Utente 383XXX
Buon giorno, desidero chiedere un opinione in merito ad un dolore temporo mandibolare che da diverso tempo mi affligge e al quale non sono ancora riuscito a trovare una soluzione.

Dolore Localizzato nell' emivolto destro tra orecchio, zigomo e muscoli del collo

Eseguito esame RNM che riporta quanto sotto:

Eseguito con tecniche TSE e GRE senza e con soppressione del segnale del tessuto adiposo, mediante sezioni trasversali e saggitali acquisite a bocca chiusa e aperta
A bocca chiusa :
Non dismorfismi ne lesioni ossee focali a carico dei condili mandibolari
Rapporti articolari conservati con rime articolari di ampiezza regolare
menischi articolari in sede
non versamenti intrarticolari di rilievo clinico bilateralmente
A bocca aperta:
Da entrambi i lati, regolare e simmetrica escursione del condilo mandibolare e del menisco articolare

mi sono rivolto ad uno specialista a Marina di Carrara il quale mi consiglia:
Fisioterapia cervicale , bite piano superiore e terapia comportamentale.

Sottolineo che da tempo mi è stato estratto il molare inferiore 47 e domando se possa realmente non avere nessuna influenza sulla sintomatologia che avverto.

ringrazio anticipatamente per una gradita risposta

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, questo argomento prevede in prima battuta, un approccio essenzialmente clinico (occhi e mani dell’operatore) , e anche le scelte terapeutiche sono in gran parte individuali: ogni gnatologo, oltre a tener conto ovviamente del caso che tratta, segue le indicazioni della propria scuola e della propria esperienza, sia per le esigenze diagnostiche, più o meno sofisticate, che per le caratteristiche tecniche e costruttive del bite. Approfondimenti diagnostici possono essere disposti dal curante , se il caso lo richiede: personalmente lo faccio molto raramente in casi molto gravi. Altri colleghi ritengono utile effettuare altri esami, ma é nel successo terapeutico che se ne giudica l'effettivo vantaggio.Nella maggior parte dei casi le indagini radiografiche e le TAC non sono nemmeno indicate, e la Risonanza Magnetica il più delle volte non aggiunge nulla a quanto uno gnatologo esperto può ricavare da un attento esame clinico.
A posteriori, se la RM non rivela patologie particolari, probabilmente questo poteva essere già chiaro con l'esame clinico.
Sottolineo però che la diagnostica per immagini non è in grado di escludere una disfunzione Cranio Mandibolo Vertebrale: può solo evidenziare problemi anatomicamente definiti, per cui la negatività dell' esame, in presenza della sintomatologia riferita, non esclude di per se la necessità di un approccio gnatologico.
Per giudicare l'indicazione al bite piatto, bisognerebbe sapere con quale diagnosi e con quale obiettivo è stato prescritto.
Purtroppo via rete, senza un esame diretto, non credo si possa dire di più.
Le suggerirei di leggere gli articoli che si aprono con i link qui sotto.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-denti.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-sonno-disfunzioni-cranio-mandibolo.html?refresh_ce
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 383XXX

Buona sera dottore, la ringrazio per la gradita risposta, ho letto i link che ha allegato, la mia esperienza riguardo la rincorsa alla soluzione è stata molto dispendiosa e vana dal momento che effettivamente come dice lei ogni terapeuta segue la sua esperienza e la sua scuola, e infatti ora ho tre Bite che non hanno raggiunto l'effetto sperato...il professionista che mi prescrive il bite che le ho descritto, da quanto ho capito sembra non correlare la sintomatologia descritta alla malocclusione...pertanto attendo il quarto bite augurandomi che sia quello definitivo .

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
"il professionista che mi prescrive il bite che le ho descritto, da quanto ho capito sembra non correlare la sintomatologia descritta alla malocclusione"
Ma allora come pensa di poter risolvere il suo caso? e se non è correlato alla sintomatologia, a cosa serve?
E' sicuro di una valida esperienza del collega nell'argomento?
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente 383XXX

Il professionista mi è stato indicato come un " luminare" di questo tipo di patologia, relatore di conferenze su disordini temporomandibolari ecc... probabilmente lo conoscerà...
mi auguro ancora una volta di aver riposto fiducia alla persona giusta visto i costi sostenuti fin ora..

