamente bisognerebbe poter vedere direttamente il suo caso e capire quale obiettivo si era proposto il suo dentista con l'applicazione del bite , e quale bite abbia scelto di applicare e con quale prescrizione in ore/giorno, tutti aspetti che possono incidere sul risultato.
" Ha dei pazienti che sono riusciti a non aver più episodi di sublussazione dopo il bite specifico?"
Come sicuramente le avrà spiegato nil suo dentista, il bite costituisce solo una terapia iniziale di una disfunzione cranio-mandibolare , una via di mezzo fra la conferma diagnostica e una prima terapia. E' del tutto evidente che, rimosso il bite , di giorno se prescritto per la sola notte, come anche rimosso definitivamente dopo mesi, il paziente tende a tornare alla situazione che aveva quando ha cominciato: il bite costituisce solo una terapia iniziale di una disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM). Successivamente si dovrà provvedere ad una riabilitazione ortodontica, protesica o mista che confermi il risultato ottenuto con il bite, oppure proseguire, come compromesso, con il bite a vita.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
il paziente tende a tornare alla situazione che aveva quando ha cominciato.

Tutto vero se non ci fosse un meccanismo di memoria, sa quella cosa che ci fa imparare le tabelline, che ci fa venire fame ad una certa ora del giorno, che ci fa venire sonno alla stessa ora della notte? Non serve dormire tutto il giorno per sapere addormentarsi alla sera, non serve ripetere le tabelline in continuo per fare le moltiplicazioni. Anche nella masticazione c'è una memoria, tutta la nostra vita è scandita da quella. Gli atleti imparano facendo un movimento, oppure osservando un movimento ma una volta imparato lo ricordano. Da bimbi si cade qualche volta per imparare ad andare in bicicletta poi anche se si sta parecchio tempo senza farlo quando si risale non si cade. Io non sono contrario a chi nega l'esistenza della memoria, semplicemente evito di entrare nell'argomento che potrebbe diventare antipatico come in questo post https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/519007-probabile_atm.html
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Scrive il Collega:
"non sono contrario a chi nega l'esistenza della memoria"
Io invece si, sono contrario a chi nega l'esistenza della memoria , perchè lo ritengo un ignorante che non conosce una meccanismo dimostrato scientificamente.
La Memoria Posturale che, come il Collega ben sa conosco molto bene, è però fenomeno sul quale non si può contare SEMPRE, per cui i casi in cui il paziente non mantiene la posizione togliendo il bite di giorno, esitano in un insuccesso clinico pur in presenza di una diagnosi gnatologica corretta.
Nell'interesse del paziente e della mia credibilità professionale, preferisco non contare su questo aspetto favorevole , possibile, ma non prevedibile a priori in tutti i casi, per cui prescrivo di regola e rigorosamente il trattamento h24 (pasti esclusi) , e se il paziente non è disposto ad accettarlo , rinuncio al caso.
Non ho comunque bisogno del permesso del Collega per consigliare la terapia che ritengo migliore, validata nella letteratura scientifica al pari di altre , senza nulla togliere a chi fa diversamente.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
E' del tutto evidente che, rimosso il bite , di giorno se prescritto per la sola notte, come anche rimosso definitivamente dopo mesi, il paziente tende a tornare alla situazione che aveva quando ha cominciato:

Quel del tutto evidente che......
mi sembra cozzi con
"senza nulla togliere a chi fa diversamente."

Nessuno si sogna di mettere in discussione le metodiche utilizzate (non esistono studi che dimostrino la superiorità di una rispetto all'altra) per costruire i propri bite. Ma proprio perché la Sua metodica di lavoro "è validata nella letteratura scientifica al pari di altre" è su quelle comunicative che ho delle riserve.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#7] dopo  
Utente 484XXX

Gentili specialisti,
Ringrazio entrambi per le risposte concitate e appassionate che mostrano una dedizione al vostro lavoro che ammiro. Immagino che su queste problematiche ci siano molteplici pareri e visioni differenti, ragion per cui per noi pazienti è davvero difficile scegliere il compromesso migliore, viste le divergenze e visti, permettetemelo, i prezzi stratosferici anche se è pur vero che la salute non ha prezzo.
Vi ringrazio nuovamente.

[#8] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Grazie a Lei che ha avuto la pazienza di leggerci, io non credo di avere dei prezzi stratosferici (se posto in relazione al tempo dedicato).
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum