Utente 368XXX
Sono maschio e ho avuto un rapporto occasionale con una sconosciuta in un paese estero.
Premetto che il rapporto vaginale è stato protetto dall'inizio alla fine dal preservativo ma ci sono stati un paio di minuti in cui passivamente ho subito una fellatio profonda (pene comletamente in bocca, nessuna lesione sul pene ne prima ne dopo il ra) e un paio di minuti in cui ho particato il cunilingus massaggiando solo con la punta della lingua il clitoride di lei (quindi contatto limitatissimo).
E' passato un mese dall'accaduto e non ho sintomi specifici se non una fortissima ansia che mi toglie l'appetito visto che, di tendenze ipocondriache, non faccio che pensare all'accaduto maledicendo quella cosa che ho fatto in un momento di debolezza.
Chiedevo:
- quali sono i rischi per la fellatio che ho subito per l'HIV
- quali sono i rischi per il cunilingus che ho praticato per l'HIV
- se ci sono rischi per la fellatio deduco ce ne siano anche per i baci profondi ? o il rischio della fellatio è solo per chi la pratica ?

Spero di ricevere parole di conforto visto che attualmente, più che l'hiv credo che il probelma fondamentale sia l'ansia

grazie e cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

sottolinando ocmunque la sua ultima affermazione, le significo che il rischio di MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI soprattutto non HIV (dalla Sifilide alla condilomatosi all'infezione da POX) è sempre presente in caso di rapoprti orali.

le consiglio per la sua tranquillità di determinarsi con il VENEREOLOGO che è lo specialista Medico preposto per queste situazioni.

Cari saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo ,ROMA

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 368XXX

Parafrasando ciò che lei scrive quindi direi che per quanto riguarda l'hiv la possibilità di un contagio nelle modalità descritte è estremamente improbabile ma molto più probabile un contagio di altro tipo giusto ? Considerando comunque che non ho sintomi di alcun genere (febbre, ingfrossamento di ghiandole ecc.) dopo un mese crede che possa stare tranquillo comunque ?
Gli esami serviranno forse più la mia psiche mi pare di capire o sbaglio ?

Di nuovo grazie per il suo servizio umano prima che di medico

Cordiali saluti