La diagnosi riporta quanto sotto:

...."suggerisco percorso diagnostico differenziale ex-juvantibus, sulla base dell'ipotesi di una tensione muscolare all'origine dei sintomi. Allo scopo si raccomanda bite piano superiore ....ecc"

purtroppo non ho altri strumenti di valutazione se non quelli di dare fiucia e provare a seguire questo altro percorso ...

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Giustissimo.
Immagino che il bite piano sia prescritto da portarsi di notte.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#6] dopo  
Utente 383XXX

Si le indicazioni sarebbero quelle di portarlo di notte..ritiene non sia sufficiente ( o non risolutivo)??

[#7] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Gentile utente dato che ho lo studio vicino a quel professionista, ci tengo a precisare che non sono io. Io faccio bite inferiori e se in prima visita non trovo una marcata riduzione del dolore non faccio nemmeno il bite, o il dolore si riduce subito oppure nulla.
Faccio questa specificazione per chiarezza.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#8] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Probabilmente è sbagliato il bite, lo porti il tempo che vuole vedrà che cambia poco.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#9] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
"purtroppo non ho altri strumenti di valutazione se non quelli di dare fiducia e provare a seguire questo altro percorso ..."

Esatto, fa molto bene.
Se il caso presenta le indicazioni e se la conformazione del bite é adatta, gli effetti sono solitamente rapidi, a meno di grandi presenze di aspetti aggravanti, che spesso sono l'esito del lungo perdurare del problema.
I sintomi da lei segnalati possono essere riferibili ad una disfunzione dell'ATM; peraltro il successo o l'insuccesso terapeutico con il bite dovrebbe eliminare questo dubbio: se dopo alcuni mesi di bite, portato 24 ore al giorno pasti esclusi, non si arriva ad un risultato, delle due l'una: o i suoi problemi non dipendono dall'occlusione e dall'ATM, oppure ( e mi lasci questo dubbio) il bite potrebbe essere inadeguato, o, infine, non è stato prescritto con le caratteristiche adeguate al suo caso, forse perché i suoi problemi non rientravano negli obiettivi, come mi pare lei abbia confermato ("sembra non correlare la sintomatologia descritta alla malocclusione").
Ovviamente quanto sopra ha valore del tutto relativo, non potendosi avere via rete gli indispensabili riscontri di una visita diretta.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#10] dopo  
Utente 383XXX

tengo a precisare che mi sono rivolto professore in questione su indicazione del dentista che mi ha in cura a Parma.
Pertanto il consulto si è limitato una diagnosi al problema sottoposto, e a indicare al mio curante come procedere per il confezionamento del bite.
Dal commento mi sembra di capire che le indicazioni ricevute sono discordanti con il vostro pensiero o le vostre procedure, ....
un paziente con questa sintomatologia è veramente disorientato!! visto i multifattori che sembrano essere la possibile causa, e il numero di professionisti che inutilmente si interpella senza venire a capo del problema.

[#11] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Un caso complesso richiede un bite fatto da un professionista preparato (in una tecnica). Non mi torna una cosa, il suo dentista ha visto che Lei è malocclusa. L'ha fatta venire dalle mie parti (un dentista a me vicino) perché riteneva di avere bisogno di aiuto ed è venuta fin qua per farsi confermare che serviva il bite e di farlo fare dal suo dentista. Se il suo dentista lo sapeva fare non l'avrebbe inviata qui.
Consiglio........ si faccia chiarire questa cosa Lei deve uscire da questo circolo perverso. Una cortesia ci tenga aggiornati.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#12] dopo  
Utente 383XXX

Buon giorno , mi scusi ma mi sono accorto in ritardo della su risposta.
Si, il mio dentista non essendo gnatologo, ha ritenuto di chiedere una consulenza al dottore vicino a lei ....( che a dire il vero credo sia Professore e specialista in disordini temporomandibolari e abbia prodotto numerose pubblicazioni a riguardo)....nell'indicazione del bite ne è stato suggerito uno piano superiore. Io da paziente in balia del mio dolore e inesperto di gnatologia ho seguito i suggerimenti ricevuti. Ora dicendomi che mi sono rivolto a un ( dentista ), mi fa capire che sono stato mal consigliato o che il professionista in oggetto non è gnatologo....ma esiste un albo di medici gnatologi A cui un paziente può rivolgersi senza dover sperare di inciampare nel professionista giusto?

