Utente 949XXX
mia figlia di 16 anni da un paio di mesi accusa un blocco alla mandibola quando apre notevolmente la bocca, poi piano piano la rimette a posto ma a questo punto si sente un click abbastanza forte.
il mio dentista dice che si tratta della sindrome dell'atm e ci ha consigliato di metterle un bite?
potere consigliarmi in merito?
posso fidarmi o sarebbe meglio farla vedere da uno gnatologo? dalle lastre e dalla visita lui dice che non ci sono problemi di mala occlusione ma dice che forse ci vorrà anche un apparecchio di ortodonzia fissa e che il tutto verrebbe a costare 5.000 euro. Vorrei dei chiarimenti in merito a questa sindrome dell'atm e se potete consigliarmi uno gnatologo bravo e professionale a Palermo, se fosse anche con la mutua sarebbe meglio. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Prima di spostare i denti Le consiglio di "mettere ordine" alla articolazione temporomandibolare di sua figlia. Data la distanza ed il fatto di non poter visitare Sua figlia è difficile dirLe altro.
Saluti
Daniele Tonlorenzi
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#2] dopo  
Utente 949XXX

grazie infinite per la celere risposta, scusi l'ignoranza ma cosa vuol dire "mettere ordine "all'articolazione temporo mandibolare? infatti io non riesco a capire il motivo dell'ortodonzia fissa in quanto la ragazza non ha problemi di chiusura perchè a detta del dentista ha una occlusione del cento per cento e i denti sono drittissimi. Il problema è il dolore che prova quando apre grande la bocca e la mandibola le fa lo scatto, per farle capire come quando si schiaccia una noce con l'apposito attrezzo.
lei saprebbe indirizzarmi?
quali problemi si corrono se non si interviene in tempo?
grazie ancora ma sono molto confusa!

[#3] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Gentile utente il collega ha detto: "non ci sono problemi di mala occlusione ma dice che forse ci vorrà anche un apparecchio di ortodonzia fissa e che il tutto verrebbe a costare 5.000 euro". Si tratta secondo me di una contraddizione di termini, la ragazza non è malocclusa (i denti sono dritti) perché dovrà fare ortodonzia per spostare i denti? Riformuliamo la domanda se i denti sono dritti e Lui li vuole spostare li vuole mettere storti? Ripeterei la stessa domanda ad un collega gnatologo delle Sue zone, che forse Le darà risposte diverse.
Saluti
Daniele Tonlorenzi
PS Il bite probabilmente serve.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#4] dopo  
Utente 949XXX

Grazie ancora, anche io da ignorante avevo capito che qualcosa non andava. Il Bite se non ho capito male serve per "mettere ordine" all'articolazione? lei non mi può aiutare a trovare un suo collega gnatologo a Palermo o dintorni? Le sarei veramente grata se potrebbe dirmi quali rischi si corrono a non intervenire tempestivamente. Credo che non andrò dal dentista che le dicevo e che quindi ricomincerò tutto da capo. Le chiedo troppo se può delucidarmi le idee in merito alla sindrome dell'atm? sa mi servirebbe per trovarmi preparata perchè in questi casi l'ignoranza gioca brutti scherzi! io personalmente ho saputo dello gnatologo proprio tramite il vostro sito e sono veramnente soddisfatta che esistano professionisti come lei che mettono tutti noi in condizioni di poter chiedere e sapere! Grazie ancora

[#5] dopo  
Utente 949XXX

Grazie ancora, anche io da ignorante avevo capito che qualcosa non andava. Il Bite se non ho capito male serve per "mettere ordine" all'articolazione? lei non mi può aiutare a trovare un suo collega gnatologo a Palermo o dintorni? Le sarei veramente grata se potrebbe dirmi quali rischi si corrono a non intervenire tempestivamente. Credo che non andrò dal dentista che le dicevo e che quindi ricomincerò tutto da capo. Le chiedo troppo se può delucidarmi le idee in merito alla sindrome dell'atm? sa mi servirebbe per trovarmi preparata perchè in questi casi l'ignoranza gioca brutti scherzi! io personalmente ho saputo dello gnatologo proprio tramite il vostro sito e sono veramnente soddisfatta che esistano professionisti come lei che mettono tutti noi in condizioni di poter chiedere e sapere! Grazie ancora

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Il bite serve per "mettere ordine" al problema articolare (click) e muscolare (dolori masticatori). Per la sindrome dell'ATM devo dirLe che può presentarsi in molta maniere, talvolta apparentemente non correlate al disturbo occlusale. Prima fa terapia e forse più facile è la soluzione. Talvolta i quadri clinici hanno evoluzioni veloci, moderate, lente e talvolta rimangono così per un tempo molto lungo. Per lo specialista nei Suoi paraggi non so aiutarLa, speriamo la legga qualche collega di quelle parti.
Saluti
Daniee Tonlorenzi
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#7] dopo  
Utente 949XXX


