Utente 517XXX
Salve a tutti. Sono un ragazzo di quasi 30 anni e ho problemi di malocclusione sin da piccolo e che non ho avuto modo di curare. Dopo aver fatto visite in merito solo in un periodo compreso tra il 2012 e il 2014, viene fuori che il mio problema si puó risolvere solo con un intervento chirurgico..difatti la malocclusione deve essere una di quelle agli "ultimi stadi", ho morso aperto, palato stretto, per intenderci anche afferrare un pezzo di panino é diventata quasi un'impresa. Mi hanno fatto estrarre anche i denti del giudizio in ottica intervento ma da quel momento in poi nessuno si é piú fatto sentire per iniziare il trattamento, sono trascorsi 3-4 anni e non capisco come mai le liste siano così lunghe (parliamo di un policlinico famoso).

Adesso venendo al presente. Sono reduce (proprio ieri) da un'estrazione di un molare inferiore (non quello vicino al dente del giudizio ma il "primo") devitalizzato piú di 10 anni fa che ha iniziato a darmi noie in questo periodo, infatti l'infezione era ormai andata in profondità e non c'era possibilità di salvarlo (ho sentito due pareri diversi).

Data la situazione della mia bocca non proprio semplice, come comportarsi nel post estrazione viste le mie problematiche occlusali? Per l'impianto con quale tempistica intervenire? Sento parlare anche di byte in casi simili (se non ho capito male) ...nel mio caso potrebbe prevenire ulteriori alterazioni?
Di tutto questo ovviamente ne parleró col dentista tra una settimana quando toglieró i punti, ma volevo avere un'idea "anticipata" di come si procede in linea generale in questi casi.

Grazie, un cordiale saluto!

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Preliminarmente va valutata la esistenza di un disordine temporo-mandibolare(legga)e veda se si riconosce
nei sintomi



https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-e-dolore-facciale.html



Successivamente in assenza di sintomi,valutare un approccio ortodontico o combinato ortodontico-chirurgico.
Da tenere presente la possibilità che abbia una deglutizione atipica che andrebbe possibilmente corretta con la logopedia,pena la recidiva anche dopo la eventuale chirurgia ortognatica.La riabilitazione implanto protesica è l'ultima da affrontare.
Intanto consulti un esperto in Ortodonzia e Gnatologia per una corretta valutazione clinica ed un congruo piano terapeutico.


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 517XXX

Salve Dottore. Devo dire che mi riconosco in alcuni sintomi di quelli elencati. In particolare capita non raramente di sentire "scrosci" in corrispondenza dell'osso vicino l'orecchio quando apro la bocca.
Anche riguardo la logopedia in quel periodo una dottoressa me ne aveva accennato...infatti uno dei problemi, forse legato a queste disfunzioni, é che tendo anche a "mangiarmi" le parole e parlare in modo frettoloso.
La ringrazio.
L'aggiorno fra qualche settimana eventualmente.

Cordiali saluti