[#13] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Si il prof a contratto (molti di noi del sito lo sono stati in passato) ha davvero molte pubblicazioni di gnatologia ma segue concetti che gli gnatologi che rispondono qui non condividono. Purtroppo non esiste una specialità di gnatologia è solo una passione che seguono alcuni dentisti che si dedicano solo (o prevalentemente) a questo argomento. Su queste opinioni diverse prima o poi gli gnatologi dovranno confrontarsi tra loro per fare chiarezza nei confronti dei pazienti.
Mi spiace molti dentisti hanno le idee poco chiare e le opinioni espresse dalle diverse modalità di approccio rendono più confusi i pazienti con questi problemi.
Si affidi a qualcuno che le ispira fiducia e senta una seconda opinione.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#14] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Una curiosità: il suo dentista ha ritenuto di farle consultare uno gnatologo, e le ha consigliato per questo di farsi periodicamente la Cisa.
Ma di fronte al responso che non correla la sintomatologia descritta alla malocclusione, e all'indicazione di eseguire un bite piatto, che chiunque è in grado di fare, ma che non è rivolto a trattare il problema che la affligge, è stato soddisfatto della consulenza ricevuta?
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#15] dopo  
Utente 383XXX

Dottore, buon giorno, il mio medico ha consigliato questo professionista in quanto ha partecipato ad alcune delle sue conferenze e ha ritenuto potesse essere titolato a proporre una soluzione.
Riguardo la mia soddisfazione comprendo la sua osservazione, ma le ricordo che mi trovo spesso obbligato ad interrompere riunioni dal dolore o talvolta arrestare l'auto....Cosa dire?! mi rivolgo al fisiatra che mi diagnostica un Artosinovite dell'ATM destra con mialgia del massetere temporale sternocleidomastoideo e omoideo con ripercussioni in C3 e C4 e mi propone una serie di terapie; ...faccio di mia iniziativa una RNM e risulta negativa( contraddicendo il fisiatra ).....allora ognuno senza rispondere della propria diagnosi o del proprio intervento propone costose cure e consulenze (ben pagate) e qualora non fossero risolutive o ancor meglio inesatte, il paziente si trova ancora con il suo dolore senza causa e senza denaro ....e alla ricerca di una cura.
Comunque, il giorno 2 Maggio, ritiro il bite, lo porterò per quanto indicato e se non dovessi trovare giovamento come credo di aver capito dal suo commento, mi aspetti al suo studio di Parma!!... se vorrà???

[#16] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
"faccio di mia iniziativa una RNM e risulta negativa( contraddicendo il fisiatra "
Mi riporterebbe per esteso il referto del radiologo? ( vorrei sapere cosa dice, perchè non é detto che contraddica).
Io capisco l'insoddisfazione del paziente per l'insuccesso, ma purtroppo deve essere chiaro che tutti abbiamo degli insuccessi.
Io mi chiedevo però se il suo dentista, che non è paziente , ma tecnico di settore, e conosce il suo caso, sia stato soddisfatto della consulenza ricevuta, e abbia condiviso con convinzione la terapia proposta.
In pratica succede che il paziente sta male, e si trova di fronte a due strade , che peraltro sono complementari: il fisiatra parla di "Artosinovite dell'ATM destra con mialgia del massetere temporale sternocleidomastoideo", che sono , specialmente l'ATM, di competenza dello gnatologo.
Lo gnatologo ritiene invece che i dolori non siano di competenza gnatologica, però prescrive un bite notturno (8 ore su 24) , la cui costruzione peraltro delega al dentista: per fare un bite piatto notturno non credo servisse una gran consulenza, ma se l'occlusione non è coinvolta, non ne è chiara la funzione. Consiglia peraltro fisioterapia cervicale, però il Fisiatra ha parlato di problema all'ATM.
A mio parere, o cambia fisiatra o cambia gnatologo.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#17] dopo  
Utente 383XXX

