Utente
Gentili dottori,
Da circa 4 mesi soffro di dolori al collo, mal di testa (fitte sul lato destro occipitale e temporale).
Il mio medico curante ritiene che siano indotte dallo stress (Dolori alla testa siano nevralgie, quindi mi consiglia le solite raccomandazioni da cervicale).
Sento al collo degli schiocchi abbastanza forti quando eseguo una rotazione dello stesso lungo l’asse verticale (da sinistra a destra) oppure se compio una rotazione nel piano perpendicolare (inizialmente testa poggiata sulla spalla destra per poi levarla e poggiarla sulla spalla sinistra).

Ho fatto sedute di fisioterapia, e manipolazioni osteopata (il quale ritiene che la contrattura dei muscoli porta ad un attrito tra C1 e C2).
Io mi sono accorto che compiendo gli stessi movimenti a mandibola aperta, da sdraiato, oppure in posizione inclinata in avanti lo schiocco al collo scompare del tutto.
Rimane il problema se sono in piedi o seduto ovvero quando il peso della testa grava tutto sul rachide.
Inoltre sento sempre l’esigenza di aprire la mandibola e traslarla dal lato del dolore, soprattutto dopo lo schiocco che sento al collo.

Entrambi i denti del giudizio inferiori sono spostato verso l’esterno rispetto all’arcata dentale potrebbe centrare qualcosa?

[#1]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
VICENZA (VI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile paziente, è necessario considerare che le problematiche della colonna cervicale (ma anche lombare) non sono sempre isolate e fini a se stesse, ma inserite nel generale contesto posturale dell'intera struttura corporea . Può essere considerata , in molti casi, un sistema di compenso di malposizioni che intervengono nei distretti inferiori ( bacino, ginocchia, caviglie, piedi) solitamente chiamate "Ascendenti", o superiori (malocclusione dentaria con malposizione mandibolare sopratutto), chiamate Discendenti .
La postura del cranio rispetto alla colonna cervicale non è determinata solo dai muscoli del collo che connettono direttamente questi due sistemi, ma anche da un altro sistema muscolare indiretto formato dai sottoioidei, dai sopraioidei e dagli elevatori della mandibola
Se per varie ragioni , in particolare legati alla malocclusione dentaria, la mandibola è costretta ad assumere a bocca chiusa una posizione spaziale scorretta (protrusa, retrusa o deviata) ciò causerà necessariamente degli atteggiamenti compensatori a livello del rachide, ma indurrà anche uno sbilanciamento dei muscoli del cranio , facilitando l'insorgenza di cefalea che infatti in passato si chiamava "muscolo-tensiva" e, se associata a problemi cervicali, "cervicogena".
Per tutto quanto sopra , le consiglierei di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi di malocclusione e posturali: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità.
Le suggerirei anche di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema complessivo, che forse non riguarda solo la rachialgia: se si riconosce nella problematica affrontata, eventualmente mi faccia sapere.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/2326-dolore-cronico-disturbi-nel-sonno-e-disfunzioni-cranio-mandibolo-vertebrali.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/934-la-cefalea-che-viene-dalla-bocca.html
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com