gent.mo dott. ho fatto visitare mia figlia da due specialisti in gnatologia e da ambedue ho avuto la stessa diagnosi e ciè che si tratta di disturbi temporo-mandibolari dovuti a una scorretta posizione della mandibola quando chiude la bocca. Questa cattiva chiusura ha provocato lo scivolamento del cuscinetto dal condilo (mi scusi sa sbaglio le parole , almeno è questo che tecnicamente ho capito )e di conseguenza la mandibola si blocca in apertura provocando quel click quando poi richiude la bocca. Dalle varie lastre si vede proprio che quando la mandibola è in posizione di riposo lo spazio tra il condilo e il cuscinetto è minimo, invece uno dei due specialisti ha fatto una radiografia utilizzando uno spessore di cera tra i denti e si vedeva che in quella posizione lo spazio ere corretto e nello stesso tempo in fase di apertura e chiusura non c'era più il click del blocco. il problema che i due specialisti mi hanno sottoposto delle terapie diverse.
Uno sostiene che mettendo un bite la mandibola si metterebbe a posto non avrebbe più il blocco ma che dopo che il bite ha fatto il suo lavoro il lato dx avrebbe più spazio del sx cosicchè ci sarebbe bisogno di una terapia di ortodonzia per livellare gli spazi, o l'altra soluzione è quella che la ragazza dovrebbe portare sempre il bite per evitare che la mandibola ritorni nella posizione iniziale.
L'altro specialista mi ha invece detto che la terapia con il bite non è consigliata in quanto alla fine se non lo si utilizza più la mandibola ritorna alla posizione normale. Ci ha parlato invece di un apparecchio chiamato planas che messo nelle due arcate e portato tutte le notti a in gran parte della giornata per non meno di tre anni non solo fungerebbe da bite risolvendo il problema mandibolare ma che riporterebbe anche i denti alla chiusura ideale cosicchè lei non avrebbe più problemi di blocco. Non so a chi affidarmi dei due anche perchè avevo sempre sentito parlare di bite e non avevo mai sentito parlare di planas per la cura della mandibola ed è per questo che infatti sono perplessa su questa soluzione. Non so che pesci prendere perchè tutti e due mi sono sembrati preparati. Lei cosa ne pensa dell'apparecchio planas? Sa le cure sono costosissime, per una famiglia di impiegati e il dubbio ti viene non tanto per la spesa ma per intraprendere la soluzione più giusta. Le sarei grata se potrebbe ancora una volta aiutarmi. grazie

[#8] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Dalla descrizione che lei ha fatto mi sembra che lei si sia rivolta a due professionisti seri.
Le hanno in effetti detto due cose simili.
Non conosco sufficientemente Planas e conosco marginalmente le sue teorie, che comunque mni appaiono affascinanti, e mi riprometto di colmare questa mia lacuna culturale al più presto.

Tutte e due le strade, in mano a validi e preparati colleghi, sono degne e ottengono risultati.
A naso io opterei per la prima strada, essenzialmente perchè è quella che conosco, ma non posso dirle nulla contro la seconda strada.

Si rivolga al collega che le ispira maggior fiducia; la copmpetenza in quello che si sta facendo è prioritaria su ogni altra considerazione.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#9] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
https://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=70362
può leggere le risposte li, continiamo la risposta nello stesso forum.
Saluti
Daniele Tonlorenzi
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#10] dopo  
Utente 949XXX

grazie ancora della pazienza, anche a me tutti e due hanno ispirato fiducia e credo che con metodi diversi otterrebbero lo stesso risultato,ilvero problema è il costo dell'intero trattamento che nel primo caso si aggira attorno ai 4.000 euro mentre nel secondo è 6.500.
non capisco la differenza sostanziale dei due trattamenti e quindi non so che fare!
grazie

[#11] dopo  
Dr. Lorenzo Alberti

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Scelga il primo.
Dr Lorenzo Alberti
www.drlorenzoalberti.it
www.miolabroma.it

[#12] dopo  
Utente 949XXX

ma per il costo che è molto esagerato nella seconda ipotesi o per altro?
grazie

[#13] dopo  
Dr. Lorenzo Alberti

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
No, non per il costo. Mi perdoni la laconicità della precedente risposta, dovuta al fatto che mi sembra di aver riconosciuto la sua questione anche su un altro portale specifico dove ho letto, oltre che quelle su questo, risposte competenti ed esaurienti. Concordo con il dr Formentelli quando dice che entrambe le strade in mano a colleghi esperti, sono in grado di dare risultati. Mi è venuto spontaneo consigliarle il primo metodo perchè è quello col quale ho maggiore esperienza e che mi fa ottenere risultati ottimali. Però non è vero che sia sempre assolutamente necessario ricorrere all'apparecchiatura ortodontica dopo il periodo di riposizionamento mandibolare con bite (a proposito, immagino sia stato stabilito in circa 6/9 mesi h24 ); a volte lo spostamento dei denti necessario per stabilizzare la mandibola nella nuova e corretta posizione è minimo, per cui è sufficiente "gestire" il bite eliminando della resina e permettendo così ai denti posteriori di andare a contatto tra loro, impedendo definitivamente la recidiva nella posizione iniziale. La validità di questo processo è direttamente proporzionale alla giovane età, per cui potrebbe essere il caso di sua figlia.
Planas lo conosco a livello culturale. Ma non ho l'esperienza per poterlo s/consigliare. Inoltre è metodo meno seguito sul territorio nazionale.
Il mio è stato solo un consiglio un poco "sbilanciato" a livello personale.
Cordialità.
Dr Lorenzo Alberti
www.drlorenzoalberti.it
www.miolabroma.it