Utente cancellato
salve,
avrei bisogno di un aiuto. a 17 giorni da un rapporto a "rischio" (tra virgolette perchè il rischio deriva da una rottura parziale del profilattico in una zona laterale che per nulla ha intaccato la zona del glande e del serbatoio) mi ritrovo con una sintomatologia che persiste dal giorno dopo del contagio: tosse (non forte e non continua, ogni tanto mi viene un colpetto), dolori muscolari e da 4/5 giorni un paio di linfonodi ingrossati nel collo in posizione simmetrica.La mia dottoressa ha detto che sono molto poco gonfi per destare preoccupazione e che secondo lei può essere l'effetto della tosse prolungata...ma io sono terrorizzato. Inoltre ho un dolore al torace, nella zona laterale, ma l'ecografia che ho fatto ha escluso problemi e il medico ha detto che ho un infiammazione. La mia domanda è: Nelle persone che sviluppano sintomi dopo il contagio da HIV, sono presenti tutti (o gran parte) dei sintomi generalmente indicati (febbre, mal di testa, rush cutanei, linfonodi ingrossati in un numero abbastanza rilevante ect ect) oppure può capitare di svilupparne solo alcuni come nel mio caso? So che molti non accusano sintomi, ma tra quelli che li accusano, ce ne sono alcuni sempre presenti? L'ultima cosa che le chiedo è: i linfonodi per preoccupare devono essere molto gonfi e comunque più di 2?
La prego mi aiuti ho molta paura

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

i suoi disturbi e i suoi linfonodi non hanno alcuna correlazione con un eventuale contagio da HIV, perchè il contagio è asintomatico e può restare tale anche per molti mesi ed anni.

Storia dell'AIDS
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=119197

Cordiali saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
131818

dal 2010
egregio dottore,
ma secondo lei è possibile essere contagiato in questo modo? I linfonodi gonfi in caso di Sindrome Retrovirale Acuta, sono molto gonfi? la prego mi risponda a questa domanda perchè è importante
Oggi sono passati 20 giorni dal rapporto e venerdi andrò a fare un test che i medici del centro di virologia hanno detto essere valido dopo 21 giorni...è un test combinato....possibile? Secondo lei i disturbi che ho possono essere frutto di paranoie e quindi di una somatizzazione? Sono molto ansioso...

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Tutto è possibile, ma, dalla dinamica da lei fatta, poco probabile che vi sia stato un contagio.

Lasci stare i linfonodi, che, nel suo caso, non hanno alcuna correlazione con l'HIV.
Il test a 21 giorni va bene, ma meglio sarebbe farlo a 30 giorni, per aumentarne l'attendibilità.

Mi faccia sapere, se lo desidera.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
131818

dal 2010
secondo lei è possibile che queste 2 "tozze" (piccoline) che sento nel collo siano contratture muscolari? perchè ho un gran mal di schiena e di collo apputno e mi è sorto questo dubbio...come si riconosce se è un linfonodo? Non è molto gonfio tanto che ad occhio nudo non si vede nulla, bisogna solo tastare un pò per sentire questa bozza...Comunque il test a 22 giorni quanto è attendibile? in percentuale dico
La ringrazio

[#5] dopo  
131818

dal 2010
i linfonodi leggermente gonfi possono dipendere da una leggera forma influenzale che ho preso? leggera febbre per 2 3 giorni e tosse leggera e stanchezzache mi sono portato dietro per un paio di settimane...il medico mi ha detto che mi ha durato così perchè non mi ha sfogato in febbre alta...può essere questo il motivo dei linfonodi gonfi (ripeto, molto poco) ?

[#6] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
il gonfiore dei linfonodi del collo può dipendere da una infiammazione locale naso-faringea.
Il primo test a 22 giorni (meglio se a 30 giorni) è attendibile intorno al 100% (97%).

Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#7] dopo  
131818

dal 2010
quindi secondo lei non mi devo proccupare?

[#8] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
secondo me NO
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#9] dopo  
131818

dal 2010
gentilissimo dottore,
un ultima domanda: dopo quanto si dovrebbero sgonfiare i linfonodi? si gonfiano appena uno prende l'eventuale infezione (nel mio caso tosse e un po di raffreddore e febbriciattola) oppure dopo un po di giorni? E per quanto tempo max rimangono "gonfi"?
la ringrazio molto

[#10] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
i linfonodi, una volta tumefatti, possono rimanere per sempre in questo stato
anche se non più dovuta ad una infiammazione in corso
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#11] dopo  
131818

dal 2010
salve dottore,
non sono riuscito ad aspettare perciò ho effettuato stamane un altro test Anti HIV1-2(IgG)+HIV1 p24ag con esito negativo...sono passati 22 giorni e il medico ha detto di ripresentarmi per scrupolo tra 3 mesi...è dello stesso parere? posso stare tranquillo?

[#12] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Concordo con il suo medico.
Tranquillo.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it