....La condivisione del mio dentista forse deriva dal fatto che seguendo i corsi tenuti da questo professionista/associazione, avrà acquisito nozioni e modi operativi dello stesso, e di fronte al referto che le ho riportato, probabilmente ha ritenuto valida questa terapia....io la mia perplessità l'ho sollevata!!
Ma come lei sà, di fronte a questi problemi irrisolti, si arriva sempre al fattore psicologico!! ....lo stress ecc....Si! lo stress viene per forza quando convivi con un dolore simile!! per cui si arriva al discorso.. " se questo non funziona possiamo provare con farmaci antidepressivi ", dei quali non voglio nemmeno sentire parlare.

comunque se non avrà successo nemmeno questo bite lo aggiungerò agli altri tre anzi due visto che uno l'ho gettato via....

1 bite : Placca occlusale
1bite : Anterior bite ( sempre superiore )
1 bite : morbido ( tipo silicone )...inutile


Il referto dell'RNM riporta quanto sotto:

Eseguito con tecniche TSE e GRE senza e con soppressione del segnale del tessuto adiposo, mediante sezioni trasversali e saggitali acquisite a bocca chiusa e aperta
A bocca chiusa :
Non dismorfismi ne lesioni ossee focali a carico dei condili mandibolari
Rapporti articolari conservati con rime articolari di ampiezza regolare
menischi articolari in sede
non versamenti intrarticolari di rilievo clinico bilateralmente
A bocca aperta:
Da entrambi i lati, regolare e simmetrica escursione del condilo mandibolare e del menisco articolare

[#18] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Le problematiche psicologiche sono spessissimo presenti anche nelle disfunzioni dell'Articolazione Temporo Mandibolare: anche la bocca è un organo di stress, e spesso reagisce agli eventi stressogeni con parafuzioni quali bruxismo e serramento, diurni e notturni, che accentuano , se presenti, i problemi occlusali, amplificandone gli effetti dannosi.
Sottolineo però che chi non si occupa di gatologia (o addirittura ne sorride), o ritiene il ruolo dell'Occlusione "superato", spesso non crede quanto i pazienti con problemi gnatologici possono soffrire a causa di questi, e a fronte di racconti drammatici, sono portati ad ascrivere il problema alla sfera psichica (succede regolarmente anche su MI+), il che é peraltro comprensibile, perché veder trascorrere anni di dolore senza trovare rimedio, e sentirsi parlare di stress o depressione é per il paziente davvero deprimente: in quelle condizioni saremmo un po' "schizzati" tutti, e la diagnosi in tal senso sarebbe paradossalmente corretta , anche se fuorviante rispetto al vero problema, che é somatopsichico, non psicosomatico.
Il referto della RM è sostanzialmente negativo, ma , come già le scrissi, non è detto che contraddica quanto dice il fisiatra sull'ATM, giacchè le tecniche per immagini possono rilevare solo quanto di anatomico è presente: la disfunzione non appare, il dolore non si "fotografa", e il medico cura il paziente, non la radiografia o la RM.
La suggerirei comunque di leggere l'articolo che le linko qui sotto, e sopratutto quello linkato alla fine: forse le sarà èiù chiaro perchè le opinioni in casi come il suo possono essere discordanti.
Cordiali saluti ed auguri.
https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/7140-ruolo-occlusione-patogenesi-bruxismo.html
.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#19] dopo  
Utente 383XXX

Gentile Dottore, dopo aver avuto le vostre opinioni in merito alla questione che vi ho sottoposto, desidero aggiornarvi, in quanto il giorno 24/04 ho ritirato il Bite descritto come " Splint superiore con guide di disclusione "... E l'ho indossato oltre la notte, in vari momenti della giornata nei quali mi è stato possibile.
Le confermo che non ha sortito alcun effetto se non quello di sentire meno pressione/dolore all'orecchio ma il disturbo all'ATM non è cessato .
Sono soddisfatto ..Ottimo investimento.

Grazie nuovamente
cordiali saluti